×
1 376
Fashion Jobs
PAGE PERSONNEL ITALIA
Retail Analyst
Tempo Indeterminato ·
BOT INTERNATIONAL
Regional Visual Merchandising Manager German Speaker
Tempo Indeterminato · LUGANO
CONFIDENZIALE
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
Buyer Man Appareal - Retail Fashion Company
Tempo Indeterminato ·
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Head of Direct Procurement
Tempo Indeterminato ·
PVH ITALIA SRL
Legal Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
IL GUFO SPA
Area Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Knitwear Junior Product Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci ww Business Performance Management Analyst
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Global Consumer Campaign Manager
Tempo Indeterminato ·
RANDSTAD ITALIA
Retail Planning Analytics Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Product Marketing Manager- Azienda Accessori Luxury- Sesto San Giovanni
Tempo Indeterminato · SESTO SAN GIOVANNI
ERMANNO SCERVINO
Rspp & Facility Manager
Tempo Indeterminato · BAGNO A RIPOLI
CONFIDENZIALE
Customer Care Team Leader (m/f)
Tempo Indeterminato · MILANO
CAMICISSIMA
Area Manager Trentino Alto Adige
Tempo Indeterminato · BOLZANO
SLAM JAM SRL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
SLOWEAR SPA
Area Manager Emea
Tempo Indeterminato · MILANO
PAGE PERSONNEL ITALIA
CRM Manager - Milano
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Area Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
District Manager Sardegna
Tempo Indeterminato · OLBIA
CONFIDENTIAL
Responsabile Laboratorio Collaudo e Certificazione Qualità
Tempo Indeterminato · NAPOLI
FOURCORNERS
Key Account Manager - Beauty
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
23 set 2014
Tempo di lettura
3 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

''Women fashion power'': quando l'abito fa la leader

Di
Ansa
Pubblicato il
23 set 2014

Chissà se il pugno fermo della Lady di ferro Margareth Thatcher sarebbe apparso un po' meno fermo senza quel suo filo di bianchissime perle sempre al collo. O se le campagne pro-Aids di Lady Diana avrebbero avuto meno risonanza nel mondo senza gli abiti Versace e le D bag, per lei create da Dior. E Susanna Camusso, se a un certo punto avesse optato per uno stile leopardato alla Roberto Cavalli, oggi sarebbe ugualmente alla guida dei sindacati dei lavoratori italiani? Una per tutte, Angela Merkel: senza quel guardaroba da 100 e più giacchette, per molti fin troppo corte, sarebbe comunque diventata la donna più potente del mondo, come l'ha definita Forbes?

Uno degli abiti in mostra a Londra - Foto: Ansa


E' da domande come queste che nasce ''Women fashion power'', mostra in programma al Design Museum di Londra dal prossimo 29 ottobre al 26 aprile 2015, che racconta come le donne più influenti dell'ultimo secolo e mezzo, dalla politica allo spettacolo, abbiano usato la moda per definire e migliorare la propria posizione, lasciando traccia di sé nella storia e anche nei guardaroba di oggi.

Con gli allestimenti firmati dalla pluripremiata archistar Zaha Hadid, l'esposizione ha coinvolto in prima persona anche 25 protagoniste della scena internazionale, che hanno contribuito al racconto prestando un proprio outfit e condividendo il proprio stile.

Si va da una Top della passerelle come Naomi Campbell alla cantante Skin, dalla principessa Charlene di Monaco all'antropologa Genevieve Bell, oggi vicepresidente di Intel Labs e secondo Elle tra le 3 donne più influenti al mondo in fatto di tecnologia. E poi l'avvocato dei diritti civili Shami Chakrabarti, l'italiana Livia Firth (produttrice cinematografica molto impegnata per la sostenibilità ambientale e sociale, nonché moglie dell'attore Colin), la stilista Vivienne Westwood e la signora della moda londinese Joan Burstein (la prima ad ospitare una collezione di John Galliano nella sua boutique Browns), il sindaco di Parigi Anne Hidalgo e Thea Green, fondatrice del colosso Nails Inc. E ancora, il direttore della Serpentine Gallery Julia Peyton-Jones, la giornalista della BBC Kirsty Wark, la fondatrice dell'impero del luxury online net-à-porter Natalie Massenet e Qiong-er Jiang, direttore artistico del brand cinese Shangxia.

Come dire, le donne che con le loro scelte stanno cambiando il mondo e che, anche attraverso il look, ispirano milioni di altre donne su tutto il pianeta. ''Sono tutte leader, ognuna nel proprio loro campo - racconta Donna Loveday, cocuratrice della mostra insieme all'esperto di moda Colin McDowell - e tutte donne che hanno capito che gli abiti che avrebbero indossato sarebbero stati parte del loro modo di comunicare''.

Uno dei corsetti in mostra a Londra - Foto: Ansa


Una sorta di ''dress code power'', che la mostra esplora sin dai primi strizzatissimi corsetti che, quantomeno, rendevano irresistibilmente seducenti le nonne delle nostre nonne, ai vertiginosi tacchi a spillo di Christian Loubutin, che a ogni passo sembrano gridare ''sono qui, impossibile non notarmi''.

Tra fotografie e molti filmati, anche pezzi storici da collezione come il vestito blu Mansfield indossato da Margaret Thatcher quando venne eletta leader del partito conservatore nel 1975. O l'abito Jacques Azagury scelto dalla principessa Diana per la festa del suo trentaseiesimo compleanno, appena un mese prima di morire. E poi ancora mise e accessori anni Venti della couturier italiana Elsa Schiaparelli, la donna che cambiò la Moda almeno quanto Coco Chanel e che inventò il color rosa smoking. E ancora uno smoking originale Yves Saint Laurent del '66 e l'abito da sposa del '77 disegnato dalla principessa del punk Zandra Rhodes.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.