Vivienne Westwood: il cambiamento climatico conta più dei vestiti

Vivienne Westwood ha ottenuto l’ultimo premio della sua brillante carriera nella moda lo scorso weekend in Italia, anche se quando si parla di questa signora britannica, insignita del titolo di Dame nel Regno Unito, è palese che ormai lei sia molto più interessata al clima che ai vestiti.

Vivienne Westwood con Pascal Vicedomini - Photo: Ischia Global Fest

“Sono annoiata dalla moda e molto più preoccupata per la salute del pianeta. Abbiamo a malapena una generazione per cambiare le cose prima che sia troppo tardi”, ha sostenuto la Westwood.
 
Vivienne Westwood è stata la destinataria 2018 del premio ‘Excellence Award’ all’Ischia Film & Music Global Fest, che le è stato consegnato domenica mattina. Nell’albo d’oro succede ai colleghi stilisti Jean-Paul Gaultier e Carolina Herrera, vincitori dell’Ischia Global Fest delle precedenti due edizioni.
 
La Westwood ha sostanzialmente consegnato il design delle collezioni di moda della sua azienda nelle mani di Andreas Kronthaler, suo marito e collaboratore di lunga data come stilista. In settembre, Kronthaler presenterà la collezione primavera-estate 2019 durante la stagione delle sfilate di Parigi, mentre all’inizio di dicembre la sua casa di moda lancerà una collezione congiunta con Burberry, in partnership con il nuovo direttore creativo della firma inglese, Riccardo Tisci.
 
“Sarà una collezione unica, composta di idee classiche Westwood: blazer ben tagliati di Andreas o alcuni dei miei kilt punk con le cinghie. Ma tutto realizzato nel plaid Burberry. E molto ingegnoso”, sorride la designer alle prese con un pranzo vegano di verdure dell'isola.
 
Anche a 77 anni, la stilista rimane straordinariamente impegnata. È intensamente coinvolta nella lotta contro il riscaldamento globale; e cura un blog molto attivo chiamato “Climate Revolution”.
 
Vivienne Westwood rimane una vera icona della moda. Ha ricevuto un enorme applauso quando ha accettato di ricevere il suo ‘Sea Horse Award’ all’Hotel Regina Isabella. Un hotel storico del jet-set italiano – nel quale Richard Burton ed Elizabeth Taylor vissero la loro appassionata storia d'amore durante le riprese del film “Cleopatra” nel 1963.
 
“Abbiamo un enorme problema globale: i politici non ascoltano gli scienziati. Abbiamo appena 20 anni per fermare le cose, altrimenti raggiungeremo un punto di non ritorno e potremo tracciare una linea che attraversi tutta la terra e qualsiasi luogo al di sotto di Parigi sarà inabitabile. Entro la fine di questo secolo saremo solo un miliardo di persone”, ha predetto, scatenando gli applausi del pubblico di circa 500 persone.
 
Quest’anno l’Ischia Global Fest (fondato e guidato dal cineasta e critico cinematografico Pascal Vicedomini) ha premiato anche il famoso produttore musicale Quincy Jones con un ‘Legend Award’ e ha assegnato il premio di ‘Ischia Actor of the Year’ a Marcello Fonte, l’attore non professionista che ha vinto il premio di miglior attore al Festival di Cannes la scorsa primavera per il suo ruolo nel film neorealista “Dogman” di Matteo Garrone.
 
Due volte vincitrice del premio del British Fashion Council di ‘Designer of the Year’, la Westwood ha ricevuto il riconoscimento dopo una proiezione cinematografica su una scogliera affacciata al di sopra di una piccola baia sull'isola verde. Mai scelta di location è stata più adatta, dato l’impegno della designer nel sostenere la foresta pluviale attraverso il movimento Cool Earth.
 
“Non proviamo a comprare la foresta, ma lavoriamo con le popolazioni indigene per far ottenere loro dei documenti completamente legali, in modo che possano possedere il loro pezzo di foresta dove hanno vissuto per centinaia di anni. Si occupano con passione della loro terra e diamo loro la stessa quantità di denaro per salvare la foresta che i taglialegna gli avrebbero dato per abbatterla. Il piano è di salvare l'intera foresta dall’abbattimento per cento milioni di sterline, che è davvero poco in fondo. Anche la Regina si è unita al progetto e ora ci sta lavorando. Ogni sterlina salva un albero”, ha spiegato la regina del punk, vestita con un abito sari di chiffon color ecrù.
 
“Non abbiamo scelta tra un'economia verde e l'estinzione di massa”, ha insistito la Westwood, che ha ricevuto il titolo di Dame (la versione al femminile del Sir, il baronetto) nel 2003 dalla Regina Elisabetta II, 25 anni dopo che la designer ha deturpato la faccia della monarca con spille da balia sulle sue magliette.
 
Madre di due figli – il fotografo Ben Westwood e il fondatore di Agent Provocateur Joe Corré (dal suo secondo matrimonio con Malcolm McLaren) – la Westwood è diventata nonna due anni fa, di Bamboo Westwood. Nel lontano 1971, Vivienne Westwood esplose nell'immaginario collettivo con il suo primo negozio fondato con McLaren – “Let it Rock” al 430 di Kings Road. Nel 1975, l'anno del punk, il loro negozio, ribattezzato “Sex”, divenne la Mecca del movimento anti-establishment. I suoi kilt in tartan punk rock; le giacche retrò da Teddy Boy; i top strappati a stampe leopardate o le tenute da bondage squarciate con stampe di svastiche e slogan situazionisti divennero le uniformi di tutta quell'era.
 
Ma nel 1992, questa imperatrice dell’eleganza sovversiva portò la sua collezione in passerella a Parigi – la prima stilista britannica a farlo dai tempi di Mary Quant – canalizzando la sua estetica in idee più teatrali nelle acclamate linee “Anglomania” e “Red Label”, incorporando tessuti del XVII e XVIII secolo nelle tecniche sartoriali di Savile Row. Ha sviluppato importanti attività nel Regno Unito, negli Stati Uniti e, soprattutto, in Corea e in Giappone, dove ha ancora decine di negozi. La Westwood vanta anche una serie di profumi di successo e persino un clan scozzese con un suo tartan, MacAndreas.  
 
Ma in questi giorni la sua principale ossessione è la lotta contro il riscaldamento globale, che si può seguire sul suo blog e diario, il cui nome è tipicamente insurrezionale: “Climate Revolution” ("Rivoluzione del clima").

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - Prêt à porter CreazionePeople