×
1 690
Fashion Jobs
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Website Analytics Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
247 SHOWROOM
Supply Chian & Logistic Operator
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Brand Manager Sneakers
Tempo Indeterminato · COLDRERIO
CI MODA SRL/COMPAGNIA ITALIANA
Resp. Amministrativo
Tempo Indeterminato · GUIDONIA MONTECELIO
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
TALLY WEIJL
Merchandise Planner
Tempo Indeterminato · MILANO
ALANUI
Product Back-Office Assistant
Tempo Indeterminato · MILANO
NEW GUARDS GROUP HOLDING SPA
Design Consultant, Slgs
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Sportswear Merchandising Coordinator
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Technical Textile Production Manager – 271.Adv.21
Tempo Indeterminato · BOLOGNA
HUGO BOSS
Sales Area Manager - Wholesale
Tempo Indeterminato · MILANO
ASCOLI HFD SRL
Impiegato Ufficio Acquisti e Gestione Cliente
Tempo Indeterminato · MILANO
HUGO BOSS
Construction Junior Project Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
NEIL BARRETT
Menswear Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Omnichannel Technology Analyst
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Digital Project Manager
Tempo Indeterminato · SCANDICCI
MOTIVI
Head of Merchandising
Tempo Indeterminato · ALBA
RUBENS LUCIANO S.P.A.
IT Manager
Tempo Indeterminato · STRA
BLUDUE
Responsabile Prodotto e Produzione
Tempo Indeterminato · NAPOLI
CHABERTON PROFESSIONALS
Global Retail Planner, Fashion Premium Luxury
Tempo Indeterminato · MILANO
P448
Area Manager Italia
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
12 set 2011
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

A New York la collezione di Diane Von Furstenberg

Di
Ansa
Pubblicato il
12 set 2011

Se non ci fosse Diane, la New York della moda dovrebbe inventarsela una donna così, ma probabilmente non ci riuscirebbe, almeno non di questi tempi. Parliamo di Diane von Furstenberg e di quella sua classe europea, eppure così orgogliosamente americana, che dà lustro alle passerelle della Fashion Week. E' stata finora l'unica stilista a fare un gesto patriottico, distribuendo bandierine a stelle e strisce ai suoi ospiti: in prima fila c'erano il marito Barry Diller (tra l'altro, fondatore di Fox tv), Valentino Garavani e Giancarlo Giammetti, Oscar de la Renta e Susan Sarandon.

Diane von Furstenberg
Diane Von Furstenberg, collezione primavera-estate 2012 - Foto Ansa

Il gesto di Diane (ebrea di origine belga, nonostante il precoce divorzio ha mantenuto il cognome del primo marito Egon, figlio di Clara Agnelli e stilista anche lui, morto dieci anni fa) non si giustifica solo con il fatto che la sempre bella e radiosa signora è quasi una istituzione, come presidente della camera americana della moda: lei, in realtà, ha una naturale capacità di rappresentare il meglio della moda americana, che non ha mai inventato niente ma che ha spesso fuso molto bene l'eleganza europea con lo spirito pratico. E stavolta la collezione DVF è particolarmente gradevole, fresca, chic, mettibile e sorridente. Pregi dovuti soprattutto - va detto - alla mano sapiente di Yvan Mispeleare, lo stilista francese (con esperienze anche da Valentino, Prada, Gucci) che da più di un anno affianca la signora Furstenberg. Ma dato che ci vuole bravura a scegliersi i collaboratori, anche per questo onore al merito di Diane, che è uscita con lui in passerella a condividerne il successo.

L'ispirazione iniziale, ma molto sfumata, è l'Africa moderna, quella delle donne che conservano la tradizione avvolgendosi in stoffe colorate ma sempre piene di pieghe, di borse e di tasche dove riporre tutto il proprio mondo. Non c'é però niente di etnico in passerella, tutto è super-stylish, perfino i tubini di juta, i vestiti drappeggiati e quelli larghi a caftano, gli abiti di pizzo bianco, i tasconi appoggiati sul plissé, i pantaloni quasi cargo e le salopette femminili in seta stampata. Il famoso 'wrap dress', l'abito-vestaglietta di jersey che ha reso famosa la moda di Diane, stavolta è in leggero cotone, mentre le geometrie africane a fantasie geometriche si mescolano con il blazer in un gioco maschile-femminile moderno e colorato, portato perfino con mocassino dal tallone ribaltato. Il finale é fatto di tubini-gioiello, a fantasie di fiori luccicanti di cristalli: "c'é un senso del lusso - spiega Mispelaere - che non si prende sul serio".

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.