×
1 817
Fashion Jobs
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Business Developer- Interior Design Lusso
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Rtw ww
Tempo Indeterminato · VICENZA
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Denim
Tempo Indeterminato · VICENZA
CONFIDENZIALE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · TORINO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Buyer Accessori di Produzione e Lavorazioni
Tempo Indeterminato · PADOVA
CMP CONSULTING
E-Commerce Specialist - Korean Speaking
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Ecommerce Manager
Tempo Indeterminato · COMO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Showroom Manager Arredamento Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
Sales Area Manager, Emerging Markets - Luxury Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
AZIENDA DI CALZATURE
Application Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
DIESEL
Europe Head of E-Commerce
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Concessions
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
District Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Area Manager Nord Italia
Tempo Indeterminato · ITALIA
FORPEN
Fisso
Tempo Indeterminato · SAONARA
THUN SPA
Analytics Junior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
THUN SPA
Analytics Senior Consultant
Tempo Indeterminato · MANTOVA
CONFIDENZIALE
Area Manager - Est Europa
Tempo Indeterminato · MILANO
SWAROVSKI
Allocator Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
DOPPELGANGER
Addetto Tesoreria
Tempo Indeterminato · ROMA
Pubblicità
Di
Ansa
Pubblicato il
30 apr 2020
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

BCE: da acquisti debito a liquidità, ecco le misure anti-Covid

Di
Ansa
Pubblicato il
30 apr 2020

Una BCE "pronta a tutto", che dà liquidità senza precedenti per spingere credito verso le imprese strozzate dallo shock del coronavirus. E che non tollererà fiammate dello spread, di fronte a uno shock economico "mai visto in tempi di pace" che potrebbe far cadere il PIL dell'Eurozona fra il cinque e il 12% quest'anno.

Bce - Ansa


Ma Christine Lagarde, a una settimana dalla sentenza costituzionale sulla legittimità del Qe e mentre l'Europa discute il 'recovery fund', non rilancia il quantitative easing. Anche a costo di deludere i mercati, con lo spread salito sopra 230 e le Borse in perdita di oltre il 2% visto che diversi investitori puntavano persino su un raddoppio della potenza di fuoco del 'Pepp', il programma di acquisto di debito da 750 miliardi per l'emergenza pandemica.

La Bce mette sul tavolo un oceano di liquidità per dare ossigeno all'economia: con sette nuove operazioni chiamate 'Peltro', Pandemic Emergency Lending Refinancing Operations, e con il taglio dei tassi, sulle nuove operazioni Tltro3 che iniziano a giugno, fino a -1% per le banche 'virtuose' nel dar credito all'economia.È l'equivalente dell'iniettare a forza liquidità e prestiti nel sistema economico: si stima che le banche possano approvvigionarsi di 1.000 miliardi col Tltro3 a giugno e mettere al sicuro tre miliardi di utili.

I tassi e la potenza di fuoco monetaria della Bce - il 'Pepp' e il precedente 'App' - restano dove sono: a -0,5% e oltre 1.000 miliardi di euro complessivi. E non arriva - per ora - l'apertura a includere nel Qe i titoli 'junk', quelli speculativi, per allontanare l'ipotesi che qualche Paese mediterraneo sia tagliato fuori.

La Bce è "del tutto preparata ad aumentare le dimensioni", e ad estendere la durata del 'Pepp' oltre il 2020, spiega Lagarde. "Siamo più determinati che mai" a fronteggiare la crisi innescata dalla pandemia e dai lockdown, scandisce la presidente della Bce. Quanto allo spread italiano, l''elefante nella stanza' di ogni riunione sulla difesa dell'Eurozona dati i livelli di debito e la recessione attesa, col 'Pepp' "abbiamo usato tutta la flessibilità necessaria e continueremo a farlo, credetemi", assicura la francese riferendosi ai pesanti acquisti di Btp delle settimane passate.

"Non tollereremo alcun rischio di frammentazione dell'Eurozona" è l'impegno diretto all'Italia. Ma la Bce, per ora, preferisce aspettare cosa succederà con i lockdown europei, variabile chiave per stimare una recessione imprevedibile: il prossimo consiglio direttivo di politica monetaria è il 4 giugno, e possono sempre esserci decisioni d'emergenza. E poi c'è l'opportunità politica. La Bce riesce a comprare tanto debito italiano perché col 'Pepp' si è data la facoltà di deviare significativamente della 'capital key' che vorrebbe acquisti commisurati alla quota nazionale del suo capitale, per l'Italia attorno al 17%.

La sentenza della Corte costituzionale tedesca sulla legittimità del Qe, il 5 maggio, potrebbe rimettere tutto in discussione: meglio essere prudenti fino ad allora. Il giorno dopo, il 6, a Bruxelles si discute una prima bozza del recovery fund, il fondo che dovrebbe mettere in campo 1.000 miliardi di euro per aiutare i Paesi, con due nodi da sciogliere: finanziarlo con emissioni comuni, e sborsare non solo prestiti ma sovvenzioni a fondo perduto. Lagarde ha promosso i 540 miliardi impegnati con il Mes, lo schema 'Sure' per la disoccupazione e il potenziamento della Banca europea degli investimenti. Ma non ha nascosto di aspettarsi un ulteriore "forte e tempestivo sforzo" dal recovery fund. E ha depotenziato l'uso del 'bazooka antispread', l'Omt di Draghi, che può aiutare i Paesi che attivano del Mes: lo strumento per l'attuale situazione "è chiaramente il Pepp".

Nel mezzo di un negoziato europeo tanto delicato, probabilmente la Bce non vuole alzare il tiro del suo arsenale monetario perché rischierebbe di togliere le castagne dal fuoco ai governi. Indebolirebbe gli argomenti di chi chiede una risposta di bilancio poderosa, accanto a quella monetaria. È per questo che Lagarde preferisce tenere le carte coperte ancora per un po'.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Industry