×
1 745
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Head of Production
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Site Management Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ELENA MIRO'
Head of Merchandising & Buying
Tempo Indeterminato · ALBA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
PATRIZIA PEPE
Digital Adversiting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Business Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
CONFIDENZIALE
IT Help-Desk
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
International Key Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
CRM Manager, Fashion Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
NALI ACCESSORI
Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · NAPOLI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Business Developer- Interior Design Lusso
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Rtw ww
Tempo Indeterminato · VICENZA
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Denim
Tempo Indeterminato · VICENZA
CONFIDENZIALE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · TORINO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Buyer Accessori di Produzione e Lavorazioni
Tempo Indeterminato · PADOVA
CMP CONSULTING
E-Commerce Specialist - Korean Speaking
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Pubblicato il
22 mag 2009
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

100.000 ettari di cotone transgenico in Burkina Faso

Pubblicato il
22 mag 2009

OUAGADOUGOU (AFP) – Il Burkina Faso ha deciso di seminare nel 2009 e 2010 più di 100.000 ettari di terreno a cotone transgenico, nella speranza di incrementare la produttività e il reddito degli agricoltori. Tuttavia, il progetto, sostenuto dall'azienda Usa Monsanto, ha sollevato forti proteste nel Paese africano.


- Foto : AFP

Dopo il Sudafrica, il Burkina Faso è il secondo paese dell'Africa sub-sahariana ad aver promosso la produzione di cotone geneticamente modificato. L'anno scorso sono stati seminati 8.500 ettari di terreno. "Questo ci ha permesso di avere sementi sufficienti per estendere la produzione di cotone transgenico", ha spiegato un responsabile della Società di fibre e tessili (Sofitex), Georges Yaméogo. Si tratta di seminare "118.000 ettari", precisa il ministero dell'Agricoltura.

I ricercatori dell'Istituto dell'ambiente e delle ricerche agricole (Inera) hanno seguito la sperimentazione condotta in diverse aziende agricole, in collaborazione con l'azienda Monsanto che fornisce il gene, al termine delle quali è stata scelta la varietà Bollgard II. I promotori del cotone Bt sostengono che questa varietà presenta almeno tre vantaggi: ridotto utilizzo degli anti-parassitari, aumento del "30%" del rendimento per ettaro di terreno, maggiori profitti per gli agricoltori.

Questo tipo di cotone è stato geneticamente modificato per resistere ad alcuni parassiti, dice Yaméogo, così "i contadini risparmieranno sui pesticidi" e "sarà tutelata la salute dei produttori, grazie a un minore utilizzo degli insetticidi". Anche Allassane Séré, responsabile di un'associazione che promuove l'utilizzo di ogm, Burkina biotech, sostiene che "nessuno si è preoccupato finora dei danni causati dagli anti-parassitari per il trattamento del cotone convenzionale".

"Le acque sono inquinate, i pesci muoiono, gli insetti sono stati uccisi", denuncia l'ex ministro dell'Agricoltura. Tuttavia, le organizzazioni non governative contestano con forza queste argomentazioni. Innanzitutto, ritengono che il cotone Bt non porti vantaggi ai piccoli agricoltori e che la sua coltura sia pericolosa a lungo termine per l'ambiente. "Nessuno studio indipendente ha dimostrato che questa tecnologia e questa varietà non causano danni", precisa l'ambientalista Yacouba Touré, membro della Rete degli attori verdi dell'Africa Occidentale.

Da parte sua il genetista Jean Didier Zongo, a nome della Coalizione di sorveglianza sugli ogm, smentisce invece la tesi secondo cui si avrebbe un aumento del rendimento, "che si ottiene in laboratorio, ma non per i contadini che lavorano all'aperto". Perchè il cotone transgenico risulti conveniente, le aziende di cotone hanno previsto di vendere il sacco di semente da 30 chilogrammi a 26.000 FCFA (39,6 euro), cioè 100 franchi (0,15 euro) in meno del cotone convenzionale. Il genetista Zongo teme tuttavia che a lungo termine la biotecnologia risulti inaccessibile ai produttori perchè "viene da Monsanto che potrà aumentare i costi".

Il contratto firmato dal gruppo americano con le autorità del Burkina Faso prevede che i geni rimangano di proprietà di Monsanto e che la varietà sia invece al paese. Riguardo ai vantaggi della vendita delle sementi, il 60% deve tornare ai contadini che li producono, il 28% a Monsanto e il 12% alle strutture di ricerca sul cotone Bt, secondo Séré di Burkina biotech. "Fate un paragone con la ripartizione delle royalties in India o in Sudafrica" dove opera Monsanto, invita Yaméogo, convinto che il Burkina Faso sia riuscito a negoziare un contratto vantaggioso.

Fonte: AFP

Copyright © 2022 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.