×
1 427
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Financial Reporting Coordinator
Tempo Indeterminato ·
BALDININI SRL
Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
THUN SPA
Area Manager Wholesales Province di fr, te, lt, aq, ri
Tempo Indeterminato · FROSINONE
MANTERO SETA
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · GRANDATE
FOURCORNERS
Retail Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
G COMMERCE EUROPE S.P.A.
Emea Emarketing & Analytics Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
HR Training & Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
Stock Operations Manager - Boutique Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
IT Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
Rsponsabile Modelleria e Industrializzazione Tomaie Sneakers e Mocassino
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
LABOR S.P.A
Business Developer - Luxury/Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VALENTINO
IT CRM Specialist
Tempo Indeterminato · VALDAGNO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Centro- Nord Est
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHAEL PAGE ITALIA
Buyer Retail - Accessori - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Area Manager Centro Italia - Base Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
PRONOVIAS GROUP
Accounting Manager
Tempo Indeterminato · CUNEO
Pubblicità

Big del Web: nel 2018 versati al fisco italiano 64 milioni di euro

Di
Reuters
Pubblicato il
today 28 nov 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Nel 2018 i giganti del web e del software, tra cui Google, Amazon, Facebook e Microsoft in Italia hanno fatturato 2,4 miliardi di euro, versando al fisco 64 milioni di euro al netto delle transazioni legate ad accordi con le autorità italiane. 

Reuters


E’ quanto emerge dalla ricerca ‘I Giganti del WebSoft’ a cura dell’area Studi di Mediobanca, che ha analizzato i bilanci delle controllate italiane dei 25 principali colossi del web, che pagano un’aliquota media (tax rate) del 33%, contro il 30% circa delle altre imprese. 

Il fatturato aggregato delle controllate italiane pesa appena lo 0,3% rispetto al totale mondiale, mentre dal punto di vista occupazionale il settore in Italia conta poco meno di 10.000 occupati (lo 0,5% del settore a livello globale). 

I dati, spiegano dall’ufficio studi, risentono del fatto che la gran parte del giro di affari generato dalle attività italiane viene ‘spostato’ in Paesi con fiscalità agevolata. In Italia, spiega il rapporto, rimane solo il 14% della liquidità totale, mentre attraverso il sistema del cash-pooling circa l’85% va a confluire in Paesi con fiscalità agevolata. 

Secondo l’indagine, nel quinquennio 2014-2018 circa la metà dell’utile ante-imposte questi colossi è stato tassato in Paesi con fiscalità agevolata, con conseguente risparmio fiscale accumulato di 49 miliardi di euro.

Sulla questione è intervenuta la stessa Amazon, per cui “è fondamentalmente errato equiparare tutte le aziende digitali senza tenere in considerazione le differenze dei business in cui operiamo: l’imposta sulle società - prosegue l'azienda - si basa sui profitti, non sui ricavi, e i nostri profitti sono rimasti bassi sia perché il business consumer retail è un business con margini ridotti sia per i continui, forti investimenti di Amazon in Italia che, dal 2010, ammontano a oltre 1,6 miliardi di euro.

“Nel caso di Amazon”, specifica il gruppo di Bezos, “la nostra aliquota fiscale effettiva globale dal 2010 al 2018 è stata mediamente del 24% e la nostra attività di business consumer è in perdita. E questo rapporto ignora anche il record di investimenti e la continua creazione di posti di lavoro in Italia, che aggiungerà ulteriori 1.000 dipendenti a tempo indeterminato ai 6.500 entro la fine del 2019 – dipendenti che lavorano in 20 sedi diverse con tutti i livelli di esperienza, istruzione e competenze.

Secondo il gigante dell'e-commerce, il “Rapporto dell'Area Studi Mediobanca ‘Multinationals: Financial Aggregates’ si basa su una ricerca non corretta sulle società ‘Websoft’ e trae conclusioni errate, almeno per quanto riguarda Amazon. Il rapporto non ha preso in considerazione l’impatto di tutte le entità italiane, ma solo 7 delle 11 società con cui Amazon opera in Italia che hanno ricadute in termini di gettito sia a livello locale sia a livello nazionale. Inoltre, Amazon paga tutte le tasse dovute in Italia e in tutti i Paesi in cui operiamo e le tasse pagate in Italia sono più alte rispetto a quelle dichiarate nel rapporto in quanto, da maggio 2015, abbiamo una succursale italiana di Amazon EU Sarl che registra tutti i ricavi, le spese, i profitti e paga le imposte dovute in Italia per le vendite al dettaglio, non in Lussemburgo”. 

© Thomson Reuters 2020 All rights reserved.

Tags :
Altri
Business