×
1 121
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
APCOM
Pubblicato il
18 ott 2018
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Brexit: nessuna nuova proposta da Londra, che valuta estensione periodo di transizione

Di
APCOM
Pubblicato il
18 ott 2018

"Toni positivi, disponibilità ad andare avanti nella trattativa" e volontà di raggiungere l'accordo"; insomma, "non è stato un discorso di rottura", ma "nei contenuti, che non sono per noi accettabili, non ci sono state sostanziali novità". Così il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ha descritto il discorso sui negoziati per la Brexit che la premier britannica Theresa May ha fatto davanti ai capi di Stato e di governo dell'UE, al Consiglio europeo la sera del 17 ottobre, a Bruxelles. Finito il discorso della May, i leader si sono riuniti, senza di lei, in una cena di lavoro con il capo negoziatore per l'UE, Michel Barnier.

Reuters


Tajani, presente al discorso della premier britannica, ne ha poi riferito i contenuti in una conferenza stampa; ha sottolineato in particolare che l'unica novità da parte della May, oltre ai toni e al "body language più positivo che in passato", è stata l'attenzione che ha mostrato per la proposta del Parlamento europeo di allungare il cosiddetto "periodo di transizione" a tre anni invece dei 21 mesi proposti finora da Barnier. Insomma, ha concluso Tajani con una battuta, per quanto riguarda la Brexit "questo Consiglio europeo è un Consiglio di transizione".

Per come è stato immaginato finora, il periodo di transizione, dalla fine di marzo 2019 alla fine del 2020, dovrebbe permettere alle imprese e ai mercati di adeguarsi in modo graduale alla Brexit e ai negoziatori di trovare una soluzione definitiva per la "questione irlandese". In questa fase, in sostanza, il Regno Unito resterebbe nell'UE, applicandone tutte le decisioni e normative, ma senza partecipare più al suo processo decisionale, e senza avere più né il commissario europeo, né sui rappresentanti in Consiglio UE e nell'Europarlamento.

L'eventuale proroga del periodo di transizione a tre anni potrebbe soprattutto facilitare l'accettazione da parte di Londra del cosiddetto "backstop" per la questione irlandese. Il "backstop" è la "rete di sicurezza" che i Ventisette vorrebbero fosse garantita da Londra come soluzione minima di ripiego - nel caso in cui non si trovi un compromesso migliore, proprio durante la transizione - per salvaguardare il mercato unico senza far tornare una "frontiera dura" terrestre fra Repubblica d'Irlanda e Irlanda del Nord.

Fonte: APCOM