×
1 436
Fashion Jobs
RODGY GUERRERA AND PARTNERS
Human Resources Manager Corporate
Tempo Indeterminato · MILANO
RODGY GUERRERA AND PARTNERS
Human Resources Manager Italy&Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Senior Buyer Settore Moda
Tempo Indeterminato · PRATO
MICHAEL PAGE ITALIA
Regional Account Manager Nord Italia Per Realtà di Bigiotteria
Tempo Indeterminato · MILANO
MARTINO MIDALI
Junior Product Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
MARTINO MIDALI
E-Commerce e Retail Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Loss Prevention Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PHILIPP PLEIN
Global CRM Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
BENEPIU' SRL
Produzione -Qualita'
Tempo Indeterminato · CARPI
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Agile Delivery Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Area Manager Italia e Svizzera - Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
AMINA MUADDI
Product Manager Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Regional Account Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
BURBERRY
IT Project Manager
Tempo Indeterminato ·
BURBERRY
District Manager Outlets Northern Europe
Tempo Indeterminato · MILANO
ANTONIA SRL
Fashion Buyer-Woman Collection
Tempo Indeterminato · MILANO
SIDLER SA
Hse Specialist / Mendrisio
Tempo Indeterminato · MENDRISIO
RANDSTAD ITALIA
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Digital Media Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Buyer Men's Rtw & Accessories Linea Giorgio Armani
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
E-Commerce Buying Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
e- Commerce Specialist - Settore Fashion
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
29 mag 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Addio all’ecopelle, Unic vince battaglia storica

Pubblicato il
29 mag 2020

Unic incassa una vittoria storica. D’ora in avanti, i termini ‘cuoio’, ‘pelle’ e ‘pelliccia’ potranno essere usati solo per identificare materiali derivati da spoglie di animali. Addio, quindi, al vario (quanto ambiguo) armamentario 'green' degli 'ecopelle', 'vegan-leather' e simili utilizzati per materiali sintetici.

Un campionario esposto a Lineapelle - Archivo


A sancirlo è un decreto approvato il 28 maggio dal Consiglio dei ministri che, in tali occasioni, vieta espressamente l’uso di questi termini “poco ortodossi”, responsabili oltretutto di aver occultato la vera vocazione sostenibile dell’industria conciaria, che utilizza pelli scartate dall’industria alimentare, sottraendole così allo smaltimento in discarica o inceneritore.
 
Per Unic si tratta del coronamento di una lunga battaglia sull’uso corretto della terminologia conciaria, regolamentato da un’ormai vetusta legge del 1966.

Il decreto, in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, fornisce anche una definizione più corretta dei termini ‘pelle’ e ‘cuoio’, in linea con la normativa comunitaria e tecnica, e contiene “disposizioni che riguardano esclusivamente i requisiti essenziali di composizione che i prodotti e i manufatti con essi fabbricati devono soddisfare per poter essere immessi sul mercato”, spiega una nota del CdM.
 
“L’obiettivo è quello di avere una chiara e univoca indicazione dei materiali utilizzati e di eliminare potenziali ostacoli al buon funzionamento del mercato”, prosegue il testo. Sulle violazioni, come la mancanza di etichetta o contrassegno e l’utilizzo di etichetta o contrassegno non conforme ai requisiti, vigileranno Camere di Commercio, Agenzia delle Dogane, Guardia di Finanza e Polizia Giudiziaria, mentre il Mise curerà l’attività di monitoraggio e coordinamento delle disposizioni.

Copyright © 2023 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.