Alphabet soffre a Wall Street dopo conti migliori del previsto

Alphabet ha chiuso il quarto trimestre del 2018 con utili e ricavi in rialzo grazie a un'aliquota passata all'11% dal 138% dell'anno precedente, ma il titolo ha sofferto nel dopo mercato a Wall Street (-3%).

Reuters

Nei tre mesi chiusi il 31 dicembre scorso, il colosso tecnologico che controlla Google ha messo a segno utili per 8,95 miliardi di dollari (7,8 miliardi di euro) contro la perdita di 3 miliardi dello stesso trimestre del 2017. Allora la riforma fiscale appena introdotta negli USA comportò costi per 9,9 miliardi di dollari. I profitti per azione sono passati in un anno a 12,77 dollari (11,18 euro) da un buco di 4,35 dollari per azione, sopra le previsioni di mercato ferme a 10,82 dollari.

I ricavi trimestrali sono saliti del 22% a 39,27 miliardi di dollari (34,40 miliardi di euro), contro attese degli analisti pari a 38,93 miliardi.

Nel segmento Google - che include anche il sito di video YouTube - il fatturato è stato di 39,12 miliardi di dollari (34,27 miliardi di euro), in aumento dai 32,19 miliardi degli ultimi tre mesi del 2017. Le vendite generate da pubblicità sono state di 32,63 miliardi di dollari (28,59 miliardi di euro), in rialzo dai 27,22 miliardi di un anno prima. La voce "Other Bets" (in cui rientrano progetti come le vetture senza autista sotto il cappello Waymo), ha visto i ricavi passare a 150 milioni di dollari (131 milioni di euro) dai 132 milioni ma la perdita operativa è peggiorata a 1,33 miliardi da un rosso di 748 milioni.

Ruth Porat, direttore finanziario di Alphabet, ha detto in una nota che l'azienda ha "messo a segno una crescita forte delle vendite, salite del 23% annuo a 136,8 miliardi di dollari (119,8 miliardi di euro) nel 2018. Con grandi opportunità davanti a noi, continuiamo a restare concentrati sugli investimenti nei talenti e nelle infrastrutture necessarie per portare prodotti ed esperienze fenomenali ai nostri utenti, inserzionisti e partner in giro per il mondo".

Fonte: APCOM

Business
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER