×
614
Fashion Jobs
THUN SPA
Regional Manager DACH Area
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
Regional Manager Spain
Tempo Indeterminato · MILANO
THUN SPA
Regional Manager France
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Head of Sales ww – Luxury Jewelry
Tempo Indeterminato · MILAN
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Footwear Technician - China Resident
Tempo Indeterminato · QUANZHOU
DAINESE SPA
International Accounting Coordinator
Tempo Indeterminato · COLCERESA
EXPERIS S.R.L.
District Manager Premium Brand
Tempo Indeterminato · ROMA
CONFIDENTIAL
Controller
Tempo Indeterminato · MILANO
INTIMAMEDIAGROUP
International Sales & Marketing
Tempo Indeterminato · CORSICO
DMAIL
Digital Specialist Dmail
Tempo Indeterminato · PONTASSIEVE
ADECCO ITALIA SPA
Area Manager Marche/Umbria/Abruzzo
Tempo Indeterminato · ANCONA
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Junior Wholesale Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
RETAIL SEARCH SRL
Programmatore Shopify
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Regional Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MASSIMO ALBA SRL
Responsabile Programmazione Della Produzione
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Esperto Commerciale Import/Export Russian Speaker - Azienda Moda Luxury
Tempo Indeterminato · VARESE
GIFRAB ITALIA S.P.A.
HR Manager
Tempo Indeterminato · PALERMO
BOTTEGA VENETA S.R.L.
Bottega Veneta - Global Training Content Creator
Tempo Indeterminato · MILANO
MANTERO SETA
Treasury Specialist
Tempo Indeterminato · GRANDATE
EXPERIS S.R.L.
Responsabile Showroom Luxury Forniture - Parma
Tempo Indeterminato · PARMA
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Wholesale Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Product Manager - Kidswear
Tempo Indeterminato · MILANO

Abercrombie & Fitch accusa perdite maggiori del previsto

Di
Reuters API
Versione italiana di
Gianluca Bolelli
Pubblicato il
1 giu 2020
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

Le perdite trimestrali di Abercrombie & Fitch Co si ampliano. La società ha reso noti giovedì risultati gravemente influenzati dal crollo della domanda dei consumatori, perché la maggior parte dei suoi negozi ha dovuto chiudere durante la pandemia di coronavirus. Le azioni del marchio sono scese di quasi il 10%.

Twitter @Abercrombie


Le chiusure temporanee di negozi, alcuni di essi appena rinnovati, hanno ostacolato gli sforzi di Abercrombie, che da tempo cerca di rilanciare il suo marchio principale in piena crisi di popolarità. Ma la pandemia ha anche disturbato la crescita di Hollister. Tanti marchi già indeboliti dalla concorrenza dell’e-commerce hanno subito duramente le conseguenze finanziarie della pandemia di Covid-19. Alcuni sono stati costretti a dichiarare bancarotta.
 
“[Tentiamo] di comprendere quale sia la nuova normalità, perché non ha davvero nulla a che vedere con la vecchia. Le presenze nei nostri store sono largamente diminuite, a causa della contrazione della domanda, ma anche delle misure di distanziamento da applicare nei negozi”, puntualizza il direttore finanziario Scott Lipesky in una conferenza stampa seguita alla pubblicazione dei risultati.

Abercrombie non ha voluto rendere note previsioni dettagliate per il secondo trimestre o l'intero anno, ma ha già avvertito che le vendite nei negozi che hanno potuto riaprire i battenti negli Stati Uniti e nella regione EMEA registrano rispettivamente l’80% e il 60% degli incassi dello stesso periodo dello scorso anno. Unica buona notizia del trimestre: le vendite online di Abercrombie sono salite del 25%, perché i clienti online si sono precipitati a comprare capi di loungewear, felpe e tute sportive, ma anche la nuova linea di activewear Gilly Hicks, durante il lockdown.

Instagram @abercrombie


Le vendite nette del gruppo sono scese del 34%, a 485,4 milioni di dollari (436,93 milioni di euro) nel primo trimestre chiusosi il 2 maggio. Si tratta del calo più grande in 10 anni, ancora più importante di quanto si attendevano gli esperti, che avevano puntato su 497,3 milioni di dollari (447,64 milioni di euro), secondo Refinitiv Eikon.
 
Le perdite nette attribuibili all'attività aziendale si sono ampliate raggiungendo i 244,2 milioni di dollari (219,82 milioni di euro) contro i 19,2 milioni di dollari (17,28 milioni di euro) di un anno fa, a causa di inadempienze nei pagamenti e oneri fiscali. Esclusi eventi eccezionali, l’azienda ha registrato perdite per 3,29 dollari (2,96 euro) per azione, ampiamente superiori agli 1,39 dollari (1,25 euro) per azione che si aspettavano gli analisti.

© Thomson Reuters 2020 All rights reserved.