×
1 690
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Supply Chian & Logistic Operator
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Brand Manager Sneakers
Tempo Indeterminato · COLDRERIO
CI MODA SRL/COMPAGNIA ITALIANA
Resp. Amministrativo
Tempo Indeterminato · GUIDONIA MONTECELIO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
TALLY WEIJL
Merchandise Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
ALANUI
Product Back-Office Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Design Consultant, Slgs
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Sportswear Merchandising Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Technical Textile Production Manager – 271.Adv.21
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
HUGO BOSS
Sales Area Manager - Wholesale
Tempo Indeterminato · MILANO
ASCOLI HFD SRL
Impiegato Ufficio Acquisti e Gestione Cliente
Tempo Indeterminato · MILANO
HUGO BOSS
Construction Junior Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Menswear Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Omnichannel Technology Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Project Manager
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
MOTIVI
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
RUBENS LUCIANO S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · STRA
BLUDUE
Responsabile Prodotto e Produzione
Tempo Indeterminato · NAPOLI
CHABERTON PROFESSIONALS
Global Retail Planner, Fashion Premium Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
P448
Area Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
13 mag 2022
Tempo di lettura
4 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Balmain ha celebrato l’opening del suo flagship a New York

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
13 mag 2022

Meglio tardi che mai. Due anni dopo la sua apertura, Balmain ha celebrato mercoledì sera il suo nuovo spazio di vendita a New York, situato all'angolo tra 59th Street e Madison Avenue, alla presenza di un raggiante Olivier Rousteing. Il direttore artistico, ai comandi del brand francese (fondato 77 anni fa) ormai da un decennio, si è preso del tempo per rispondere alle nostre domande, prima di salutare i suoi più fedeli clienti ed affezionati estimatori.

Olivier Rousteing - Courtesy


“New York è per me una grandissima fonte di ispirazione”, annuncia fin dall'inizio. “È la città dei sogni, del movimento e dell'energia”.
 
Olivier Rousteing ha sempre messo in risalto l’heritage tipicamente francese di Balmain, pur affermando di aver lavorato negli ultimi dieci anni per accentuare l'orientamento internazionale del marchio, secondo la visione del suo fondatore.

“Monsieur Balmain è stato tra i primi couturier a viaggiare per il mondo per presentare le sue creazioni e parlava correntemente l'inglese. Può sembrare strano ricordarlo, ma all'epoca era raro”.
 
Secondo il designer, la boutique scintillante ed elegante è dotata di una “atmosfera americana moderna con un tocco di eleganza francese” e ricorda il primo negozio newyorkese del marchio, aperto nel 1970 al 795 di Madison Avenue.
 
Olivier Rousteing ha pensato a lungo a questo evento, più volte rimandato a causa della pandemia.
 
“Stasera si tratta di assaporare ciò che mi sono impegnato tanto a costruire: un marchio internazionale. Tutti si stanno godendo la serata, i vestiti e l'energia che ho cercato di suscitare”, afferma Olivier Rousteing, prima di aggiungere: “Non sarei quello che sono senza il supporto degli americani: non solo le celebrità, ma anche la stampa, i rivenditori, i grossisti e i clienti, che hanno tutti partecipato alla mia avventura in Balmain. Questa festa è per ringraziare l'America”.
 
Il negozio sta attualmente distribuendo la collezione del 10° anniversario, presentata a più di 6.000 ospiti lo scorso settembre a Parigi durante la seconda serie di concerti del Balmain Festival.

L'interno del flagship di Balmain a New York - Courtesy


“I capi sono esposti in modo incredibile in questo negozio. Questa collezione è stata un best-seller sin da quando sono arrivato in Balmain. Anche i capi d’alta moda hanno venduto bene, specialmente quelli indossati da Naomi Campbell e Carla Sarkozy”.
 
Olivier Rousteing attribuisce il suo successo alla propria clientela. “Ho clienti affezionati che mi seguono sin dalla mia prima sfilata - e che sanno riconoscere i capi provenienti da questo primo show della collezione. Qualcosa li tocca in questo rapporto nostalgico con la moda, e li spinge a comprarsi dei pezzi di Haute Couture: sono come opere d'arte per loro”, continua lo stilista, che ha sofferto molto per la cancellazione delle sfilate durante la pandemia.
 
“È così stimolante incontrare e parlare con i miei clienti. È quasi come negli anni '70, quando i designer erano vicini alla loro clientela. Stasera, è così che mi sento”.
 
Celebrità e ammiratori come Tommy Dorfman, Lea Michele, Precious Lee, Violetta Komyshan, Victor Glemaud, Ajani Russell e Alexander Roth erano presenti all'evento e hanno potuto scoprire il nuovo progetto NFT di Balmain.
 
Questa partnership globale con i creatori di MintNFT, James Sun e Teddy Zee, presenterà una serie di NFT immaginati dal designer francese, ispirati dal suo lavoro per Balmain. Olivier Rousteing aveva già pubblicato un NFT in collaborazione con la bambola Barbie di Mattel, nell’ambito della capsule collection venduta da Neiman Marcus.
 
Interpellato da un altro giornalista, Olivier Rousteing confessa che il suo look preferito al Met Gala era quello di Kim Kardashian, che sostiene attivamente il suo brand. Un outfit che suggeriva un'idea delle difficoltà incontrate dal giovane stilista quando ha esordito in Balmain.

Un altro scorcio del flagship di Balmain a New York - Courtesy


“Ho adorato il concept – riunire l'icona contemporanea Kim Kardashian e l'icona del passato Marilyn Monroe. Lei ha dovuto lottare e battersi per essere quella che è oggi e rispettata dall'industria della moda. Oggi, Kim ci mostra che solo lei può indossare questo vestito iconico... È una piccola rivoluzione”.
 
Olivier Rousteing è arrivato per la prima volta a New York quattro mesi dopo la sua nomina da Balmain, e ne è ancora oggi impressionato. Durante il suo soggiorno, Rousteing ha annunciato un progetto ancora non reso noto con Netflix e ha partecipato a una tavola rotonda alla Parsons School of Design su un argomento che gli sta a cuore.
 
Giovedì si è unito al designer e fondatore di In The Blk, Victor Glemaud, e a Brandice Daniel, fondatrice di Harlem's Fashion Row e Icon 360, per la conferenza sulla diversità nella moda “Fashion's Diversity: Where It Stands, Where It Stalls, Where It's Going”, moderato da Tara Donaldson di WWD e Abrima Erwiah, direttrice del Gromek Institute della Parsons e co-fondatrice di Studio One Eighty Nine.
 
“Dopo dieci anni come direttore artistico ho ancora molto da imparare, ma ci sono delle lezioni che ho appreso e che voglio trasmettere alla prossima generazione. Non sono più il più giovane di questo settore. Ora voglio diventare una guida, spiegare cosa ho vissuto, cosa potrebbero vivere. Voglio ispirarli con forza raccontando loro la mia storia, in modo che non si arrendano”.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.