×
1 629
Fashion Jobs
BALENCIAGA LOGISTICA
Balenciaga - Buyer Pellami, Tessuti e Semilavorati Per Pelletteria
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
RANDSTAD ITALIA
Ispettore Controllo Qualità Categoria Kids
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Retail Director - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
PAUL&SHARK
Area Manager Outlet - Centro Sud
Tempo Indeterminato · VARESE
SELECTA
Responsabile Tecnico di Produzione in Outsourcing
Tempo Indeterminato · FIRENZE
MOTIVI
District Manager
Tempo Indeterminato · FIRENZE
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Digital Catalogue Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ADECCO ITALIA SPA
​Retail IT Specialist - Omnichannel
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
CANALI
Senior Analyst Developer
Tempo Indeterminato · SOVICO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Controller Estero - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MODENA
WEAREGOLD
ww Sales Force Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
ADECCO ITALIA SPA
E-Commerce Specialist
Tempo Indeterminato · TREZZANO SUL NAVIGLIO
CAMICISSIMA
Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Wholesale Area Manager Area DACH
Tempo Indeterminato · MILANO
BIJOU BRIGITTE S.R.L.
Direttore di Zona (m/f)
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
EUROPRINT SRL
Export Manager
Tempo Indeterminato · OTTAVIANO
SKECHERS RETAIL SWITZERLAND
Retail Area Manager
Tempo Indeterminato · LUGANO
STELLA MCCARTNEY
Rtw Production Planner & Controller
Tempo Indeterminato ·
STELLA MCCARTNEY
Supply Chain Planning Analyst
Tempo Indeterminato · NOVARA
BOGLIOLI S.P.A.
Junior IT Application Manager\Junior IT Data Analyst
Tempo Indeterminato · GAMBARA
Di
Ansa
Pubblicato il
13 lug 2021
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Al G20 di Venezia accordo storico sulla global tax

Di
Ansa
Pubblicato il
13 lug 2021

Il G20 sigla il 'Patto di Venezia', accordo "storico" per mettere fine al dumping fiscale, ossia una corsa al ribasso sulla tassazione delle multinazionali che va avanti da decenni diventando concorrenza sleale e riducendo drasticamente le tasse che pagano.

Segretaria al Tesoro Usa, Janet Yellen.


Dopo anni di lavori dell'Ocse e il via libera del G7, è sotto la presidenza italiana del G20 che la tassazione con aliquota minima del 15% e la tassazione dei profitti delle multinazionali nei Paesi in cui operano - per mettere fine alla pratica di farli figurare in giurisdizioni di favore - arriva a un punto di non ritorno. Con l'appoggio di Paesi che rappresentano il 90% del Pil mondiale.

"Per la prima volta fissiamo regole per la tassazione delle grandi multinazionali", dice il ministro dell'Economia, Daniele Franco, dopo la due giorni di lavori di ministri delle Finanze e Governatori all'Arsenale di Venezia.

"Il Patto di Venezia lascerà il segno", chiosa il commissario Ue agli Affari economici, Paolo Gentiloni, sottolineando l'impegno della presidenza italiana del G20 e la spinta degli Usa: "il mondo è pronto a metter fine alla corsa al ribasso" delle tasse sulle multinazionali, dice la segretaria al Tesoro, Janet Yellen.

Sono ancora sette i Paesi dubbiosi, di cui tre europei, Irlanda, Ungheria ed Estonia. Ma sia Franco che Gentiloni sono fiduciosi che alla fine "saranno a bordo", dice il Commissario Ue. Il peso economico dei sottoscrittori è tale da mettere i tre "sotto pressione", sintetizza Franco fiducioso.

Mancano ancora diversi dettagli che complicano i negoziati: come l'aliquota minima, che la Francia e altri vorrebbero superiore al 15%, e la fissazione quota degli utili da redistribuire (fra il 20 e il 30%): l'Ocse limerà i dettagli e l'obiettivo è avere un via libera al G20 finanze di Washington, l'ok dei capi di Stato e Governo al G20 a Roma il 30 e 31 ottobre e l'entrata in vigore nel 2023.

Se il fisco era il 'piatto forte' del meeting, c'era anche il clima in cima all'agenda della due giorni di meeting all'Arsenale. "Abbiamo una 'road map' pluriennale sulla finanza sostenibile per affrontare il cambiamento climatico, ma anche oltre, se pensiamo alla sostenibilità delle nostre economie", dice il Governatore della Banca d'Italia, Ignazio Visco, sottolineando il ritorno della cooperazione globale. E uno dei passaggi rilevanti del 'communiqué' del summit veneto è che ministri e Governatori si sono accordati per "l'uso, se appropriato, di meccanismo di fissazione del prezzo delle emissioni di Co2 e incentivi": da tempo il Fmi sottolinea che il Co2, per incentivare fonti alternative, dovrebbe costare 75 dollari a tonnellata contro i tre di oggi. Un punto a favore dell'Ue, che la prossima settimana tirerà dritto con il suo piano 'Fit for 55' che punta a più che dimezzare le emissioni al 2030 e solleva il nodo critico del 'carbon border adjustment mechanism', agendo sul prezzo del Co2 importato.

"Daremo priorità all'accelerazione della consegna dei vaccini, diagnosi e terapie" specie nei Paesi svantaggiati e daremo "risposte per reagire rapidamente a nuove varianti", recita poi il comunicato di otto pagine del G20. La task force Banca mondiale-Organizzazione mondiale della sanità-Fondo monetario internazionale e Organizzazione mondiale del commercio per i vaccini, le cure e diagnosi nei Paesi in via di sviluppo dovrà rispondere al "bisogno urgente di essere più preparati" alle pandemie e poi ci sono le varianti, come la Delta, che minacciano uno scenario di ripresa positivo. È anche per questo che Franco, padrone di casa assieme a Visco, sottolinea l'impegno del G20 a continuare con misure di sostegno monetario e fiscale "per tutto il tempo necessario per sostenere la ripresa" e a "evitare un ritiro prematuro" delle misure.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Business