Al via Pitti Uomo 92, tra nuove sezioni, “big names” in Fortezza e progetti espositivi

Si svolgerà dal 13 al 16 giugno nella consueta location della Fortezza da Basso di Firenze l’edizione numero 92 di Pitti Uomo, con un percorso espositivo ridisegnato che ospiterà in circa 60.000 metri quadrati 1.231 marchi, di cui 546 provenienti dall’estero (44,3% del totale) e 245 tra nomi nuovi e rientri al salone, di cui 141 esteri.

Torna a Firenze Pitti Uomo con un nuovo percorso espositivo - pittimmagine.com

Attesi oltre 30.000 i visitatori in totale; nell’ultima edizione estiva i buyer sono stati circa 20.500, di cui 8.400 provenienti dall’estero, in particolare da Germania, Giappone, Spagna, Regno Unito, Cina, Olanda, Francia, Turchia, Svizzera, Belgio, Stati Uniti, Corea del Sud, Russia, Austria, Portogallo, Danimarca e Svezia.

Per quanto riguarda le 15 sezioni in cui si articola l’esposizione, tra le principali novità vi è lo spostamento dell’area “Make”, che sarà in scena per la prima volta alla Sala della Ronda, all’interno del percorso della ricerca a Pitti Uomo, con una nuova generazione di artigiani da tutto il mondo. Da questa edizione, inoltre, l’area “Futuro Maschile”, dedicata al menswear contemporary-classic, si amplia in termini di superficie espositiva e numero dei brand, e alla storica location della Sala delle Nazioni aggiunge l’Arena Strozzi, uno spazio dedicato ad accogliere collezioni ultra-selezionate dall’anima sportswear di ricerca.

Cambio di location anche per “Touch!”, la sezione che esprime l’eclettismo del guardaroba maschile contemporaneo, che si presenta per la prima volta al Padiglione Medici, all’ingresso del salone, creando una nuova linea di continuità con sezioni come “L’Altro Uomo” e “Unconventional”. Anche quest’ultima raddoppia con un secondo spazio agli Archivi, ampliando i propri orizzonti con uno sguardo all’athleisure e all’agender.

Yoshio Kubo - pittimmagine.com

Tra gli eventi speciali e i guest di questa edizione, da ricordare JW Anderson, che il 14 giugno a Villa La Pietra presenterà per la prima volta in Italia la collezione uomo PE 2018; Virgil Abloh in scena il 15 giugno con la sua collezione menswear PE 2018, assieme a una selezione della pre-collezione donna; Christian Louboutin, icona assoluta del mondo luxury shoes, che partecipa per la prima volta a Pitti Uomo con uno special project, un evento sportivo previsto per il 13 giugno a cui farà da cornice Piazza Santa Maria Novella. E ancora Hugo, la linea più fashion-forward di Hugo Boss, che sempre il 13 giugno presenterà la PE 2018 alla Manifattura Tabacchi, con uno speciale fashion show che combinerà uscite menswear e womenswear.

Diversi i “big names” presenti in Fortezza per quest’edizione, tra cui Paul Smith, che presenta la sua linea contemporary PS in una nuova location al Padiglione delle Ghiaia, e Tommy Hilfiger, con una presentazione in anteprima della collezione Hilfiger Edition Spring 2018. Inoltre, per la prima volta in 50 anni di storia, Hunting World, esclusivo brand americano di accessori, sceglie Pitti Uomo per lanciare in anteprima assoluta una collezione completa di ready-to-wear, interamente realizzata in Italia, con una sfilata-evento alla Stazione Leopolda il 14 giugno.

I “Pitti Italics” di questa edizione saranno Federico Curradi, che presenterà mercoledì 14 giugno al Museo Bardini, in anteprima e con un evento speciale, la menswear collection, e Alanui, il progetto in stile nomade-chic lanciato da Nicolò e Carlotta Oddi, che realizzerà una speciale installazione giovedì 15 giugno, nella suggestiva location del Tepidarium del Roster.

Alanui - pittimmagine.com

Torna a Firenze anche “Who Is On Next? Uomo”, il concorso dedicato alla ricerca di nuovi talenti della moda maschile che vede la collaborazione di Pitti Uomo, Alta Roma e L’Uomo Vogue, giunto alla sua nona edizione, i cui finalisti per questa stagione sono: Bad Deal, Magliano, MatteoLamandini, milano140, Omar e SelfMade by Gianfranco Villegas.

Sul fronte estero, focus su Australia e Giappone, con “Guest Nation Australia”, in collaborazione con The Woolmark Company, che vedrà sfilare 8 giovani designer australiani, selezionati con Australian Fashion Chamber, nell’area speciale dello Spazio Carra, e il fashion show di Yoshio Kubo, uno dei nuovi talenti della scena giapponese, previsto il 15 giugno alla Stazione Leopolda e organizzato in partnership con Japan Fashion Week Organization. Il Giappone sarà protagonista anche con i sei finalisti del “Tokio Fashion Award”, che esporranno le proprie collezioni con un corner speciale all’interno di “Unconventional”.

Per quanto riguarda i progetti espositivi, sia in Fortezza che in città, da segnalare la mostra “Il Museo Effimero della Moda”, prodotta da Fondazione Pitti Immagine Discovery con Gallerie degli Uffizi e Palais Galliera e curata da Olivier Saillard in collaborazione con Caterina Chiarelli, che sarà aperta dal 13 giugno al 22 ottobre a Palazzo Pitti. E ancora “Domus, gli spazi della moda”, un percorso fotografico inedito dedicato all’evoluzione del fashion retail realizzato dal magazine Domus in Fortezza da Basso. Infine, Diesel presenta “Make love not walls” by David LaChapelle il Il 13, il 14, il 15 giugno alla Società Circolo dei Canottieri: sulle rive dell’Arno arriveranno il carrarmato arcobaleno e i collage inediti degli scatti che David LaChapelle ha realizzato per Diesel e che verranno esposti per la prima volta nel nuovo store di Firenze, in Via degli Speziali.

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - AltroSaloni / fiere
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER