×
1 662
Fashion Jobs
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager Arredo Design
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Business Intelligence Analyst - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Moulds & Soles Buyer
Tempo Indeterminato · PADOVA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Event Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELISABETTA FRANCHI
Retail Dos/Fch Supervisor Estero
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
WYCON S.P.A
Commerciale Estero Wycon Con Lingua Francese - Sede
Tempo Indeterminato · NOLA
CONFIDENTIAL
Senior Buyer - Menswear
Tempo Indeterminato · MILANO
S.A. STUDIO SANTAGOSTINO SRL
Responsabile di Produzione Moda d'Alta Gamma
Tempo Indeterminato · PESCARA
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Controllo Qualità-Accessori e Minuterie
Tempo Indeterminato · VIGONZA
SLAM JAM SRL
Back Office Specialist
Tempo Indeterminato · FERRARA
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Customer Experience Manager_premium Brand Lingerie _ Orio al Serio
Tempo Indeterminato · ORIO AL SERIO
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
MIRA GROUP SRL
Responsabile Prodotto
Tempo Indeterminato · POGGIOMARINO
CONFIDENZIALE
Responsabile Amministrativo/Contabile
Tempo Indeterminato · FIRENZE
DIAMONDS 4U SRL
Jewelry Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LYLIANE
Purchasing Manager
Tempo Indeterminato · VIGONZA
CONFIDENZIALE
Commerciale Junior Nord Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
27 gen 2022
Tempo di lettura
6 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Alta moda a Parigi, giorno 3: Jean-Paul Gaultier Haute Couture by Glenn Martens, Elie Saab, Valentino, Zuhair Murad

Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
27 gen 2022

Nel terzo giorno delle sfilate di haute couture a Parigi, FashionNetwork.com ha incontrato le visioni contrastanti della moda di Jean-Paul Gaultier Haute Couture by Glenn Martens, Elie Saab, Valentino e Zuhair Murad.
 
Jean-Paul Gaultier Haute Couture by Glenn Martens – Un laboratorio dell’amore
 
Il défilé eccezionale della giornata è stato senza dubbio Jean-Paul Gaultier Haute Couture by Glen Martens, una combinazione del DNA di Jean-Paul e delle idee da moderno scienziato pazzo di Martens.

Jean-Paul Gaultier, Primavera-Estate 2022 - Alta Moda - Parigi - Jean-Paul Gaultier


Se la couture è il laboratorio della moda, questa è stata una ricerca stilistica di prim'ordine.
 
“Mi sentivo come se avessi appena assisito a una grande elevazione. Ha preso i miei codici, ma li ha cambiati a modo suo. Magnifico! Formidabile!”, si è entusiasmato lo stesso Gaultier, dopo lo show nel suo storico quartier generale di rue St Martin. La collezione è stata la seconda con il nuovo format introdotto da Jean-Paul in cui sono dei designer ospiti a creare l’alta moda di Gaultier per una stagione. Un approccio che ha debuttato con Chitose Abe di Sacai lo scorso luglio.

Quindi, con questo show, almeno per una stagione Martens ha ricoperto tre incarichi di designer: oltre a questo, quelli del suo marchio Y/Project e di Diesel, di cui è direttore creativo.
 
Ma questa sarà la sua collezione più memorabile di questa primavera, perché Martens è riuscito a riprendere svariati elementi del DNA di Gaultier: lingerie, androginia, cultura francese, maglioni Aran e grafiche tecnologiche.
 
E ha aggiunto al tutto una certa bizzarra grandeur, come in un vestito aderente JPG rifinito con il motivo della tigre, dove la modella praticamente faceva le fusa per quanto le piaceva il suo look. Oppure ha ritradotto un meraviglioso abito di Gaultier in una bellissima vedova squilibrata in tulle, velluto devoré, tessuti ottici e cristalli bruniti, il tutto rifinito con un lungo strascico. Un vestito simile, in bianco sormontato da una piccola nuvola di tulle era ipnotizzante.
 
Ogni modella – impreziosita da meravigliosi chignon e trecce lunghe avvolte in tessuto nello stile degli indiani americani, grazie alla maestra del trucco e parrucco Odile Gilbert – sfilava con enorme orgoglio.
 
Nelle sue note al programma, Martens ha citato il principale modellista e premier main del famoso atelier della casa di moda, che effettivamente ha realizzato ogni look. Un astuto gioco di decostruzione dello stile di Gaultier - realizzato da Claire, Aléna e Charlotte – sono stati la brillante gonna a corsetto e il bustier che volutamente parevano cadere a pezzi.
 
Prima di esaltarsi con abiti in taffetà dotati di borchie metalliche che sembrano destinati alla collezione permanente del Costume Institute.
 
“Una festa, perché non diventerò davvero lo stilista della maison. Volevo solo perpetuarne il sogno. Non volevo inventare la donna, lei è già lì. Ma volevo anche spingerla un po' oltre in una maniera decostruita”, ha spiegato Martens nel backstage.
 
Elie Saab - La bellezza in un mercato del XIX secolo
 
Le persone, e un discreto numero di designer, tendono a dimenticare che a volte la cosa più potente ed emancipante che uno stilista può fare per una donna è farla sentire bella.

Elie Saab, Primavera-Estate 2022 - Alta Moda - Parigi - Elie Saab


Ecco il punto dell'ultima collezione di Elie Saab, dove lo stilista libanese ha utilizzato l'intera panoplia del suo atelier per creare abiti di grande bellezza che hanno conferito una certa eterea qualità alle ragazze che li hanno indossati nella sua sfilata.
 
Abiti incantevoli e ben tagliati in organza ricamata con fiori cristallini che sembravano sparpagliati su di loro da un vento leggero. Verdeggianti abiti a coda di rondine spolverati di cristalli indossati con hot pants abbinati o meravigliosi tubini moiré con paillettes abbinati a guanti simili. Un fascino da vera stella del grande schermo.
 
Per i momenti meno audaci, fantastici abiti da sera in faille, shantung o chiffon increspato in rosa tenue, blu di Prussia o viola Impero Romano.
 
Forse, nessun designer in nessun luogo realizza abiti da sposa altrettanto magici di Saab, il cui look finale mostrava una sposa con uno strascico di 20 metri quadrati, il tutto rifinito con scintillanti perline e cristalli. Il Libano potrebbe anche andare in pezzi - Beirut si sta ancora riprendendo da quella gigantesca esplosione - ma l'atelier di Elie Saab continua a produrre opere di vera eccellenza. Come ottenere grazia anche sotto pressione.
 
Il tutto messo in scena all'interno del Carreau de Temple, un alto mercato dalle enormi vetrate della fine del XIX secolo, dove il cast sfilava intorno a file di clienti socialmente distanziati. Poche erano più eleganti in prima fila di Hend Al Otaiba, prima donna ambasciatrice in Francia degli Emirati Arabi Uniti.
 
“Ci sono così tante belle esperienze da scoprire a Parigi, ed Elie Saab è sicuramente una di queste”, ha detto Al Otaiba.
 
 
Valentino - Anatomia di un piccolo comitato
 
Valentino ha messo in scena la sua collezione couture en petit comité, come dicono i francesi, davanti a una manciata di ospiti nel suo salone all'angolo di Place Vendôme.

Valentino, Primavera-Estate 2022 - Alta Moda - Parigi - Valentino


Scarse celebrità nella prima fila, dove Tina Kunakey sfoggiava la sua caratteristica ciocca di capelli ricci, seduta accanto a influencer minori. Anche tenendo conto del Covid, l'ambiente sembrava impoverito, e doppiamente, data la reputazione di una certa grandezza di Valentino Garavani. Nessuna traccia nemmeno del fondatore, anche se era presente il suo business partner Giancarlo Giammetti.
 
Con una folla molto più numerosa di fanatici di Instagram in agguato fuori nella piazza rispetto agli ospiti all'interno, l'attuale couturier di Valentino, Pierpaolo Piccioli, ha mandato in passerella la sua solita selezione di grandiosi abiti in faille o chiffon in strabilianti colori lilla, menta piperita e lampone.
 
Mescolati con tailleur estivi color abete rosso o tubini in crêpe con robuste collane in foglia d'oro, e indossati da modelle con extension di piume sugli occhi degne di Julia Fox. E in questo show misto, si sono aggiunti alcuni abiti dal taglio ampio stile Miami Vice per gli uomini, indossati con t-shirt a collo basso.
 
La collezione era intitolata “Anatomy of Couture”. Piccioli ha persino fatto appendere uno striscione fuori dall'edificio d'angolo che annunciava quel nome. Nel finale, il couturier romano ha abbracciato lo staff di petits mains e artigiani del suo atelier come se stesse per emigrare in una terra molto lontana.
 
In aggiunta all’atmosfera un po’ fosca e triste, la colonna sonora era interamente composta dalla musica malinconica di Antony & The Johnsons. Inoltre, il finale è stato accompagnato da una versione lacrimevole di Knockin’ on Heaven’s Door, il lamento di Bob Dylan per gli ultimi momenti prima della morte di uno sceriffo del West. Non è che l'ultimo addio di Dylan a un coraggioso uomo di legge sia stato una sorta di allusione?
 
Zuhair Murad - Jacqueline Sparrow su rue Castiglione
 
Il capitano Jack Sparrow, o meglio sua moglie e le sue muse, hanno sfilato circondati da un certo splendore alla settimana dell’alta moda di Parigi mercoledì, nell'ultima sfilata di Zuhair Murad.

Zuhair Murad, Primavera-Estate 2022 - Alta Moda - Parigi - Zuhair Murad


Per chiarire l'idea, la sinuosa passerella di Murad era un facsimile di un'antica mappa dei Caraibi. Mentre il suo look di apertura era una piratessa rock star con uno smoking dal taglio splendido, coperto da catene dorate che tintinnavano mentre passeggiava per il Salon Napoleon al Westin Hotel. Con in testa un cappello di paglia a tricorno, sembrava destinata a timonare la Perla Nera.
 
Si tratta di un luogo storico per l’alta moda, dove Yves Saint Laurent ha allestito le proprie sfilate per molte stagioni. E Zuhair lo ha sicuramente riempito di un sacco di glamour piratesco. Una marinaia era letteralmente intrisa del bottino di un pirata; collane d'oro, rubini, cristalli di smeraldo e decine di fili di perle sono stati tutti cuciti sul successivo impressionante tubino di cotone.
 
Altrove, il sarto libanese si è concentrato su ciò che sa fare meglio: abiti da cerimonia per matrimoni mondani e balli di alto livello. Ma ciò che contava davvero erano le piratesse dei Caraibi di Zuhair.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.