×
1 586
Fashion Jobs
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Manager - Lombardia e Sicilia
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
CRM Specialist
Tempo Indeterminato · RIMINI
DELL'OGLIO
Senior Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Compliance And Testing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA SRL
ww Distribution Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Project Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Responsabile Amministrativo/a
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Digital Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
MANPOWER PROFESSIONAL
Expansion Manager Franchising
Tempo Indeterminato · CESENA
VIVIENNE WESTWOOD SRL
Purchasing And Procurement Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Ufficio Commerciale
Tempo Indeterminato · SALERNO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
JIL SANDER SPA
IT Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Product Manager Maglieria
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
Pubblicità
Di
APCOM
Pubblicato il
6 giu 2018
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Boom della classe media in Cina, opportunità per le PMI del Made in Italy

Di
APCOM
Pubblicato il
6 giu 2018

L'aumento costante della capacità di spesa dei consumatori cinesi, insieme all'apertura agli investimenti stranieri di nuovi settori a elevata innovazione e con un basso impatto ambientale e sociale, spalanca le porte della seconda economia mondiale alle PMI italiane, in particolare nei servizi e nei prodotti di lusso, dopo anni di presenza commerciale italiana marginale se paragonata a quella di altri Paesi europei come Germania e Francia. Lo sottolinea il gruppo Grant Thornton, che ha organizzato a Fico Eataly World di Bologna il convegno "Unlock China: Opportunità e business fra Italia e Cina", con la partecipazione di imprese e istituzioni come Simest e Confindustria.

Facebook/Lane Crawford


"C'è un boom del consumatore”, ha sottolineato Alessandro Grassetto, partner di Bernoni Grant Thornton, “e quindi c'è la ricerca da parte del governo cinese stesso di ottenere la possibilità di sviluppare industrie e fattori che prima erano improponibili. Quelle zone che erano tipicamente rurali nel passato e frammentate tra piccoli proprietari adesso diventano delle grandi zone dove produrre beni".

Gli occhi degli investitori stranieri, ha evidenziato Sonia Lenzi, partner di Grant Thornton financial due diligence, sono sempre più puntati lontano da Shanghai, Pechino o dal Guandong: "È stato realizzato anche un intervento specifico sulle zone cosiddette di seconda e terza fascia che, seppure considerate piccole per le dimensioni cinesi, in realtà sono più grandi della nostra Roma e tra l'altro offrono moltissime potenzialità dal punto di vista delle agevolazioni che lo stesso governo sta approntando proprio per incoraggiare gli investimenti in queste aree".

Investire in Cina resta comunque un'operazione non certo esente da rischi, come la presenza di un sistema burocratico e amministrativo complesso e la scarsa tutela della proprietà intellettuale, che richiedono l'aiuto di consulenti esperti che operino localmente, ma abbiano esperienza internazionale.

Fonte: APCOM