×
1 121
Fashion Jobs
LUXURY GOODS ITALIA S.P.A
Gucci Stock Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Società Estere
Tempo Indeterminato · MODENA
AZIENDA RETAIL
Area Manager Piemonte & Liguria
Tempo Indeterminato · TORINO
MICHAEL PAGE ITALIA
Wholesale Director Italia - Abbigliamento Femminile
Tempo Indeterminato ·
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Senior Production Developer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Human Resources Manager - Corporate & Business Functions
Tempo Indeterminato · MILANO
JIMMY CHOO
Costing Manager
Tempo Indeterminato · CHIESINA UZZANESE
CONFEZIONI GIOIELLI SPA
Buyer
Tempo Indeterminato · PRATO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Senior Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
PATRIZIA PEPE
Back-Office Wholesale Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SAY WOW SRL
Junior Operation Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta ww Merchandise & Retail Planning Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Marketing&Communications Manager
Tempo Indeterminato · MILAN
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Product Compliance Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MILAAYA EMBROIDERIES
Business Development/Sampling & Production Coordinator
Tempo Indeterminato · MILAN
BENEPIU' SRL
Responsabile Tecnico
Tempo Indeterminato · CARPI
UMANA SPA
HR Administration Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Operations And Digital Supply Senior Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
8 apr 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Assopellettieri stima rincari delle materie prime fino al +40%

Di
Ansa
Pubblicato il
8 apr 2022

I pellettieri italiani temono un rincaro del costo industriale della materia prima pelle dal 20% al 40% nell'immediato, con effetti sui listini del secondo semestre 2022: lo ha affermato Andrea Calistri, vicepresidente di Assopellettieri con delega al distretto della Toscana presentando i dati dell'export regionale 2021.

Assopellettieri


Con l'aumento dei costi energetici, e dunque anche l'aumento del prezzo di materie prime chimiche e metalliche, "il sistema industriale toscano della pelletteria”, ha detto Calistri, “rischia di perdere competitività". Per il vicepresidente di Assopellettieri si tratta di "un rischio che dobbiamo arginare il più possibile, considerando il peso del settore della pelletteria sulla bilancia economica toscana", e dunque dobbiamo fare politiche regionali per contrastare" questo rischio, con la conseguente possibilità che pezzi della filiera produttiva si spostino all'estero.

"L'impegno della Regione sull'internazionalizzazione proseguirà, siamo e saremo al fianco delle imprese", ha affermato a sua volta Leonardo Marras, assessore all'Economia della Regione Toscana, che ha partecipato alla presentazione dei dati. "Il settore della pelletteria”, ha aggiunto, “è tra i fiori all'occhiello del nostro sistema economico, anche per la capacità di investire in ricerca e sviluppo: credo che questa sia la via maestra per rafforzarlo e farlo crescere sempre di più".

Nel 2021 l'export del sistema della pelletteria e della conceria in Toscana è cresciuto del 32,5% rispetto al 2020 ma non ha ancora recuperato i livelli del 2019 (-7,1%). È quanto affermano i dati elaborati per Assopellettieri dal Centro Studi Confindustria Moda, secondo cui la Toscana rimane la prima regione italiana per esportazioni del settore, con flussi per 5 miliardi, contro i 3,8 del 2020 e i 5,4 del 2019.

Firenze conta oltre 4,2 miliardi di beni esportati, +42,3% sul 2020 e -4,8% sul 2019. Per i mercati di riferimento, rispetto al 2020 migliorano in modo evidente la Svizzera (+39%), che è tradizionale hub logistico-distributivo e prima in graduatoria per valore, ma anche Francia (+30%), Corea del Sud (+120%), Usa (+72,5%) e Giappone (+61%), mentre la Cina è ferma a un +5%. Russia e Ucraina da sole valgono 20,9 milioni di euro esportati nel 2021.

Pelletteria e concia nel 2021 hanno rappresentato il 10,9% del totale dell'export manifatturiero della Toscana, a fronte di una media nazionale del 2,4%. A fine 2021, nel confronto col 2020, la Toscana ha registrato un -4,1% nella demografia delle imprese di settore, con un +0,7% negli addetti. Le ore di cassa integrazione guadagni per le aziende dell'intera filiera pelle (con anche le calzature) autorizzate da Inps nel 2021 mostrano in Toscana una diminuzione del -27,6% sul 2020.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.