Accordo USA-Cina su dazi, stop di 90 giorni ad aumento tariffe

Tregua commerciale tra Cina e USA. Nel corso della cena al termine dei lavori del G20 a Buenos Aires, il presidente americano Donald Trump e il presidente cinese Xi Jinping hanno raggiunto l'accordo per una tregua sui dazi che durerà 90 giorni a partire dal 1° gennaio prossimo, secondo quanto riferisce il Washington Post.

Il presidente cinese Xi Jinping e Donald Trump

Trump ha accettato di annullare gli aumenti tariffari previsti, che su 200 miliardi di merci esportate dal Paese asiatico verso gli Stati Uniti, dal 10% sarebbero dovuti salire al 25%. In cambio Xi si è impegnato ad acquistare una quantità, che la Casa Bianca ha definito "molto consistente", di prodotti agricoli, energia e beni industriali dagli USA.

La tregua servirà a riavviare i colloqui tra Stati Uniti e Cina volti a risolvere una disputa commerciale che sta danneggiando l'economia globale, preoccupando alcuni degli alleati repubblicani di Trump e sta snervando gli investitori. Secondo quanto riferisce il Washington Post, Trump e Xi hanno concordato di "iniziare immediatamente" i colloqui sulle politiche industriali cinesi, comprese le licenze coercitive della tecnologia degli Stati Uniti, il furto di segreti commerciali e le barriere commerciali non tariffarie.

"Questo è stato un incontro straordinario e produttivo con possibilità illimitate sia per gli Stati Uniti che per la Cina", ha detto Trump in una dichiarazione rilasciata a bordo dell'Air Force One durante il volo di ritorno a Washington. "È un grande onore lavorare con il presidente Xi", ha aggiunto Trump, parlando con un certo ottimismo. Ma se, nel corso della tregua di 90 giorni, le trattative non dovessero andare a buon fine, il presidente USA ha ribadito che procederà con il suo precedente piano - che sarebbe dovuto entrare in vigore il 1° gennaio 2019 - di aumentare le tariffe sui 200 miliardi di dollari dei prodotti cinesi importati negli USA, facendole salire al 25% dall'attuale 10%.

Il presidente, sempre secondo quanto riferisce il Washington Post, avrebbe anche minacciato di estendere i dazi a tutte le importazioni statunitensi dalla Cina, relative ad altri 267 miliardi di dollari di beni. Una 'minaccia', però, della quale non si fa menzione nel resoconto dei colloqui tra i due leader diffuso dalla Casa Bianca.

Copyright © 2018 AdnKronos. All rights reserved.

Moda - AltroIndustry
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER