×
1 690
Fashion Jobs
VIVIENNE WESTWOOD SRL
Purchasing And Procurement Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
JIL SANDER SPA
IT Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BETTY BLUE S.P.A.
Product Manager Maglieria
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CONFIDENZIALE
Responsabile Controllo Qualita'
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
District Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
NARA CAMICIE
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Account Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Retail Area Manager Piemonte/Liguria/Lombardia
Tempo Indeterminato · TORINO
Pubblicità
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
21 mag 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Bogart vuole rilevare 41 delle 62 profumerie Nocibé che chiuderanno in Francia

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
21 mag 2021

Il gruppo francese di profumi e cosmetici Bogart ha annunciato venerdì di aver presentato un'offerta d’acquisto “vincolante” rivolta a 41 delle 62 profumerie Nocibé che il loro proprietario ha deciso di chiudere in Francia.

Foto: Shutterstock


Lo scorso gennaio, il gruppo di profumi tedesco Douglas, proprietario della francese Nocibé, ha infatti annunciato la chiusura - entro l'autunno del 2022 - di quasi il 20% dei suoi negozi in Europa per concentrarsi sulle vendite online. In Francia, 62 punti vendita Nocibé (ovvero il 12% della flotta e circa 350 dipendenti) sono interessati da questo progetto. Una decisione stigmatizzata dal sindacato CGT, il quale sostiene in particolare che, nonostante la crisi sanitaria, il marchio di profumi in Francia vanti un fatturato di 700 milioni di euro.
 
Da parte sua, in un comunicato in data di venerdì, Bogart ha indicato che il suo “progetto presentato tramite la propria filiale di distribuzione Athénais (marchio April) riguarderebbe la ripresa di 41 esercizi commerciali in Francia e manterrebbe 221 posti di lavoro”.

“Questo progetto di crescita esterna consentirebbe al gruppo Bogart di passare da 30 punti vendita in Francia a 71 aumentando notevolmente il proprio network nazionale (raggiungendo 35 nuove città) e la notorietà del suo marchio April e migliorando la redditività della sua rete”, ha indicato.
 
L'importo dell’offerta “rimane riservato e sarebbe finanziato con le risorse finanziarie del gruppo”, si legge nel comunicato.
 
Bogart ricorda che “con un totale di 600 punti vendita, Nocibé raggiunge quasi un miliardo di fatturato con i negozi a suo nome in Francia”.
 
“Questa operazione ci permetterebbe di varcare una nuova soglia, per raggiungere 71 negozi in Francia e oltre 400 in totale nel mondo. Abbiamo già acquisito 13 profumerie Nocibé/Douglas nel 2014, il che conferma la nostra capacità di gestire questi nuovi punti vendita e integrarne il personale”, ha commentato David Konckier, presidente del gruppo Bogart.

Una boutique ad insegna April - Bogart


Il gruppo sottolinea che l'operazione “resta subordinata alla revoca delle condizioni sospensive, alla consultazione del CSE e degli accordi, in particolare dei consigli di amministrazione e dell'autorità garante della concorrenza. Se tutte le condizioni e gli accordi saranno rispettati, la società prevede di integrare questi asset nell'ottobre 2021”, si specifica.
 
Azienda indipendente, anche Bogart è stata colpita dalla crisi sanitaria globale. Nel 2020, l'azienda francese ha visto il proprio fatturato diminuire del 26,3%, a 223,5 milioni di euro. Nel periodo, il gruppo, che oltre all'attività di distributore con la rete di sua proprietà diretta April gestisce un portafoglio di marchi (profumi Carven, Méthode Jeanne Piaubert...), ha raggiunto i 9,1 milioni di euro di utile operativo, contro i 17,6 milioni di un anno prima.
 
Nel pubblicare i suoi risultati annuali, Bogart ha tuttavia indicato che, nonostante prestazioni influenzate dalla pandemia di coronavirus, la sua situazione finanziaria è rimasta solida, e che il gruppo beneficia in particolare di una capacità di autofinanziamento di 34,7 milioni di euro.

Con AFP

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.