×
1 258
Fashion Jobs
DOLCE & GABBANA
Sales Manager - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENCIAL
Cost Controller - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Commerciale/Export
Tempo Indeterminato · ROMA
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
10 nov 2014
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Barometro Eurelia : le vendite ripartono in Spagna e stagnano in Polonia

Pubblicato il
10 nov 2014

Secondo il barometro Eurelia, la Federazione Europea delle insegne specializzate legate a Procos, le vendite in Spagna abbandonano il segno meno registrando un aumento del fatturato delle insegne del 2% nel corso dei primi 8 mesi del 2014.

L'insegna Etam è partner di Eurelia.


In un contesto economico che migliora, e che si è tradotto in una diminuzione della disoccupazione, un turismo record ma anche la fine del programma di stabilità, le insegne sembrano oggi tirare un sospiro di sollievo, anche se Eurelia stila il bilancio di una crisi che si è rivelata catastrofica con molte chiusure d’insegne, ipermercati e centri commerciali.

D’altronde anche se i ‘semafori economici’ sono tornati sul verde, la federazione europea delle insegne specializzate legate a Procos annuncia altri fallimenti attesi per il 2015.

In un contesto ancora molto critico infatti, la Spagna deve far fronte ai suoi errori del passato e gestire anche un surdensificazione del suo paesaggio commerciale (durante gli anni ‘più caldi’), in cui tra l’altro oggi si diffondono sempre più insegne low cost a discapito degli altri concept.

Per Eurelia le insegne presenti in Spagna che vogliono tornare a una dinamica positiva devo mirare a una razionalizzazione in termini d’insediamento e viluppo sul territorio, ma ripensare anche i concept.

Consigli che farebbe bene ad applicare anche la Polonia, che figurava fino a pochi anni fa in cima alla classifica e dove anche se le vendite si mantengono stabili grazie alle promozioni, il traffico nei centri commerciali si è ridotto nel 2014.

Qui la concorrenza si fa aspra e Eurelia lo ha constatato nel prêt-à-porter destinato al grande pubblico, dove quasi tutti i gruppi europei hanno un’attività senza considerare i potenti attori locali del settore.

Eurelia ritiene dunque che la Polonia sia stato il paese più « saturo » negli ultimi 15 anni e teme che quest’ultimo non imbocchi la stessa strada della Spagna prima della ripresa.

La grande quantità di progetti esistenti tanto sulle grandi città, come in regione, pone infatti la grande incertezza dei possibili fallimenti delle gallerie commerciali nel 2015.

L’aumento degli « affitti premio » inoltre modifica la situazione: le postazioni più redditizie stanno diventando delle posizioni d’immagine piuttosto che dei reali strumenti per aumentare i margini. La prudenza è dunque d’obbligo.

Il barometro Eurelia fornisce la tendenza di evoluzione dei fatturati delle 80 insegne aderenti, a perimetro comparabile.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.