×
1 602
Fashion Jobs
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Impiegato/a Commerciale - Accessori e Minuterie- Settore Fashion
Tempo Indeterminato · PADOVA
NUOVA TESI
Responsbaile di Produzione Tessile -nt/1234
Tempo Indeterminato · MODENA
PFCMNA SPA
Area Manager - Ispettore Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Responsabile Linea Montaggio Calzature
Tempo Indeterminato · VENEZIA
BETTY BLUE S.P.A.
Area Manager Direct Retail
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Milano
Tempo Indeterminato ·
GIORGIO ARMANI
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
WAYCAP SPA
Impiegato/a Commerciale
Tempo Indeterminato · MIRANO
ANONIMA
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · AREZZO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
CONFIDENZIALE
Visual Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
District Manager
Tempo Indeterminato · VERONA
LOGO FIRENZE SRL
Product Manager Rtw
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
NARA CAMICIE
CRM Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Account Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
Retail Area Manager Piemonte/Liguria/Lombardia
Tempo Indeterminato · TORINO
ANONIMA
ww Wholesale Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Digital Client Development Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
ORIENTA SPA
General Manager - Bolzano
Tempo Indeterminato · BOLZANO
ANTONIOLI S.R.L.
SEO & SEM Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Sustainability Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicità
Pubblicato il
15 nov 2018
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Altagamma, Andrea Illy: "È in atto una deglobalizzazione strisciante"

Pubblicato il
15 nov 2018

Sovranismi e nuovi conflitti di natura economica e sociale mettono a repentaglio l’ordine sul quale poggia l’intero commercio internazionale. A subire gli effetti di questo stravolgimento è anche l’industria del lusso, che ora si trova a dover affrontare un nuovo disordine globale che ne scuote le fondamenta. A spiegare con quali mezzi affrontare le prossime sfide a livello mondiale è stato il presidente di Altagamma, Andrea Illy, da noi intervistato in occasione dell'incontro dell'Osservatorio Altagamma 2018, svoltosi il 15 novembre a Milano.

Andrea Illy - Foto: FashionNetwork.com - EP


“Quest’anno l’intero comparto del Lusso è cresciuto del 5% a cambi costanti a quota 1.200 miliardi di euro. L’Italia conserva la leadership nella categoria dei ‘personal luxury goods’ con una quota di mercato del 10%”, ha commentato Illy, rivelando che per il prossimo anno è attesa un'ulteriore progressione “in assenza di particolari scossoni”.
 
“Rimane tuttavia un quadro incerto: è in atto una ‘deglobalizzazione strisciante’ che va a smantellare l’ordine mondiale che si era creato in 30 anni di globalizzazione. Sono tempi in cui occorre essere più ‘glocal’ che ‘global’, ponendo attenzione ai piani dei singoli Paesi, e aumentare la competitività”, ha continuato il presidente di Altagamma.

Dopo un 20ennio di crisi causato da numerosi fattori (come l’entrata in vigore dell’Euro, l’ingresso della Cina nel WTO e i crolli americani), si aprono nuove sfide per l’industria culturale italiana. “Il calo della fiducia dei consumatori che impatta negativamente su consumi e investimenti e un quadro istituzionale instabile a livello europeo” fanno prevedere scenari futuri poco favorevoli che possono essere superati solo all’interno del ‘blocco economico’ dell’Unione Europea, ha commentato Illy.
 
Le imprese dovranno porre sempre maggiore attenzione a temi quali ‘nuovo consumatore’, nuove tecnologie, omnichannel, consolidamento della rete dei negozi monomarca e modello di impresa, “da noi ancora prettamente familiare”, ha precisato Illy.
 
Investimenti nell’istruzione e collaborazione con le Istituzioni sono le direttrici per liberare la riserva di competitività di cui è dotata l’Italia secondo il presidente Altagamma: “Abbiamo numeri carenti nella formazione professionale rispetto, per esempio, ai nostri colleghi tedeschi, e pochi laureati nelle discipline scientifiche. Per aumentare la competitività e colmare questi gap del sistema Paese dobbiamo migliorare il dialogo con le Istituzioni, infondendo fiducia e rafforzando la partnership pubblico-privata”.
 
Oggi, “i settori che rispondono più energicamente al mercato sono quelli appartenenti ai ‘consumi esperienziali’ e non più a quelli ‘ostentativi’ e riguardano trasversalmente molti comparti, dall’alimentare alle crociere passando per il wellness e il design legato al lifestyle”, ha concluso Andrea Illy.

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.