×
1 723
Fashion Jobs
RUBENS LUCIANO S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · STRA
BLUDUE
Responsabile Prodotto e Produzione
Tempo Indeterminato · NAPOLI
CHABERTON PROFESSIONALS
Global Retail Planner, Fashion Premium Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
P448
Area Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Showroom Manager Arredo Design
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Business Intelligence Analyst - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Moulds & Soles Buyer
Tempo Indeterminato · PADOVA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Event Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELISABETTA FRANCHI
Retail Dos/Fch Supervisor Estero
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
WYCON S.P.A
Commerciale Estero Wycon Con Lingua Francese - Sede
Tempo Indeterminato · NOLA
CONFIDENTIAL
Senior Buyer - Menswear
Tempo Indeterminato · MILANO
S.A. STUDIO SANTAGOSTINO SRL
Responsabile di Produzione Moda d'Alta Gamma
Tempo Indeterminato · PESCARA
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Controllo Qualità-Accessori e Minuterie
Tempo Indeterminato · VIGONZA
SLAM JAM SRL
Back Office Specialist
Tempo Indeterminato · FERRARA
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Customer Experience Manager_premium Brand Lingerie _ Orio al Serio
Tempo Indeterminato · ORIO AL SERIO
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
MIRA GROUP SRL
Responsabile Prodotto
Tempo Indeterminato · POGGIOMARINO
Di
Ansa
Pubblicato il
12 mag 2021
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Allarme liquidità, pressing delle imprese

Di
Ansa
Pubblicato il
12 mag 2021

Continuare a garantire la necessaria liquidità alle imprese. È l'appello che arriva dalle associazioni che rappresentano le aziende di diversi settori che, con una lettera congiunta inviata alle istituzioni italiane, vanno in pressing sul governo perché il prossimo decreto sostegni assicuri le giuste risposte ad attività su cui la crisi sanitaria determinata dal Covid "continua a incidere negativamente".

Foto/Cna


Nella lettera, firmata da 16 sigle (Abi, Alleanza delle Cooperative Italiane - Agci, Confcooperative, Legacoop -, Casartigiani, Agricoltori Italiani, Confederazione Libere Associazioni Artigiane Italiane, Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della Piccola e Media Impresa, Coldiretti, Confagricoltura, Confapi, Confartigianato, Confcommercio, Confedilizia, Confesercenti, Confetra, Confimi Industria, Confindustria e Copagri), le rappresentanze delle imprese chiedono che il Dl in corso di definizione contenga "misure di semplice applicazione, che siano effettivamente efficaci e immediatamente operative, senza prevedere l'emanazione di una regolamentazione secondaria per la piena operatività".

In particolare, sulla liquidità, le imprese chiedono una proroga delle cosiddette moratorie, oltre alla necessità che siano di automatica applicazione, evitando complicazioni burocratiche. Sul fronte dei finanziamenti garantiti, poi, le imprese ritengono "ineludibile" una proroga delle misure del dl Liquidità in coerenza con la proroga dal Temporary Framework. Essenziale anche il prolungamento della durata dei finanziamenti garantiti: le imprese suggeriscono di portarla ad "almeno 10 anni", ma senza dimenticare che "ci sono settori particolarmente colpiti che hanno urgente necessità di interventi più incisivi, anche modificando le regole del Temporary Framework".

Non vanno invece modificate le modalità di accesso al Fondo di Garanzia Pmi e le garanzie Ismea, chiedono le imprese, sollecitando anche di "favorire operazioni di rinegoziazione del debito, attraverso idonei strumenti di garanzia". Necessario, infine, equiparare le condizioni di accesso alla 'Garanzia Italia' a quelle previste per il Fondo di garanzia pmi e ampliare l'accesso ai sostegni alla liquidità anche alle aziende ammesse a piani di ristrutturazione prima della pandemia.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.