×
1 406
Fashion Jobs
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Sales Manager -Showroom Accessori e Abbigliamento Uomo
Tempo Indeterminato · MILANO
DR. MARTENS
Credit Controller - Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
ALYSI
Addetto/a Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · ROMA
ANONIMA
Sales Manager
Tempo Indeterminato · CREMONA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
WOOLRICH EUROPE SPA
e - Commerce Operations & Digital Specialist
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Account Executive - Showroom Premium Brand
Tempo Indeterminato · MILANO
MARNI
Account Executive
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Category Manager - Azienda Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
Retail Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · ALBA
ADECCO ITALIA SPA
Tecnico/a Produzione Abbigliamento
Tempo Indeterminato · STRA
CONFIDENZIALE
Commerciale
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce & Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · ROMA
YVES ROCHER
Digital Performance Marketing Specialist (Origgio-va)
Tempo Indeterminato · ORIGGIO
ULTIMA ITALIA S.R.L
Production And Sourcing CO-Ordinator (Production Merchandiser)
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
18 nov 2022
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Alibaba accusa quasi 3 miliardi di euro di perdite trimestrali, a causa del Covid

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
18 nov 2022

Il colosso cinese dell'e-commerce Alibaba ha reso note giovedì quasi 3 miliardi di euro di perdite trimestrali, in un contesto di rallentamento economico e d’inasprimento normativo in Cina nei confronti delle aziende tecnologiche.

Reuters


Dalla fine del 2020 le autorità sono intransigenti nei confronti di alcune pratiche dei colossi digitali, prima largamente tollerate, in tema di raccolta di dati personali e concorrenza. Pechino ha moltiplicato i colpi inferti alle potenti Internet Company, cui è stato impedito di raccogliere fondi a livello internazionale o che sono state multate per abuso di posizione dominante, misure che hanno fatto perdere al settore miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato.

Considerata a lungo in Cina come un modello di successo, Alibaba era stata la prima a subire la punizione delle autorità pubbliche. L'economia del Paese è minata anche dalle restrizioni anti-Covid, che penalizzano pesantemente i consumi.

In questo contesto, Alibaba ha riportato 20,5 miliardi di yuan (2,7 miliardi di euro) di perdite nel secondo trimestre del proprio esercizio fiscale scalato. Al contrario, il suo fatturato è aumentato del 3% in un anno, a 207,1 miliardi di yuan (27,9 miliardi di euro) nel periodo luglio-settembre. Per la prima volta nella storia di Alibaba, il marchio non aveva registrato alcun progresso nel trimestre precedente.
 
La Cina sta affrontando da diversi mesi una recrudescenza dell'epidemia di Covid-19, che sta colpendo a vari livelli diverse parti del Paese. Le restrizioni sanitarie e l'incertezza che le accompagna costituiscono un freno ai consumi. La debolezza della spesa delle famiglie sta gravando in modo massiccio sulle società di e-commerce, abituate fino ad ora a crescite esponenziali con la normalizzazione degli acquisti su Internet.

Di conseguenza, Alibaba è stata più discreta del solito per il "Singles' Day", che dà vita a saldi online di proporzioni mostruose. Il gruppo non ha comunicato alcun dato di vendita per questo evento, che si è concluso l'11 novembre.

Per anni, tali vendite sono state accompagnate da un'intensa campagna mediatica di Alibaba, con uno schermo gigante che mostrava in diretta l'evoluzione della quantità di transazioni effettuate sulle sue piattaforme. In un contesto economico lento, Alibaba ha riportato un calo delle vendite in Cina dell'1% su base annua nel proprio esercizio scalato. A livello internazionale, invece, le sue vendite sono aumentate del 4% anno su anno.
 
Il gruppo, nel mirino delle autorità dal 2020, ora mantiene un basso profilo. Quell'anno, Pechino aveva fermato una gigantesca IPO in Borsa a Hong Kong della sua filiale di pagamenti Ant Group, 48 ore prima dell'evento. L'operazione, presentata allora come la più grande raccolta fondi di tutti i tempi, avrebbe dovuto fruttare 27,4 miliardi di euro.

Il mese successivo, Alibaba è stata indagata per ostacolo alla concorrenza. Il gruppo fondato dal carismatico Jack Ma, è stato in seguito multato per 2,3 miliardi di euro. E il miliardario, ritiratosi da Alibaba, limita i propri interventi in pubblico.

Segno delle difficoltà, il gruppo di Hangzhou (Cina orientale) avrebbe tagliato quasi 15.000 dipendenti, secondo un confronto della sua forza lavoro attuale con quella dello stesso trimestre dello scorso anno.

Le scarse performance del campione dell'e-commerce rappresentano tutt'altro che un caso isolato in Cina nel mondo della tecnologia. Mercoledì, il gigante di Internet e dei videogiochi Tencent ha annunciato un’ulteriore contrazione del suo fatturato trimestrale.

Copyright © 2023 AFP. Tutti i diritti riservati.

Tags :
Business