×
1 213
Fashion Jobs
DOLCE & GABBANA
Sales Manager - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENCIAL
Cost Controller - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
EDAS
Commerciale/Export
Tempo Indeterminato · ROMA
THE ATTICO SRL
HR Controller & Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
15 nov 2018
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Bain: beni di lusso in crescita del 6% nel 2018, a 260 miliardi di euro

Pubblicato il
15 nov 2018

In occasione della 17esima edizione dell’Osservatorio Altagamma, svolatasi a Milano il 15 novembre, Bain & Company ha presentato i risultati del “Worldwide Luxury Market Monitor”, dai quali emerge che il mercato dei beni di lusso è cresciuto del 6% nel 2018, arrivando a un totale di 260 miliardi di euro di giro d’affari, a fronte di un fatturato complessivo del settore lusso (incluse le esperienze) di 1.200 miliardi (+5% nel 2018). Bain stima che il trend positivo continuerà nell’ordine del 3-5% annui, per arrivare a un giro d’affari di 320-365 miliardi di euro nel 2025.

Facebook/Camera Moda


“Nel 2017 abbiamo visto come il mercato globale del lusso sia tornato a crescere in modo sano anche se a un ritmo più moderato rispetto al passato”, ha commentato Claudia D'Arpizio, partner Bain e autrice principale dello studio. “Questo andamento continua anche nel 2018, rafforzando come avevamo previsto il periodo di ‘new normal’, guidato dalla crescente domanda di beni di lusso da parte dei consumatori cinesi, dal continuo aumento del canale online e dalla crescente influenza delle nuove generazioni di consumatori”.
 
A trainare il comparto sono prevalentemente i consumatori cinesi, con una spesa globale pari al 33% del totale; in Cina le vendite di prodotti di lusso sono cresciute del 18% raggiungendo i 32 miliardi di euro. In leggera frenata invece gli acquisti di lusso in Giappone, dove tuttavia le vendite al dettaglio sono cresciute del 3%, a 22 miliardi. In generale, in Asia le vendite al dettaglio sono cresciute del 7% arrivando a 39 miliardi di euro, grazie soprattutto ai forti consumi locali in Corea del Sud, ma anche alla crescita di altri Paesi come Singapore, Tailandia e Taiwan. Hong Kong e Macao hanno beneficiato degli acquisti dei consumatori cinesi. Sostanzialmente stabile l'Europa, con un aumento delle vendite al dettaglio dell’1% e un fatturato di 84 miliardi di euro, mentre le Americhe sono cresciute del 5% attestandosi a 80 miliardi.

Analizzando i diversi canali, a fare la parte del leone è stato l’e-commerce, arrivato a 27 miliardi di euro, in crescita del 22%, con gli Stati Uniti in testa (circa il 44% del totale). Ad essere acquistati online sono soprattutto gli accessori, seguiti dall’abbigliamento, ma cosmetici, profumi, gioielli e orologi sono in crescita. Incrementi decisamente più contenuti hanno interessato il retail e il wholesale, aumentati rispettivamente del 4% e dell’1%.
 
L’analisi ha inoltre evidenziato come oggi i consumatori del lusso siano sempre di più i giovani: nel 2018 millennials e generazione z hanno contribuito al 100% della crescita totale del mercato del lusso, rispetto all'85% del 2017.
 
Bain ha infine individuato alcuni macro-trend che caratterizzeranno il lusso nel 2025. Innanzitutto la crescita dei consumatori clienti cinesi, destinati a diventare il 45% del mercato (rispetto al 32% del 2018) e a comprare la metà dei beni di lusso nel loro Paese. L’e-commerce, che oggi rappresenta il 10% del comparto, raggiungerà il 25%; inoltre, nel 2025 secondo Bain il 100% degli acquisti di lusso sarà quanto meno influenzato dall’online. Un terzo macro-trend riguarda la diminuzione del numero dei negozi fisici, che dovranno altresì trasformarsi in veri e propri “touch point” per i clienti. Nel 2025 le nuove generazioni rappresenteranno il 55% del mercato del lusso, che sarà influenzato anche dalla continua evoluzione di culture, religioni ed etnie.
 
“Tutti i segnali indicano cambiamenti significativi per i brand di lusso nei prossimi anni”, ha concluso D'Arpizio, “che potranno essere navigati con successo tenendo a mente tre fondamentali mantra strategici: essere proattivi nello sviluppare approcci per servire nuovi clienti e affrontare i trend di mercato; progettare una formula vincente che sia distintiva ed essere orientati verso le nuove generazioni. L’implementazione di queste strategie sarà resa possibile dall’adozione di nuove tecnologie emergenti a supporto della transizione dei brand verso il mercato del 2025”.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.