×
1 346
Fashion Jobs
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer Man Appareal - Retail Fashion Company
Tempo Indeterminato ·
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Head of Direct Procurement
Tempo Indeterminato ·
PVH ITALIA SRL
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
IL GUFO SPA
Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Consumer Campaign Manager
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Planning Analytics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Product Marketing Manager- Azienda Accessori Luxury- Sesto San Giovanni
Tempo Indeterminato · SESTO SAN GIOVANNI
ERMANNO SCERVINO
Rspp & Facility Manager
Tempo Indeterminato · BAGNO A RIPOLI
CONFIDENZIALE
Customer Care Team Leader (m/f)
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Area Manager Trentino Alto Adige
Tempo Indeterminato · BOLZANO
SLAM JAM SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SLOWEAR SPA
Area Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
CRM Manager - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Area Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
District Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
Responsabile Laboratorio Collaudo e Certificazione Qualità
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Key Account Manager - Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIOLI S.R.L.
E-Commerce Operations Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
TOMMY HILFIGER
Assistant Manager
Tempo Indeterminato · PONTECAGNANO FAIANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Logistic Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
19 lug 2015
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Alle fiere di Berlino si delineano nuovi scenari

Pubblicato il
19 lug 2015

Berlino ha vissuto una settimana densa di saloni. Densa perché, a detta degli espositori e degli organizzatori, i visitatori sono rimasti in media solo due giorni, facendo così risaltare la forza del Panorama.

Al Premium, il primo giorno c'è stato un numero di presenze record. - Nils Krueger


Il salone per i marchi più commerciali era in effetti iniziato martedì 7 luglio, contemporaneamente allo Show & Order e al Bread & Butter, mentre il Premium, con il Seek e il Bright erano scattati l'indomani. Alla fine, l'affluenza nella città tedesca si è essenzialmente concentrata nel martedì e nel mercoledì. Un punto di vista condiviso da Mustang e Digel al Panorama, da Vans al Bright e da Samsoe Samsoe al Premium.

Poche cifre ufficiali sono disponibili. Però al Premium gli organizzatori, che sono anche i nuovi proprietari del Bright, hanno informato che c'è stata una crescita del 70% del numero dei visitatori il primo giorno rispetto alla stessa giornata dell'ultima edizione estiva, mentre nell'insieme dei 3 giorni le presenze sono cresciute solo del 5%, così come è stato evidente che il venerdì offriva alla vista delle corsie vuote. “Noi veniamo al Panorama in primo luogo per i clienti tedeschi, che vi intervengono tutti al completo, ma l'appuntamento è europeo”, commentano da Digel, che espone al Panorama.

Non è che lo spostamento del Who’s Next da giugno a settembre ha finito per avvantaggiare i saloni tedeschi? Non è proprio così sicuro. Come cifre, ancora al Premium la percentuale di visitatori venuti da Benelux e Francia è cresciuta del 2%, arrivando al 20% delle presenze, mentre quella dei visitatori venuti dall'Europa del Sud è calata de 2%, collocandosi al 18%.

Sophie Guyot ha collocato il marchio So allo Show & Order.


“Nell'insieme, si percepisce che il salone è meno internazionale. Il Bread&Butter portava nel nostro segmento l'immagine internazionale di Berlino”, constata un espositore del Seek, la fiera in cui si trova il maggior numero di ex del Bread, da Ben Sherman a Levi's passando per Puma.

"La combinazione di Bright e Seek funziona. Ed evita ai buyer dei lunghi spostamenti in città. In compenso, ho l'impressione che ci siano meno persone presenti, ma forse questo può essere dovuto alla nuova configurazione degli spazi", rilevano da Wrung Divisions.

“A Berlino, c'è complessivamente meno gente di prima”, notano da Anerkjendt. In tutti i casi, Berlino non ha perso il suo posto di leader per la moda giovane, urban, scandinava e denim. "Berlino è anche la rappresentazione della forza del mercato tedesco e dei marchi venuti a cercare dei clienti solidi, in grado di pagare entro 15 giorni", dice un espositore francese.

Bruno Joly (Versione italiana di Gianluca Bolelli)

Copyright © 2021 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.