×
1 717
Fashion Jobs
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
is&t Finance Specialist
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
RANDSTAD ITALIA
Strategic Policy Manager Categoria Protetta ai Sensi Della lg. 68/99
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Rtw Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · NOVARA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e Commerce Manager- Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
SPADAROMA
E-Commerce
Tempo Indeterminato · NOLA
JIMMY CHOO
Senior Costing And Purchasing Specialist
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile di Produzione- Fashion Luxury Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 gen 2020
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Borsalino si mostra ambizioso al Pitti Uomo

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
8 gen 2020

Un anno fa, Borsalino veniva comprato dal fondo Haeres Equita, che lo gestiva dal dicembre 2015. Dopo una profonda ristrutturazione per modernizzare la produzione e riorganizzare i team, il leggendario marchio di cappelli, 100% Made in Italy, comincia a risalire la china. Il risultato è palpabile nello stand dell’azienda al Pitti Uomo, che è sempre pieno.

Borsalino dà maggiore risalto ai suoi modelli da donna - ph Dominique Muret


Basandosi su un'immagine rinnovata e una collezione arricchita, con un'offerta femminile migliorata, il marchio è fermamente deciso a riconquistare la propria leadershipe ora punta sull’espansione all’estero. L'anno scorso si è concentrato sui suoi mercati principali. Vale a dire l'Italia, che resta il primo sbocco, seguita da Giappone ed Europa (Paesi nordici in testa). Nel 2019, si è sviluppato negli Stati Uniti, dove pianifica di aprire un negozio a New York o Miami, mentre quest’anno intende approdare in Cina.
 
Dopo un fatturato di 17 milioni nel 2018, Borsalino dovrebbe chiudere il 2019 a 18 milioni. L’azienda impiega 140 persone e continua ad assumere. Oggi conta 9 boutique, 8 delle quali in Italia e una a Parigi, in rue de Grenelle, con la Francia che costituisce un mercato importante. Il marchio è anche distribuito attraverso 550 rivenditori multimarca, per la maggior parte specialisti dei cappelli. L’obiettivo è ormai quello di “dialogare maggiormente con i negozi di moda multimarca”. Ecco perché lo stile e la comunicazione sono stati affidati a Giacomo Santucci, un veterano del lusso che ha lavorato per le maggiori griffe, da Gucci a Dolce & Gabbana.

“Da 18 mesi sto lavorando ad un’immagine più contemporanea e sulla segmentazine dell’offerta. La collezione composta da quasi 200 modelli per uomo e donna ora ha tre anime. Una classica, basata su modelli storici, una più sportswear e contemporanea rivolta ai viaggiatori, e una più sofisticata e d’alta gamma”, spiega Giacomo Santucci. Quest’ultima linea, chiamata “Art & craft”, mette in primo piano i know-how, l’artigianato, ma anche uno spirito Belle Epoque “che esalta la gioia di vivere e la natura”.
 
“È un po’ un cappello-gioiello realizzato in uno spirito sartoriale. Questo ci consente di indirizzarci verso diversi tipi di clientela. Vogliamo riposizionare il cappello come un accessorio importante, che dev’essere bello e particolare”, sottolinea ancora il Creative Curator. I prezzi spaziano da 180 euro, per gli articoli di base gamma, ai cappelli di feltro, venduti attorno ai 750 euro, fino a capi a 1.500 euro, come alcuni modelli in paglia, per esempio il panama “Montecristi”.

Giacomo Santucci, il Creative Curator di Borsalino - ph Dominique Muret


“Lo scopo è di realizzare il sogno del fondatore, Giuseppe Borsalino, di mettere un cappello sulla testa di tutti”, precisa l’azienda, che vuole mantenere la produzione in Italia. L’offerta donna è stata particolarmente ampliata e vede crescere le vendite ogni anno di più, rappresentando ormai il 40% del fatturato totale. La società realizza tutti i cappelli in feltro nel suo storico stabilimento piemontese di Spinetta, alle porte di Alessandria. Per i cappelli di paglia recupera i semilavorati da un fornitore autorizzato che si trova in Ecuador.
 
Fondato 163 anni fa, nel 1857, il marchio prosegue il suo rilancio con nuovi progetti. Quest’anno svelerà un nuovissimo sito Web con e-commerce. Inoltre, un museo dedicato a Borsalino dovrebbe nascere nella sede storica di Alessandria. Il sito, acquistato dalla città, sarà gestito dall'azienda attraverso una fondazione.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.