Basile alla ribalta: nuove linee, aperture e moda democratica

Basile, storico marchio italiano che ha segnato la storia della moda a partire dagli anni ’70, si rilancia sul mercato con nuovi progetti e un nuovo look, che si vuole sempre di classe, ma più “accessibile”. E cosi’, oltre a collezioni di prêt-à-porter femminile che da tre anni a questa parte sono state ripensate per andare nella direzione di una maggior “democraticità”, Basile avrà presto due monomarca dedicati al suo universo, una linea bambino, una collezione beachwear e una nuova fragranza.

Basile
L'universo Basile

Anima di questo progetto ambizioso è Gigi Monti, amministratore di Reality srl, proprietaria del marchio, che negli anni ’80 ebbe la vincente intuizione di rilevare la sartoria di Remo Basile, già conosciuta nel dopoguerra e famosa per i suoi tagli sartoriali e l’attenzione nella scelta dei tessuti. Da allora il fashion firmato Basile, che vanta collaborazioni con Walter Albini (e la prima sfilata milanese, totalmente innovativa al Circolo del Giardino di Milano), Luciano Soprani, Angelo Tarlazzi o ancora Muriel Grateau, ha conosciuto un’escalation di successi che lo hanno reso famoso a livello mondiale. Tutto fino al 1994 quando il marchio Basile donna, per problemi finanziari, venne ceduto all’azienda toscana Mabro, che essendo specializzata sull’uomo, congelo’ di fatto le collezioni femminili.

Da quell'ibernazione la griffe è uscita nel 2009, quando Gigi Monti ha deciso di riacquistarla e rilanciarla sul mercato, adattandola ai cambiamenti culturali e sociali che hanno modificato il modo di vivere la quotidianità in questi anni. «Il mondo della moda è cambiato tanto, forse troppo" spiega a FashionMag.com Gigi Monti. "La vera qualità nei tessuti - continua - si trova con sempre più difficoltà ed è difficile oggi notare una vera differenza in tal senso tra prodotti di fascia alta e prodotti di fascia media. E’ anche difficile ritrovare l’eleganza di un tempo, vedere donne vestite con classe, con abiti capaci di accompagnarle dall’ufficio al cocktail. Con il mio team e con i licenziatari che collaborano con noi cerchiamo di puntare proprio a questo: restituire alla donna la possibilità di essere moderna e femminile in ogni momento, senza esasperazione di colori o di linee. Il tutto facendo anche attenzione ai costi, per una moda più democratica e accessibile”.

Per Gigi Monti si apre dunque una nuova fase e una nuova sfida: riuscire ad invertire il senso di marcia e passare dall’alto di gamma ad un prodotto di fascia media, in uno stile contemporaneo. L’instancabile ed eclettico imprenditore, noto anche per aver lanciato talenti del calibro di Gianni Versace, segue poi passo a passo, oltre alle collezioni donna, anche ogni movimento fatto nel nome di Basile, dall’equipe di licenziatari che collabora con lui. Sono infatti 15 gli attuali accordi di licenza che spaziano dall’abbigliamento (Orizzonti, Blu Sahara e Gimmy), alle borse e portafogli (Guval Srl), passando per la pigiameria uomo e donna (Agam Srl), l’intimo uomo (Map Srl) e donna (Intimo 2C), la valigeria (Menini Export) le cinture (Selles) e gli ombrelli (Perletti Spa). Vi sono poi foulard e cravatte (Miss Accessori), la home Collection (Ca’ D’Oro Srl) e per finire i profumi (Weruska & Joel).

Basile
L' imprenditore Gigi Monti

Ma non è tutto. Il 2012 è infatti ricco di progetti in via di definizione. Nel primo semestre del 2012 verranno inaugurati due monomarca dedicati all’intero universo di Basile: “Apriremo una boutique a Nord e una a Sud, a Treviso e a Trani, in una sorta di test per valutare la risposta della nostra clientela. La Puglia e il Veneto sono tra l’altro due delle regioni in cui vengono realizzati molti dei nostri prodotti, quali l’abbigliamento donna, che rappresenterà la parte più ampia dell’offerta in negozio» ci ha spiegato Gigi Monti.

Stiamo anche cercando il licenziatario più adatto per ampliare le nostre gamme con linee bambino e mare, che dovrebbero arrivare sul mercato con la P/E 2013. In concomitanza della prossima edizione del Cosmoprof di Bologna lanceremo anche un nuovo profumo per uomo e donna, che dovrebbe chiamarsi “Basile Oro, ma sul nome stiamo ancora riflettendo”, ha concluso Monti.

Grazie a queste nuove strategie di potenziamento e consolidamento, Basile chiuderà il 2011 con un fatturato pari a circa 23 milioni di euro, in crescita del 10% rispetto al 2010. Dei risultati realizzati oggi per l’80% in italia che premiano, in un periodo congiunturale certamente non semplice, gli sforzi di un imprenditore ottimista ed instancabile.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Distribuzione
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER