×
1 566
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Benetton tornerà all'utile nel 2020

Di
Adnkronos
Pubblicato il
today 20 mag 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

United Colors of Benetton tornerà all'utile il prossimo anno. Lo assicura Luciano Benetton che, in un'intervista a La Repubblica, parla anche della sua scelta di tornare a metterci la faccia con la nuova pubblicità targata Oliviero Toscani. "Tra storia e nuova fantasia, prevedo che nel 2020 la mia azienda tornerà in attivo. Ce la faremo. Abbiamo già ridotto il disavanzo del 40%: era di 180 milioni e adesso è sotto i 100. La squadra è quasi al completo. Oliviero Toscani ha chiamato lo stilista Jean-Charles de Castelbajac nuovo direttore artistico, abbiamo smesso di chiudere negozi e cominciamo ad aprire i nuovi. Ne prevedo cento in un anno".

La nuova campagna del marchio con il fondatore del gruppo tessile veneto, Luciano Benetton, che a 84 anni è tornato a “metterci la faccia” - @benetton


Benetton, che a 84 anni è tornato a “metterci la faccia”, facendosi fotografare da Oliviero Toscani per la nuova campagna United Colors rivendica: "Gli United sono tornati anche come stile di vita. In passato avevamo previsto e un pochino imposto il meticciato culturale, i seni neri e i bimbi bianchi, l'integrazione, la mescolanza di generi e culture".

"Sono tornato”, sottolinea, “a metterci la faccia. E quella foto, di Oliviero Toscani, con Ayak Mading, una bellissima diciottenne sudanese… È una ragazza, alta più di due metri, con una naturale espressione di gioia sul viso. Ma è vero che è così moderna da non avere genere. Sembra che sia venuta fuori da una delle nostre vecchie foto".

"All'inizio non volevo. Poi Oliviero mi ha messo in mezzo. È un altro azzardo, e io con lui li ho sempre fatti. Oliviero vede le cose un po' prima degli altri. Voglio dire che, benché sia un gioco divertente, metterci la faccia a 84 anni non è una frivolezza estetizzante. Io sono vecchio e Ayak è giovane, io bianco e lei nera, io ricco e lei povera".

"Torna anche la nostra vecchia voglia di interrogare le immagini. Ayak è il futuro come ce l'eravamo immaginato, è la nostra fantasia superata dalla realtà. Per me è come avere accanto una sorella".

Copyright © 2019 AdnKronos. All rights reserved.