×
1 741
Fashion Jobs
FOURCORNERS
Head of Production
Tempo Indeterminato · MILANO
GUCCIO GUCCI S.P.A.
Gucci Site Management Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Merchandising Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
MIROGLIO FASHION SRL
E-Commerce Store Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ELENA MIRO'
Head of Merchandising & Buying
Tempo Indeterminato · ALBA
GIFRAB ITALIA S.P.A.
Area Manager - Sicilia
Tempo Indeterminato · PALERMO
PATRIZIA PEPE
Digital Adversiting Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
PATRIZIA PEPE
E-Commerce Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Retail Buying Specialist
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
Business Controller
Tempo Indeterminato · FIRENZE
CONFIDENZIALE
IT Help-Desk
Tempo Indeterminato · FIRENZE
PATRIZIA PEPE
International Key Account Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CHABERTON PROFESSIONALS
CRM Manager, Fashion Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
SKECHERS
Supervisor
Tempo Indeterminato · MILAN
NALI ACCESSORI
Commerciale Estero
Tempo Indeterminato · NAPOLI
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
Business Developer- Interior Design Lusso
Tempo Indeterminato · MILANO
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Rtw ww
Tempo Indeterminato · VICENZA
OTB S.P.A.
Global Collection Merchandising Manager Denim
Tempo Indeterminato · VICENZA
CONFIDENZIALE
HR Business Partner
Tempo Indeterminato · TORINO
COMUNELLO & ASSOCIATI SRL
Buyer Accessori di Produzione e Lavorazioni
Tempo Indeterminato · PADOVA
CMP CONSULTING
E-Commerce Specialist - Korean Speaking
Tempo Indeterminato · MILANO
BOTTEGA VENETA S.R.L
Bottega Veneta Global Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
Di
Ansa
Pubblicato il
12 apr 2022
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

'Non solo kimono': oggi il Giapponismo è Pop

Di
Ansa
Pubblicato il
12 apr 2022

"Nonostante ancora oggi l'abbigliamento giapponese venga identificato perlopiù con il kimono, in realtà non è stato solo il kimono a influenzare la moda italiana. Infatti anche la moda giapponese contemporanea - sia quella prodotta dai fashion designer d'avanguardia, sia quella proposta dalle subculture giovanili - è stata ed è tuttora fonte di ispirazione per le case di moda italiane". Lo scrive Laura Dimitrio in Non solo Kimono - Come il Giappone ha rivoluzionato la moda italiana, volume edito da Skira.

Ansa


Quando si considera l'abbigliamento giapponese, il pensiero - considera la docente e studiosa di storia della moda - corre subito al kimono, che ha riscosso uno straordinario successo in Europa e in Italia fin dal tardo Ottocento. Da allora il suo taglio e i suoi motivi decorativi - spiega il bel volume - sono diventati fonte di ispirazione per gli stilisti, desiderosi di proporre abiti con forme e decorazioni sconosciute alla tradizione sartoriale occidentale.

Ma il kimono non è stato l'unico aspetto della moda nipponica a rivoluzionare lo stile italiano. A partire dagli anni Settanta, i fashion designer giapponesi d'avanguardia (Kenzo Takada, Issey Miyake, Yohji Yamamoto e Rei Kawakubo) con i loro abiti asimmetrici hanno sovvertito i tradizionali canoni estetici e sono diventati un punto di riferimento anche in Italia per i creatori di moda più anticonformisti. Tra la fine del Novecento e l'inizio del nuovo millennio, poi, si sono diffuse in Italia le subculture giapponesi, dalla moda kawaii ai cosplayer fino alle Lolita.

Questo 'pop-giapponismo' è una fase dell'interesse per le influenze orientali che "si distingue dalle due precedenti per il coinvolgimento dei giovani, che si accostano alla cultura nipponica con una naturalezza ignota alle generazioni passate e per il fatto che si basa sulla "Japanese contemporary pop culture", che comprende i manga, gli anime e i videogame, ma anche il cibo, dal sushi al sashimi".

Il volume dimostra tutto ciò con un ricco apparato iconografico: immagini tratte da riviste di moda, fotografie e bozzetti provenienti dagli archivi dei musei e dei brand. A suggello, una prefazione firmata da Akiko Fukai, direttrice e Curator Emeritus del Kyoto Costume Institute, massima esperta del giapponismo nella moda.

Copyright © 2022 ANSA. All rights reserved.

Tags :
Lusso
Altro
media