×
1 396
Fashion Jobs
THUN SPA
Area Manager Wholesales Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
BABY DREAM SRL
Fashion Buyer
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ROSSIMODA S.P.A.
Tecnico Industrializzatore Strutture
Tempo Indeterminato · VIGONZA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
IT Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Responsabile Magazzino
Tempo Indeterminato · NAPOLI
PRAXI
Senior HR Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PRONOVIAS GROUP
Junior IT Assistant
Tempo Indeterminato · CUNEO
EXPERIS S.R.L.
Responsabile Commerciale
Tempo Indeterminato · FIRENZE
SASHA 2017 SRL
Gerente - Persona by Marina Rinaldi
Tempo Indeterminato · MILANO
HANG LOOSE SRL
Direttore Commerciale
Tempo Indeterminato · CASALE MONFERRATO
MIROGLIO FASHION SRL
Senior E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Digital Campaign Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LA DOUBLEJ
Junior Sales Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
District Manager
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
Product Development Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Taglio
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Centro Italia
Tempo Indeterminato · PESCARA
FOURCORNERS
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
EXPERIS S.R.L.
Account Manager Triveneto
Tempo Indeterminato · VICENZA
RETAIL SEARCH SRL
HR Admin & Payroll
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Area Manager Lombardia
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Senior Buyer - Fashion (Provincia Padova)
Tempo Indeterminato · PADOVA
Pubblicità

Alcuni siti di vendita on line mettono in guardia l'Europa sulla distribuzione selettiva

Pubblicato il
today 11 apr 2010
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

11 apr 2010 – I dirigenti di sei grandi società di vendita su Internet hanno scritto, mercoledì 7 aprile, al Commissario Europeo per la Concorrenza, Joaquim Almunia, per metterlo in guardia sulla revisione in corso delle regole dell'Unione Europea riguardanti in particolare la selezione della distribuzione, in quanto questa modificazione potrebbe danneggiare «i consumatori europei e i numeri dell'economia».


Foto: Corbis

In questa lettera, i dirigenti di Amazon EU, Price Minister, eBay Francia, Pixmania, Rue du Commerce e 3 Suisses International, chiedono al Commissario di intervenire perché «il progetto di regolamentazione sia modificato e che ogni forma di discriminazione fra il commercio on line e il commercio tradizionale sia eliminata». Queste aziende mirano a ottenere una disposizione di legge che permetta al produttore «di esigere dai suoi distributori di disporre di una boutique o di una showroom “fisica” prima di impegnarsi nella distribuzione on line».

(Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: Les Echos)

Copyright © 2019 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.