×
1 598
Fashion Jobs
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Business Intelligence Analyst - Palermo
Tempo Indeterminato · PALERMO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Moulds & Soles Buyer
Tempo Indeterminato · PADOVA
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Event Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
ELISABETTA FRANCHI
Retail Dos/Fch Supervisor Estero
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
WYCON S.P.A
Commerciale Estero Wycon Con Lingua Francese - Sede
Tempo Indeterminato · NOLA
CONFIDENTIAL
Senior Buyer - Menswear
Tempo Indeterminato · MILANO
S.A. STUDIO SANTAGOSTINO SRL
Responsabile di Produzione Moda d'Alta Gamma
Tempo Indeterminato · PESCARA
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Responsabile Controllo Qualità-Accessori e Minuterie
Tempo Indeterminato · VIGONZA
SLAM JAM SRL
Back Office Specialist
Tempo Indeterminato · FERRARA
GI GROUP SPA - DIVISIONE FASHION & LUXURY
Customer Experience Manager_premium Brand Lingerie _ Orio al Serio
Tempo Indeterminato · ORIO AL SERIO
WYCON S.P.A
Area Manager Wycon - Emilia Romagna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHELE FRANZESE LUXURY SRL
Gestione Ordini Marketplace
Tempo Indeterminato · NAPOLI
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga - Rtw Purchasing & Procurement Coordinator
Tempo Indeterminato · NOVARA
MIRA GROUP SRL
Responsabile Prodotto
Tempo Indeterminato · POGGIOMARINO
CONFIDENZIALE
Responsabile Amministrativo/Contabile
Tempo Indeterminato · FIRENZE
DIAMONDS 4U SRL
Jewelry Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LYLIANE
Purchasing Manager
Tempo Indeterminato · VIGONZA
CONFIDENZIALE
Commerciale Junior Nord Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Stock Specialist Bologna
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
Pubblicato il
15 gen 2020
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Ahirain raddoppia la distribuzione e collabora con Thindown

Pubblicato il
15 gen 2020

Come promesso due anni fa, il marchio di capispalla Ahirain è riuscito a raddoppiare la propria distribuzione mondiale nell’ultimo biennio, arrivando a diffondersi in 250 negozi multimarca globali a fine 2019. “Abbiamo in previsione una crescita ulteriore del 30% quest’anno”, assicura a FashionNetwork.com Andrea Pucci, l’AD del brand, che ha creato nel 2015 - con quote paritarie del 33,3% l’uno - insieme ai fratelli Azzurra e Giampaolo Morelli. Questi ultimi sono i proprietari al 50/50 della Pellemoda di Empoli, azienda a ciclo completo che produce collezioni in tessuto, pelle, pelliccia per prestigiose case italiane e straniere dei settori moda e lusso con un archivio storico di oltre 6.000 capi, a sua volta fondata 40 anni fa dal loro padre Bruno.

Ahirain, AI 2020/21


Incontrati da FashionNetwork allo stand Ahirain di Pitti Uomo 97, appena terminato a Firenze, i tre imprenditori ostentano soddisfazione per i risultati ottenuti. “Rimaniamo focalizzati coerentemente sul nostro DNA, ovvero la produzione di un outerwear tecnico. La collezione per la stagione Autunno-Inverno 2020/21 si compone di 20 pezzi con tessuti idrorepellenti, molti dei quali antivento e traspiranti (sempre disegnati dallo stilista israeliano Yossi, ndr.). La grande novità di questo periodo è la collaborazione per la linea “Ahima” che abbiamo avviato con la NIPI (Natural Insulation Products Inc) di Chieti col suo tessuto Thindown”, puntualizza Giampaolo Morelli.
 
Thindown è il primo e unico tessuto di piuma 100% naturale, e la NIPI ne detiene i diritti di brevetto e la tecnologia. La linea “Ahima” è realizzata con il Thindown Active, la versione del prodotto composta da un blend di vera piuma e poliestere. Pensato per l’abbigliamento urban street il tessuto risulta fino al 155% più caldo della sola fibra poliestere, secondo i test effettuati presso il laboratorio di fama mondiale IDFL.

“La piuma d’oca lavorata del Thindown costituisce una nuova frontiera per l’imbottitura, perché nella nostra linea, con soli 80 grammi di peso, aumentiamo le performance di tenuta al calore, permettendoci di andare con sicurezza fino a meno 15 gradi di temperatura”, precisa poi Azzurra Morelli.
 
Capo di punta della collezione “Ahima” è il parka lavorato in esterno con “un sofisticato nylon giapponese lucido Micro Rip-stop super leggero e che respinge l’acqua, mentre i tinti capo vengono trattati prima della tintura con film speciali che danno un effetto quasi tridimensionale al colore”, indica Pucci.
 
Ahirain continua a produrre una linea di borse-zaino coerente con l’immagine di marca, perché realizzata con gli stessi accessori, tessuti e dettagli della collezione di outerwear. I prezzi al pubblico di “Ahima” vanno mediamente dagli 800 ai 900 euro per i capispalla; gli zaini vengono venduti a 250 euro.

Ahirain, AI 2020/21


Da quest’anno Ahirain ha cominciato ad essere distribuito da Antonia a Milano, da Rinascente e da L’Eclaireur a Parigi, che vanno ad aggiungersi agli altri multimarca di alta gamma e retailer top italiani ed internazionali in cui è commercializzato (come per esempio Degli Effetti a Roma, Excelsior e Biffi a Milano, Silvia Bini a Viareggio, The Library a Londra, Tsum a Mosca, Club21 a Singapore).

La distribuzione del brand è rivolta all’estero per il 65%, mentre il restante 35% è ottenuto in Italia, come due anni fa. Ahirain è maggiormente diffuso nei mercati dell'Asia orientale, come Giappone e Corea del Sud, seguiti dagli Stati Uniti, dalla Russia e poi dai mercati europei, con l'Italia in prima posizione.“Però il mercato maggiormente cresciuto l’anno scorso è quello tedesco, dove siamo approdati da poco tempo e abbiamo già registrato risultati eccellenti”, riferisce Andrea Pucci, che in passato è stato il direttore commerciale di Allegri.
 
Ahirain ha festeggiato il raggiungimento del milione di euro di fatturato nel 2019, con il terget di “incrementare la nostra distribuzione, che è solo wholesale, fino ad arrivare a 300 negozi selezionati al termine di quest’anno”, precisa Giampaolo Morelli, mentre la capogruppo Pellemoda ha superato i 70 milioni di fatturato nel 2019, crescendo in doppia cifra dai 66 milioni di due anni fa, ed impiega attualmente 250 collaboratori riuniti nella sede di Empoli (con un indotto che sfiora le 500 unità) la quale copre una superficie di circa 10.000 metri quadrati. “Quest’anno il quartier generale verrà ampliato per incrementare la produzione con un edificio di circa 5.000 metri quadrati caratterizzato da soluzioni innovative in termini di impatto ambientale e modernità costruttiva”, aggiunge Giampaolo Morelli.
 
I fratelli Morelli, questa volta con un altro socio, Martino Manzoni, hanno anche creato nel 2006 una consociata di Pellemoda, la Hostage, che si occupa di lavorazioni ibride di tessuto-pelle per capi d’alta moda e che a fine 2018 fatturava 23 milioni di euro. “Anche le vendite di Hostage sono cresciute in doppia cifra l’anno scorso”, conclude Azzurra Morelli.

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.