×
1 461
Fashion Jobs
keyboard_arrow_left
keyboard_arrow_right

Antiba apre una conceria in India, a Ranipet

Pubblicato il
today 6 ott 2019
Tempo di lettura
access_time 2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

La Conceria Antiba è nata nel 1987 a Santa Croce sull’Arno (PI), “ma mio padre aveva fondato altre concerie già nel 1959”, dice a FashionNetwork.com Graziano Balducci, che ha creato questa società con il fratello Paolo. “Oggi siamo alla terza generazione aziendale, produciamo soprattutto per il mondo del fashion, in particolare per la pelletteria. Siamo tra i leader mondiali della pelle di capra, che ricaviamo tutta dalle nostre strutture in India”.

Antiba ha il nuovo sito web aziendale in costruzione


Il nuovo progetto portato dall’azienda toscana all’ultima edizione di Lineapelle è l’apertura di un nuovo sito produttivo, il quarto complessivo della società, che si trova proprio in India, a Ranipet, vicino a Madras e attivo da agosto. “L’intento è quello di proseguire la politica dell’assoluta tracciabilità e sostenibilità nella prima fase della produzione. Un approccio ormai fondamentale, che ci hanno chiesto di adottare tutti i brand del lusso”, racconta Balducci. “Marchi che dobbiamo ringraziare, in quanto spingendoci a curare maggiormente questi aspetti hanno portato tutta l’industria conciaria italiana a migliorare tantissimo la propria qualità”.
 
La nuova conceria si chiama Marchino, “il soprannome in famiglia di nostro padre Mario Balducci, uno dei fondatori del Gruppo Arno, che volevamo onorare”, ricorda l’imprenditore toscano. Ora i dipendenti della struttura indiana sono 30, “ma a pieno regime, ovvero entro la fine di quest’anno, diventeranno 100”, assicura Balducci.

Antiba (che in Italia vanta invece due stabilimenti: la sede di Santa Croce sull’Arno e un altro a Ponte a Egola), è anche in società con l’azienda indiana Prime, e realizza il 50% della produzione con pelle di capra, “ma forniamo tanti brand del lusso anche di pelle verniciata, e poi siamo stati i primi a Santa Croce, ormai 4 anni fa, ad aver utilizzato una nuova tecnologia di rifinizione, un sistema innovativo che nobilita molto la pelle fornendo resistenze eccezionali”, puntualizza l’imprenditore.
 
Il fatturato aziendale del 2018 si è assestato sui 30 milioni di euro, crescendo del 5% in un anno, con una previsione almeno identica per il 2019. Aggiungendo i dati dell’indiana Prime con cui collabora, il giro d’affari arriverebbe a superare i 50 milioni di euro. Con la pelle di capra Antiba genera circa il 50% del proprio fatturato, l’altra metà è ottenuta con la pelle di vitello. “Oggi abbiamo superato i 100 dipendenti in azienda”, aggiunge Graziano Balducci, “e la cosa più importante è che stiamo continuando (e continueremo sempre) ad investire in innovazione, sicurezza, tracciabilità, sostenibilità e gestione dell’impatto ambientale”.
 
La famiglia Balducci possiede anche due ristoranti “La Bottega” a Ginevra; il primo, nato nel 2015, è stato insignito di una stella Michelin, l’altro, che ha debuttato nel 2016, è un’osteria-bistrot-gourmet.

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.