×
368
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital go to Market Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
INTICOM S.P.A.
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · GALLARATE
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Content Specialist
Tempo Indeterminato ·
UNIGROSS SRL
Jobdesk Buyer Import
Tempo Indeterminato · CITTÀ SANT'ANGELO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Commercial Legal Counsel
Tempo Indeterminato · MILAN
CONFIDENZIALE
Senior Merchandising Manager - Women's
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Area Manager Nord e Centro Europa - Abbigliamento Lusso
Tempo Indeterminato ·
MICHAEL PAGE ITALIA
Responsabile Commerciale Linea Donna - Abbigliamento Lusso
Tempo Indeterminato ·
THUN SPA
Head of Demand Management
Tempo Indeterminato · BOLZANO
THUN SPA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Rtw Talent Development Partner
Tempo Indeterminato · NOVARA
ANONIMO
e - Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Logistic Planning And Outbound Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ST. BARTH SRL
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION S.R.L.
Digital Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Media Content Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LK
Sales
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Supply Chain Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager Retail
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Mrtw Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PRAXI
Responsabile Pianificazione Produzione Pelletteria Production Planning Manager Leather Goods
Tempo Indeterminato · FIRENZE
Pubblicato il
23 ott 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Bellwood si prepara alla ripresa con i primi monomarca

Pubblicato il
23 ott 2020

“Adattarsi al cambiamento in atto e prepararsi alla ripresa”, dice a FashionNetwork.com Giorgio Carretti, a capo del brand carpigano di alta maglieria Bellwood, che nonostante la pandemia lancia il cuore oltre l’ostacolo con il debutto dei primi monomarca in Italia. 

La vetrina del negozio Bellwood a Bologna in via Clavature 3/C


“Dopo i grandi sconvolgimenti il mondo prende un’accelerazione nel proprio sviluppo”, e il post-Covid non farà eccezione: “reagiamo ora per farci trovare pronti dopo. Il brand è maturo per questo passo e il possibile lockdown non spaventa perché il nostro è un progetto strategico di lungo periodo”, aggiunge l’imprenditore tessile.

Dopo Verona, in Piazza delle Erbe, è la volta del primo monobrand a Bologna. All’opening ‘minimal’ (nel rispetto delle limitazioni) dello store in via Clavature 3/C - 72mq. nel quadrilatero del capoluogo emiliano - ha presenziato anche il presidente della Regione, Stefano Bonaccini. 

Bellwood, acquisito dalla Sea Srl di Giorgio Carretti nel 2004, è specializzato in moda uomo, ma nel tempo ha sviluppato anche il womenswear. “Il monomarca”, infatti, “è un incentivo a completare il percorso di offerta femminile. Oggi l’uomo incide sul 70/75% delle vendite, ma l’obiettivo è pareggiare il peso di uomo e donna”, spiega Carretti.

Con una presenza consolidata nella Penisola di 200 clienti wholesale medio-alti, il marchio vanta anche un grande potenziale di crescita all’estero e conta già oltre 30 rivenditori nel Sud della Francia. Ma la pandemia ha bloccato viaggi e trasferte e congelato i piani di internazionalizzazione. “Il prossimo anno puntiamo a sbarcare in Estremo Oriente e nel Nord Europa. Stiamo lavorando per individuare i partner adatti al progetto”, racconta il numero uno di Sea Srl.

Alcuni look della collezione donna esposti nello store bolognese


La società è in piena fase di sviluppo, dopo aver chiuso il 2019 a 11,5 milioni di euro di fatturato con un incremento del 50% sull’anno precedente. In cantiere nel 2021 è atteso anche il debutto del primo sito di e-commerce Bellwood che, spiega il presidente, “farà perno anche sui nuovi negozi”.

Un percorso di crescita economica che affonda le radici nel principio-guida dell’econaturalità. Il brand, infatti, si è affermato grazie alla qualità dei filati impiegati (cashmere, mohair… ) unita al basso impiego di prodotti e processi chimici. Una forte impronta green apprezzabile nella capsule collection che presenta “solo i colori naturali che il pelo animale consente di avere”, sottolinea Carretti. “Al cliente chiediamo un ‘sacrifico’ nella scelta dei colori ripagato dalla protezione dell’ambiente e dell’uomo”.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.