×
1 381
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Ecommerce Business Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Senior Graphic Designer & Art Director - Jewelry Sector
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Rtw Donna Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Export Manager - Design Luxury
Tempo Indeterminato · MONZA
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Project Manager Produzione Rtw - Azienda Luxury
Tempo Indeterminato · NOVARA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
E-Commerce Manager
Tempo Indeterminato · CARINARO
RANDSTAD ITALIA
Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
UMANA SPA
Industrializzatore e Production Planner
Tempo Indeterminato · VALEGGIO SUL MINCIO
BITTO SRL
Tecnico di Confezione
Tempo Indeterminato · RHO
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Abbigliamento Sportswear
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Estero Emporio Armani Bodywear
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIEL
Ecommerce Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Ecommerce Visual Shooting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
IT Support Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
District Manager
Tempo Indeterminato · TOSCANA/EMILIA ROMAGNA/LAZIO
NEGRI FIRMAN PR & COMMUNICATION
Event Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Retail Operation Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Chief Financial Officer
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Sistemista Senior
Tempo Indeterminato · VICENZA
MIRIADE SPA
Retail Planner
Tempo Indeterminato · NOLA
ADECCO ITALIA SPA
Country Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Customer Service Estero- Settore Design
Tempo Indeterminato · MONZA
Di
Ansa
Pubblicato il
18 apr 2016
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Al Salone del Mobile 2016 il trend è classico-moderno

Di
Ansa
Pubblicato il
18 apr 2016

Si potrebbe chiamare classico-moderno, il trend che si è affermato per il living alla 55esima edizione del Salone del Mobile che si è appena conclusa a Rho Fiera Milano. I materiali sono nuovi come le idee, c'è qualche immancabile aggiunta di tecnologie digitali, ma il background è sempre quello del bello e ben fatto dell'italian style.

Una proposta Living all'ultimo Salone del Mobile 2016 - Foto: Ansa


La base è il concetto che è stato magistralmente espresso in Before Design Classic, la mostra evento principale di questa edizione del Salone dedicata a quello stile che attinge a eredita di gusto e cultura, influenza il presente e getta un ponte verso il futuro. La declinazione attuale di quei pezzi mostrati nelle immagini suggestive del cortometraggio firmato da Matteo Garrone, si traducono negli stand dei grandi brand soprattutto italiani nelle produzioni e si rivolgono ora al mercato.

Ad esempio Flou, storica azienda di Meda in Brianza, nata con il letto imbottito (capostipite era Nathalie il primo letto tessile sfoderabile) mostra letti iperclassici, anche in ferro battuto, ma 'contaminati' dalle tecnologie del telecomando e del device che permettono di regolare la rete in quattro diverse posizioni e dirti in percentuale quanto si sei riposato. La camera da letto comunque diventa un pezzo della nuova filosofia del total living col brand Nativo di media e alta gamma. In camera da letto compare ad esempio un divano 3 posti e una poltrona col colore uguale al letto, oppure in contrasto dove la struttura delle sedute hanno lo stesso legno dell'armadio e del letto in un gioco di sfumature tra lucido e opaco.

"Pezzi di design che sposano il gusto anche classico senza dimenticare il benessere della persona", spiega Manuela Messina, responsabile Flou per la ricerca e lo sviluppo. "Il nostro mercato - aggiunge - è principalmente italiano anche se il 30-40% della nostra produzione è per l'export (USA, Svizzera, Russia e Cina i mercati principali). Un altro aspetto di questo nuovo-vecchio gusto di arredare è seminare per casa pezzi, qualche volta capolavori che si ambientano da soli.

Una proposta Living all'ultimo Salone del Mobile 2016 - Foto. Ansa


Esempi significativi si trovano nello stand di Fiam Italia azienda di Tavullia (Pesaro) dove il segreto è curvare il vetro e utilizzarlo per tutto: specchi, tavoli, consolle, librerie, vetrinette, comodini e addirittura poltrone. Il titolare è Vittorio Livi, un vetraio che ha voluto trasformare il vetro in elementi di arredo e guida un'azienda con 80 dipendenti, maestri vetrai e autentici artigiani. L'icona è la poltrona Ghost (3.000 euro), un pezzo che sta lì - e bene - dove la si mette, come una scultura. I complementi e i pezzi di arredo di Fiam, dalla terra di Valentino Rossi partono per tutto il mondo. L'azienda esporta infatti il 70% della produzione e la vende a New York, a Mosca, Sidney e Singapore. Ma alcuni pezzi si trovano anche in una trentina di musei di design e arte contemporanea sparsi per il mondo. Un tavolo Fiam 'Illusion' disegnato 27 anni fa da Philippe Starck è stato recentemente battuto a New York per 50.000 dollari. Costava, quando era prodotto in serie, 3 milioni di vecchie lire. Insomma in questo nuovo intendere il mobile di arredamento ci sta un po' di tutto, anche il collezionismo. Importante è che sia italiano e bello.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.