×
1 393
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Estero
Tempo Indeterminato · PECCIOLI
CONFIDENZIALE
Europe Buying Manager Woman Ready to Wear
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
26 mag 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Anche Camaïeu in amministrazione controllata

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
26 mag 2020

In Francia, l'elenco dei marchi di moda che chiedono aiuto ai tribunali tramite le procedure concorsuali di legge si allunga. Dopo André, La Halle, Naf Naf e Orchestra, un altro grande nome della moda francese, Camaïeu, chiede l’avvio di una procedura giudiziaria. Il 26 maggio, la catena è stata posta sotto la protezione del tribunale commerciale di Lille Métropole, per entrare in una procedura di amministrazione controllata.

Camaïeu possiede una rete di circa 900 punti vendita nel mondo - DR


Una fonte vicina alla direzione ci informa che questa situazione è in parte dovuta al rifiuto del prestito garantito dallo Stato (PGE) che Camaïeu chiedeva per superare la fase di crisi sanitaria. “L'ottenimento di un PGE ci avrebbe permesso di affrontarla e completare l’intero finanziamento al fine di continuare la trasformazione iniziata in ottobre”, ha detto la fonte. “Nonostante l’appoggio della Regione e dello Stato e il supporto degli azionisti, questo prestito è stato rifiutato, rendendo impossibile per l'azienda far fronte alla carenza di liquidità”.
 
Il marchio di moda di Roubaix, fondato nel 1984, che si presenta come il leader del prêt-à-porter femminile in Francia, vanta una rete di oltre 900 negozi in 21 nazioni, circa 650 dei quali nella sola Francia. Lo scorso marzo, la società ha annunciato che avrebbe ridotto la sua portata internazionale tramite la chiusura di 135 punti vendita al di fuori del suo mercato interno entro la fine del 2020 (in Italia, Polonia, Repubblica Ceca...).

Un piano di trasformazione stava per essere attuato e, in questo contesto, “un accordo di finanziamento stava per essere concluso con gli azionisti e le banche”, aggiunge la fonte. Ma la crisi del Covid-19 ha innescato forti difficoltà ad avere liquidità disponibile per il marchio transalpino. La catena ha dovuto chiudere i negozi ed è stata costretta a registrare una perdita di 200 milioni di euro, e un calo di fatturato addirittura del 95%.
 
L'opzione dell’amministrazione controllata consentirà al brand di esplorare varie piste per poter cambiare proprietario, andando alla ricerca di acquirenti. Ma come per La Halle (catena attualmente alla ricerca di compratori che – è notizia di ieri – ha ricevuto solamente delle offerte parziali dai gruppi Beaumanoir, Chaussea e Besson), Camaïeu è un player di vaglia del settore dell’abbigliamento, vantando ben 718 milioni di euro di vendite annuali: i potenziali acquirenti devono essere società molto solide e dalle spalle robuste, che al momento non sono tante.
 
Ricordiamo che nell’agosto 2019 una nuova governance si era instaurata all'interno della catena, con l'arrivo di Joannes Soënen come presidente, sei mesi dopo il passaggio di Modacin, la holding che possiede il marchio, nelle mani dei suoi creditori.

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.