×
1 747
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Head of Production
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Site Management Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ELENA MIRO'
Head of Merchandising & Buying
Tempo Indeterminato · ALBA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
PATRIZIA PEPE
Digital Adversiting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Business Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
CONFIDENZIALE
IT Help-Desk
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
International Key Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
CRM Manager, Fashion Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
NALI ACCESSORI
Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · NAPOLI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Business Developer- Interior Design Lusso
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Rtw ww
Tempo Indeterminato · VICENZA
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Denim
Tempo Indeterminato · VICENZA
CONFIDENZIALE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · TORINO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Buyer Accessori di Produzione e Lavorazioni
Tempo Indeterminato · PADOVA
CMP CONSULTING
E-Commerce Specialist - Korean Speaking
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
13 apr 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Brunello Cucinelli: nel 1° trimestre ricavi +19,6%, benissimo le Americhe

Pubblicato il
13 apr 2022

Ricavi netti pari a 196,9 milioni di Euro, in crescita del +19,6% a cambi correnti (+16,7% a cambi costanti) rispetto al primo trimestre del 2021, e aumentati del +22,8% anche rispetto al 2019 pre-Covid, con crescite molto significative in tutte le aree geografiche, hanno caratterizzato il primo trimestre dell’esercizio 2022 del marchio umbro di abbigliamento e accessori. In particolare, Brunello Cucinelli ha registrato la sua maggiore crescita di sempre sui mercati internazionali, in particolare nelle Americhe (+37,7%), ma hanno fatto benissimo anche Europa e Asia, cresciute entrambe del +14,5%. Si è ripreso anche il mercato domestico dell’Italia, salito del +2,8% nel periodo.

Brunello Cucinelli, Primavera-Estate 2022


“Questo primo trimestre del 2022 si è chiuso con dei risultati particolarmente positivi, e ci sembra che il brand stia vivendo un momento di grande positività a livello mondiale”, spiega in una nota l’imprenditore-umanista, presidente esecutivo e direttore creativo della sua omonima casa di moda con sede a Solomeo (PG). “Gli ottimi sell-out di primavera e l’importantissima raccolta ordini per le collezioni uomo–donna Autunno-Inverno 2022 ci portano a credere nella conferma della nostra idea di crescita del fatturato per l’intero anno intorno al 12%, e del +10% per il 2023”.
 
Particolarmente interessanti gli aumenti delle vendite sia nel canale retail, cresciuto del +36,4%, che nel canale wholesale, salito del +6,1%, con un mix tra i due canali molto vicino alla parità, che naturalmente tenderà a fine anno al 60% circa per il canale retail e al 40% per il canale wholesale, come lo scorso anno, mentre Cucinelli definisce il peso delle geografie “stabile rispetto alla fine del 2021, e molto vicino alle nostre aspettative di fine anno”.

“Continuiamo a credere che il positivo risultato di questo trimestre sia ancora sostenuto da alcuni elementi strutturali della nostra proposta”, prosegue Brunello Cucinelli, che identifica come primo di questi elementi il posizionamento nel lusso assoluto, considerato “il nostro unico mercato di riferimento”, il quale “è risultato storicamente molto poco volatile e costantemente sostenuto da una domanda esigente, alla ricerca di un prodotto contemporaneo e della più alta qualità”.

Brunello Cucinelli


Nell’analisi dell’imprenditore umbro viene poi la centralità del cliente domestico, in quanto “i condizionamenti derivati dalla pandemia sono progressivamente meno rilevanti, con la Cina che al momento attuale rappresenta l’unica area geografica condizionata dalle restrizioni ad essa correlate, anche se tutti i mercati continuano a mantenere una natura prevalentemente domestica”, dice Cucinelli, che riscontra l’affermarsi di “una nuova normalità in Europa, non più fortemente legata al passaggio di clienti internazionali”, che “risulta anche prospetticamente, molto interessante”.
 
Per Cucinelli anche l’Umana Sostenibilità ed il Capitalismo Umanistico, che caratterizzano l’attività della sua azienda, la centralità del ready to wear nella sua offerta e la dimensione industriale, ma nel contempo manifatturiera, tipicamente italiana, della sua casa di moda hanno rappresentato altrettanti jolly dei recenti successi del brand.
 
A proposito dello sviluppo nel lungo periodo della sua maison, Brunello Cucinelli rivela di aver acquisito un’area industriale di 8 ettari nelle immediate vicinanze del borgo di Solomeo, “dove sorgeva un compendio industriale costruito intorno agli anni ’70 e operativo fino a una trentina di anni fa, che ci consentirà di progettare serenamente la crescita della nostra industria per i prossimi 50 anni”.

Brunello Cucinelli, Primavera-Estate 2022


Nell’area sono infatti già partiti i lavori di riqualificazione e bonifica, cui seguirà il piano di riconversione edilizia che permetterà di costruire progressivamente fino a circa 40 mila mq. di edifici (oltre a servizi connessi e spazi esterni). “Proseguiamo nell’avere uno sguardo di lungo periodo, che possa permetterci di perseguire il nostro percorso di crescita sostenibile”, spiega ancora Cucinelli. Del resto, “gli stessi luoghi in cui attualmente lavoriamo erano nella loro parte originaria un opificio degli anni ’60-’70, totalmente recuperato e ampliato alla vita lavorativa contemporanea”.
 
“Ugualmente importante per il nostro sviluppo futuro riteniamo sia stata, lo scorso 14 marzo 2022, l’acquisizione del 43% del prestigioso e storico nostro fornitore da oltre 30 anni Lanificio Cariaggi Cashmere, che ha la sede nel borgo medievale di Cagli (PU). È stata la prima volta che la nostra casa di moda ha deciso di entrare nel capitale di una società esterna facente parte della nostra filiera produttiva”, conclude Brunello Cucinelli.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.