×
1 647
Fashion Jobs
FOURCORNERS
International Retail HR Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Gioielleria Lusso
Tempo Indeterminato · VICENZA
HUMANA PEOPLE TO PEOPLE
Area Manager Negozi Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Project Manager - Store Planning Department
Tempo Indeterminato · MILANO
TRUSSARDI
Junior Product Manager Capospalla
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Area Manager Switzerland
Tempo Indeterminato · LUGANO
PERCASSI
Marketing Manager
Tempo Indeterminato · BERGAMO
ROSSIMODA S.P.A.
Tecnico Industrializzatore Strutture
Tempo Indeterminato · VIGONZA
EXTYN
Buyer Fashion Moda
Tempo Indeterminato · NOLA
EXTYN
Responsabile Commerciale
Tempo Indeterminato · NOLA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Gioielli - Centro Nord
Tempo Indeterminato ·
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile di Produzione Settore Tessile (271.34.cc)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
CHRISTINA WU BRIDES & ADRIANNA PAPELL PLATINUM
Sales Representative Nord Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
TELAROSA SRL
Responsabile Magazzino Tessuti
Tempo Indeterminato · VERONA
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Brand Premium - Milano Nord Ovest
Tempo Indeterminato · MILANO
CHRISTINA WU BRIDES & ADRIANNA PAPELL PLATINUM
Sales Representative Centro-Sud Italia
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
International Sales Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Logistic Manager - Azienda Moda Multibrand
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Stock Manager - Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Piemonte Fashion
Tempo Indeterminato · TORINO
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Triveneto Fashion
Tempo Indeterminato · VERONA
RETAIL SEARCH SRL
District Manager Abruzzo/Marche
Tempo Indeterminato · PESCARA

Badon (Assocalzaturifici): “2019 in chiaroscuro, bene l’export grazie al lusso e le sneaker”

Pubblicato il
today 12 feb 2020
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Intervenuto in occasione della conferenza stampa di presentazione di Micam 89, il Presidente di Assocalzaturifici Siro Badon non ha esitato a esprimere le proprie preoccupazioni, commentando i dati preliminari relativi all’andamento del comparto nel 2019, elaborati dal Centro Studi di Confindustria Moda.

Siro Badon, Presidente di Assocalzaturifici

 
“Nonostante un record nelle esportazioni, che hanno superato i dieci miliardi di euro a valore grazie al traino delle griffe del lusso, molti elementi sono poco rassicuranti, come la frenata, seppur contenuta, dei volumi venduti, le difficoltà di varia natura, anche politica, sui mercati internazionali, la perenne recessione del mercato interno, il divario sempre più ampio tra grandi e piccole imprese del settore, le problematiche occupazionali”, ha dichiarato Badon. “L’unica categoria che ha registrato segnali positivi è quella delle calzature sportive, le sneaker”.
 
Lo scorso anno le esportazioni di calzature italiane sono aumentate del +6,8% a valore e il saldo commerciale del +10,3%, ma la produzione è calata del -3,1% in quantità. “Sei aziende su dieci hanno denunciato un calo della produzione”, ha precisato Badon. “Diversi mercati storicamente importanti per il comparto sono in difficoltà, a partire da Germania, Russia ed ex CSI”.

In dettaglio, il mercato russo è sceso del -15,3% in quantità nei primi 10 mesi del 2019, la Germania del -9,3%, condizionata dal rallentamento dell’economia, il Medio Oriente del -9,2% e il Giappone del -6,7%, pur con un +6,8% in valore.
 
Risultati favorevoli invece in Francia, +6,4% in volume e +9,3% in valore; aumenti attorno al +10% in valore negli USA e in Cina, e di quasi il +20% in Sud Corea, ancora in crescita a doppia cifra. Al netto dei flussi diretti in Svizzera (oggi primo Paese di esportazione, cresciuto di quasi il +27% in valore e +4,4% in quantità) e Francia, che assorbono un terzo delle vendite estere in valore in quanto destinazioni principali delle produzioni conto terzi, l’aumento registrato dall’export italiano di calzature nei primi 10 mesi si ridurrebbe dal +7,1% al +2,6%, con una flessione attorno al -3% in volume.
 
Continua inoltre il trend negativo dei consumi interni, con gli acquisti delle famiglie che registrano un calo sia in quantità (-3,2%) che in spesa (-2,3%). Dal punto di vista produttivo, le regioni più colpite dall’andamento altalenante del settore nel 2019 sono state le Marche (-15%), l’Emilia Romagna (-18%), il Veneto e la Toscana (-9% per entrambe).
 
“Per il 2020 le incognite sono tantissime, dalle tensioni geopolitiche, come la guerra in Libia e l’escalation militare tra America e Iran, agli effetti della Brexit fino all’emergenza sanitaria legata al coronavirus, che, tra l’altro, ci fa prevedere una calo tra il 5 e il 7% delle presenza a Micam 89”, conclude Badon. “Gli imprenditori intervistati hanno ribadito una previsione di rallentamento, la raccolta ordini del primo trimestre è in calo, non ci sono segnali di ripartenza di domanda interna e si prevedono purtroppo ripercussioni a livello occupazionale”.

Copyright © 2020 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.