×
1 609
Fashion Jobs
BOTTEGA VENETA SRL
Bottega Veneta People Engagement And Employer Branding Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
ANONIMA
Allocatore
Tempo Indeterminato · MILANO
GIORGIO ARMANI S.P.A.
Retail Training Specialist
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENZIALE
Retail Manager
Tempo Indeterminato · NAPOLI
ANONIMO
Responsabile di Magazzino
Tempo Indeterminato · MILANO
MICHAEL PAGE ITALIA
Head of Communication Per Noto Brand Del Lusso
Tempo Indeterminato ·
BALENCIAGA LOGISTICA S.R.L.
Balenciaga IT Project Leader
Tempo Indeterminato ·
SELTIS HUB SRL
Autista Personale di Presidenza
Tempo Indeterminato · MILANO
CONFIDENTIAL
Responsabile Ufficio Tecnico
Tempo Indeterminato · NOLA
FOURCORNERS
Media Marketing Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
LAVOROPIÙ DIVISIONE MODA
E-Commerce Specialist Azienda Fashion
Tempo Indeterminato · GAGGIO MONTANO
FOURCORNERS
Sales Account
Tempo Indeterminato · REGGIO CALABRIA
CONFIDENZIALE
Sales Manager
Tempo Indeterminato · MILANO
CVG GOLD
Senior Buyer Retail
Tempo Indeterminato · MILANO
FOURCORNERS
Fabric Research Director
Tempo Indeterminato · MILANO
RANDSTAD ITALIA
Replenishment
Tempo Indeterminato · MILANO
WYCON S.P.A
District Manager Wycon - Calabria
Tempo Indeterminato · COSENZA
RANDSTAD ITALIA
Art Director
Tempo Indeterminato · MILANO
BOT INTERNATIONAL
Digital Marketing Specialist
Tempo Indeterminato · LUGANO
ROSSIMODA S.P.A.
Buyer Componenti Calzatura
Tempo Indeterminato · VIGONZA
FIRST SRL
Helpdesk IT Specialist
Tempo Indeterminato · RHO
DELL'OGLIO
Responsabile Amministrativo
Tempo Indeterminato · PALERMO
Di
Ansa
Pubblicato il
3 dic 2014
Tempo di lettura
2 minuti
Condividi
Scarica
Scaricare l'articolo
Stampa
Clicca qui per stampare
Dimensione del testo
aA+ aA-

'Faking it': a New York in mostra l'arte del falso

Di
Ansa
Pubblicato il
3 dic 2014

Due abiti a confronto, da un lato un Gabrielle 'Coco' Chanel del 1966, dall'altro lo stesso. Due esemplari apparentemente uguali in realtà diversi. Uno, infatti, è un originale, l'altro è una copia autorizzata. Il tessuto è lo stesso ma i dettagli fanno la differenza.

Alcuni degli abiti esposti nella mostra - Foto: fitnyc.edu


I due capi sono il biglietto da visita della mostra 'Faking It: Originals, Copies and Counterfeits' allestita dal Fashion Institute of Technology di New York, inaugurata il 2 dicembre scorso ed aperta fino al 25 aprile 2015. Si tratta di una mostra che esplora i vari livelli di autenticità nella moda spaziando dagli originali, alle copie autorizzate passando per le 'diffusion line' fino ai veramente falsi.

Circa 100 pezzi che coprono un arco di tempo di 150 anni provenienti dalla collezione Fit e alcuni dei quali mai messi in mostra prima. "Charles Frederick Worth - ha detto la curatrice Ariele Elia - è di fatto il primo designer ad avere creato una 'griffe' firmando i suoi capi e questo fece delle sue creazioni pane per i denti per i falsari".

Il 'falso' quindi comincia a farsi strada tra la fine del XIX secolo e inizio XX e nel 1914 il numero di falsificazioni delle firme era già arrivato a due milioni. "Gli stilisti - continua - hanno cercato in vari modi di impedire che i loro capi venissero copiati. Madelaine Vionnet ad esempio era solita autenticare l'etichetta con l'impronta del suo pollice. Purtroppo ciò non ha impedito di riprodurre falsi".

Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, le creazioni di Dior erano diventate oggetto del desiderio tra le donne negli Stati Uniti. Un sogno a portata di poche tasche e che ha scatenato la mano dei falsificatori per accontentare tutte le richieste. Così Christian Dior e altri stilisti europei hanno cercato di limitare i danni sia autorizzando i principali department store a vendere copie autorizzate degli originali sia creando linee secondarie da vendere negli Stati Uniti.

Alla fine degli anni '50 è stato invece Emilio Pucci a creare il copyright dell'etichetta firmandola anche. Chanel invece più che 'combattere' il nemico ha preso la copia come una forma di pubblicità gratuita per le sue creazioni.

"Il falso vero e proprio - spiega la Elia - è esploso alla fine degli anni '80, con la Cina ha cominciato a produrre copie contraffatte di nomi come Louis Vitton, Gucci, Chanel. Internet ha fatto il resto, consentendo ad esempio di acquistare borse del valore di migliaia di dollari per poche decine di dollari". Italia, Francia e Regno Unito sono i paesi con le regole più ferree contro la contraffazione. Negli Stati Uniti purtroppo non c'è una legge che protegga il copyright. Nel 2012 è stata proposta una legge ma il Congresso ancora non l'ha approvata.

Copyright © 2021 ANSA. All rights reserved.