Uriage si rivolge più intensamente al consumatore finale

Rivolgersi in maniera più diretta all'utente finale è uno degli obiettivi di Uriage. Per il lancio della sua nuovissima linea anti-età “Age Protect” (che fra l’altro protegge dalla luce blu degli schermi digitali), il marchio dermoscosmetico ha effettuato dei grossi investimenti mediatici. "Anche se la prescrizione medica rimane il centro della strategia, ci rivolgeremo maggiormente verso il BtoC. Oltre a una campagna digitale, per “Age Protect”, abbiamo investito in quasi 8.000 pannelli pubblicitari alle fermate degli autobus e lanciato per la prima volta uno spot radiofonico in Francia”, precisa Pauline Blanc, direttrice del marchio Uriage.

"Age Protect", l'ultima gamma di prodotti anti-età di Triage - DR

Posizionato nel segmento altamente competitivo della dermocosmesi e dovendo affrontare marchi proposti da gruppi di dimensioni imponenti come L'Oréal (Vichy, La Roche-Posay) o Pierre Fabre (Avène), Uriage punta dunque ad aumentare la propria popolarità e reputazione. Questa strategia accompagna anche la mutazione di farmacie e parafarmacie, una rete dinamica, ad eccezione del 2017, dove le vendite sell-out mostrano una contrazione dello 0,8%, dove, come nel caso della profumeria selettiva, i clienti sono alla ricerca di consigli, ma soprattutto di un’esperienza. Presente in 5.000 farmacie francesi, Uriage ha sviluppato un nuovo merchandising e un’inedita piattaforma di marca affiancata da una nuova etichetta, “l’acqua termale delle Alpi”, che richiama le sue radici alpine. "Vendiamo ogni anno tre milioni di bottiglie della nostra acqua termale", ricorda Pauline Blanc.
 
Il maggior vettore di crescita resta tuttavia l’insieme dei mercati esteri. Comprato alla famiglia Bouchara nel 2011 da Exea, la holding familiare del gruppo catalano Puig, in società con M3 Invest, Uriage realizza un fatturato consolidato di 50 milioni di euro in Francia e di 130 milioni nelle 80 nazioni in cui è presente all’estero. Paesi che dovrebbero rappresentare i due terzi delle vendite del marchio entro i prossimi tre anni. Il marchio con sede a Neuilly-sur-Seine, che ricorda di crescere del 12% all’anno dal 2012, punta a crescere del 10% fino al 2020.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

CosmeticimediaBusiness