×
1 427
Fashion Jobs
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Financial Reporting Coordinator
Tempo Indeterminato ·
BALDININI SRL
Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · SAN MAURO PASCOLI
THUN SPA
Area Manager Wholesales Province di fr, te, lt, aq, ri
Tempo Indeterminato · FROSINONE
MANTERO SETA
Junior Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · GRANDATE
FOURCORNERS
Retail Area Manager Italy
Tempo Indeterminato · MILANO
G COMMERCE EUROPE S.P.A.
Emea Emarketing & Analytics Specialist
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
HR Training & Development Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
HERMES ITALIE S.P.A.
Stock Operations Manager - Boutique Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENZIALE
IT Manager
Tempo Indeterminato · PADOVA
FOURCORNERS
Earned & Owned Media Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CLAUDIE PIERLOT ITALIE
Area Manager Italy - Permanent Contract H/F
Tempo Indeterminato · MILAN
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Toscana Settore Fashion
Tempo Indeterminato · FIRENZE
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Fashion Puglia
Tempo Indeterminato · BARI
EXPERIS S.R.L.
Area Manager Lazio
Tempo Indeterminato · ROMA
MANUFACTURE DE SOULIERS LOUIS VUITTON SRL
Rsponsabile Modelleria e Industrializzazione Tomaie Sneakers e Mocassino
Tempo Indeterminato · FIESSO D'ARTICO
LABOR S.P.A
Business Developer - Luxury/Moda
Tempo Indeterminato · MILANO
VALENTINO
IT CRM Specialist
Tempo Indeterminato · VALDAGNO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
j&w, Licenses And Décor Digital Buyer
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Area Manager Centro- Nord Est
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
MICHAEL PAGE ITALIA
Buyer Retail - Accessori - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Area Manager Centro Italia - Base Roma
Tempo Indeterminato · ROMA
PRONOVIAS GROUP
Accounting Manager
Tempo Indeterminato · CUNEO
Pubblicità

Adidas vuole realmente avviare una transizione verso una produzione più ecologica?

Di
AFP
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
today 23 dic 2019
Tempo di lettura
access_time 3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

“Rivoluzione” ecologica contro gli sprechi o manovra di marketing di un’industria inquinante? Il produttore tedesco di articoli sportivi Adidas, che punta a lanciare nella primavera del 2021 “Futurecraft Loop”, un paio di sneakers riciclabili al 100%, simboleggia il desiderio dei produttori di scarpe di conquistare i consumatori “ambientalisti” trasformando il loro modo di produrre.

La "Futurecraft Loop" - Adidas


Dal bianco al blu sfumato: sette mesi dopo aver presentato la sua “Futurecraft Loop”, la “prima calzatura” riciclabile all’infinito, Adidas ha appena lanciato la seconda fase di questo progetto che ambisce a creare un modello “circolare”, in cui le calzature per correre usate diano alla luce nuove paia di scarpe.
 
“Dalla generazione 1 alla generazione 2, abbiamo dimostrato a noi stessi e al grande pubblico che era possibile eliminare completamente rifiuti e sprechi”, spiega all’agenzia AFP David Quass, direttore del "business model" di Adidas. “La rivoluzione, mai vista prima nel settore, è che possiamo mantenere la qualità del materiale da una scarpa all'altra, rispondendo alle medesime esigenze” di performance, ha aggiunto.

Con quale processo? Una tecnica di assemblaggio mediante fusione di sfere in poliuretano termoplastico (TPU), che permette di ridurre il numero di componenti diversi “a 4-5 contro i 70 di prima” per una scarpa classica, eliminando contemporaneamente la colla che tiene attaccata la tomaia alla suola. Un'impresa resa possibile grazie alla collaborazione con il colosso chimico BASF.
 
Con il crescente aumento degli aspetti ecologici nella coscienza dei cittadini, anche altri produttori, come Eram, Salomon o TBS, si sono lanciati nel segmento della sostenibilità per “adattarsi” a questa richiesta green, espressa soprattutto dalle generazioni più giovani.
 
Secondo uno studio dell’agenzia Nielsen realizzato nel 2017, l’85% dei millennials, la fascia di età 21-34 anni, ritiene che sia “estremamente importante” che le aziende elaborino programmi per proteggere l'ambiente. Al punto da costituire un nuovo percorso di crescita in questo mercato stimato valere 114 miliardi di euro nel 2018, secondo lo studio NPD? “Questo può effettivamente aprirci ad altri segmenti di clienti, a un altro pubblico”, conferma David Quass.
 
Tuttavia, tale requisito di eco-responsabilità non si concretizza ancora nell'atto di acquisto finale dei consumatori. “C'è un aspetto paradossale”, spiega all'AFP Virgile Caillet, delegato generale dell'Union Sport & Cycle, che rappresenta 1.400 aziende della filiera dello sport e del tempo libero in Francia. Sebbene “guadagnino slancio”, “i criteri d’acquisto ambientali sono in quinta o sesta posizione, mentre i criteri determinanti sono innanzitutto comfort e prezzo, e poi la solidità”, precisa.
 
Ora, anche se Adidas non vuole che la sua “Loop” sia “un prodotto di lusso”, l’azienda ammette, senza rivelarne il prezzo esatto, che la scarpa sarà venduta a un prezzo simile a quello dei suoi prodotti di fascia alta, ovvero fra i 200 e i 300 euro al paio.

Ridurre il numero di pezzi che compongono una calzatura - Adidas


In considerazione del prezzo e di una produzione in serie che promette di essere limitata a “diverse migliaia di paia”, una goccia d’acqua paragonata ai 400 milioni di calzature prodotti ogni anno dal brand, ci si chiede: questo progetto è più destinato ad un'operazione di comunicazione ("green-washing") che allo sviluppo di un promettente canale commerciale?
 
“Non è per fare del green-washing, ma per cambiare. Non è mai troppo presto, né troppo tardi dare il via al cambiamento della maniera di produrre in questa industria, costruita diversi decenni fa”, risponde David Quass.
 
Nonostante altre iniziative in questa direzione implementate da più di tre anni, come ad esempio la partnership con Parley (riciclaggio della plastica negli oceani), Adidas ha tuttavia inviato segnali contraddittori con il trasferimento in Asia delle sue innovative fabbriche "Speedfactory" tedesche e americane. Un annuncio fatto a metà novembre, pochi giorni prima dell’ufficializzazione della fase 2 di “Futurecraft Loop”.
 
“Questo ci ha veramente sorpreso”, sottolinea Samah Habib, specialista del settore moda di Accenture, dal sito della rivista Challenges. “L’impronta ecologica è sicuramente influenzata. Questo provvedimento non va nella direzione della storia che hanno cercato di raccontare tre anni fa”.
 
Abbastanza per mettere in discussione la reale trasformazione di un modello economico basato sul principio del “comprare-buttare”? “A livello legislativo ora non ci sarà più scelta per gli industriali”, ricorda Virgile Caillet, riferendosi alla legge anti-sprechi del governo francese, che punta alla strutturazione di una filiera del riciclaggio per gli articoli sportivi.
 
“Loop” può “sbloccare un modo diverso di interagire con il consumatore, tramite nuovi modelli economici come la restituzione del prodotto o l’esplorazione del noleggio in abbonamento”, aggiunge David Quass. Percorsi "potenziali" già innovativi di per sé.

Copyright © 2020 AFP. Tutti i diritti riservati.