Anversa celebra Dries Van Noten con una mostra

Anversa celebra Dries Van Noten, uno dei maggiori talenti della moda internazionale, con una mostra monografica che si terrà al MoMu - Museo della Moda dal 13 febbraio fino al 19 luglio.

Foto: Ansa

La retrospettiva, intitolata Inspirations, evoluzione della mostra di Parigi del 2014, accompagna in un viaggio introspettivo all'interno dell'universo artistico dello stilista di Anversa, illustrando le sue numerose fonti d'ispirazione, dall'arte alle emozioni, e rivelando la singolarità del suo processo creativo.

Foto: Ansa

Nato nel 1958, Dries van Noten si affaccia nel mondo della moda giovanissimo grazie al nonno sarto e al padre, proprietario di un negozio di abbigliamento, con il quale, ancora ragazzo, assiste alle sfilate di moda a Milano, Düsseldorf e Parigi. Nel 1981 si diploma alla Royal Academy of Fine Arts di Anversa (Accademia di Belle Arti), una delle scuole internazionali di maggior prestigio. Nel 1986, supportato da Christine Mathys e Patrick Vangheluwe, lancia il proprio brand indipendente. Nello stesso anno la sua linea maschile sfila per la prima volta a Londra insieme ai giovani stilisti d'avanguardia Walter Van Beirendonck, Dirk Van Saene, Ann Demeulemeester, Marina Yee e Dirk Bikkembergs. Sono gli "Antwerp Six" (I Sei di Anversa) che rivoluzioneranno il mondo della moda, segnando per sempre il destino di Anversa.

Foto: Ansa

Da allora, quella di Dries Van Noten è una progressiva ascesa, un percorso originale fatto di un personale vocabolario estetico che combina la moda con le arti visive di diversi periodi, strizzando l'occhio a culture più o meno lontane ed esperienze intime. Le sue collezioni riflettono fantasie e sogni di luoghi esotici, le tradizioni e il folclore di India, Cina, Africa e Messico. A volte sono i capolavori della storia dell'arte ad ispirarlo, come per la collezione donna autunno-inverno 2009 ispirata a Francis Bacon o come per il rosso di Mark Rothko. Altre volte le referenze creative di Van Noten sono spesso sottili e per questo più intime e suggestive: solo un colore, oppure un'emozione, un'atmosfera. E' il caso dei riflessi azzurri di una grotta a Capri o della fragilità del battito d'ali di una farfalla.

Foto: Ansa

Da tutto ciò può prendere vita una collezione di Dries Van Noten. Da tutto ciò prende vita la mostra Inspirations, per la quale lo stilista non sceglie la formula della retrospettiva classica, bensì quella di un viaggio intimo all'interno del proprio universo personale ed artistico. Diversi domini artistici sono riuniti in mostra attraverso l'assembramento di referenze storiche, pittoriche, etniche, cinematografiche e geografiche allo scopo di illustrare le tecniche distintive e il vocabolario stilistico del creativo belga. Opere d'arte, luoghi, foto, musica, purché siano o siano state fonti di ispirazione per lo stilista di Anversa. Il tutto a sottolineare le influenze, le analogie e le contraddizioni nel lavoro di Dries Van Noten, tra gli omaggi agli artisti che lo hanno ispirato.

Copyright © 2019 ANSA. All rights reserved.

Moda - Prêt à porter Eventi
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER