UNIC: il settore italiano della conceria è vivo, vitale e sostenibile

“La conceria italiana è viva e, soprattutto, vitale”. Frase sintetica, ma efficace, espressa da Gianni Russo, presidente dell’UNIC (Unione Nazionale Industria Conciaria) per introdurre i temi trattati durante l’assemblea 2017 di categoria, recentemente svoltasi a Milano, presso Palazzo Mezzanotte, con il titolo: “Conceria: una straordinaria storia italiana”.

Un momento dell'assemblea UNIC

“Siamo 1.200 aziende molto diverse per dimensioni e vocazioni operative”, ha continuato Russo. “Se volessimo utilizzare un termine alla moda, potremmo dire che la conceria italiana presenta una spiccata biodiversità”. Fattore vincente che, a prescindere dalle oscillazioni congiunturali, permette alla conceria italiana di mantenere saldamente il suo ruolo di leader internazionale, perché “cresciamo e progrediamo sul mercato, adeguandoci al nuovo che avanza”.

Parole che, nei numeri, si traducono nel “1° posto al mondo per valore di produzione, 4° per volume e 1° posto per valore dell’export”, ha proseguito Russo, “che nel 2016 ha raggiunto i 3,8 miliardi di euro, pari a una quota superiore al 76% del fatturato, raggiungendo i mercati di 114 Paesi. Primati che rafforzano la resistenza della conceria italiana nel 2016, anno in cui il bilancio si è chiuso pressoché in linea con quello precedente, con un calo molto contenuto in quantità (-1,7%) e valore (-3,4%). Deboli le destinazioni moda, in crescita quelle dell’imbottito, soprattutto per interni auto (+8%) e con l’arredo che è tornato in area positiva”.

Numeri che attestano il primato della conceria italiana anche sotto il profilo della sostenibilità. L’Assemblea 2017, infatti, è stata l’occasione per presentare l’edizione numero 15 del “Rapporto di Sostenibilità UNIC”, sviluppato in una forma del tutto nuova rispetto al passato. Rivisto il concept editoriale, in chiave di “racconto” dell’eccellenza sostenibile italiana, il nuovo Rapporto si articola in un percorso scandito da 7 parole chiave, spiegando le ragioni per cui la pelle italiana genera Emozione, crea Valore ed è Naturale, Pulita, Sicura, Etica, Innovativa.

Con una nuova veste grafica, UNIC propone il “Rapporto di Sostenibilità” in vari formati, per ampliarne la possibilità di diffusione, destinandola a tutta l’area pelle, dai fornitori fino al consumatore finale: un’edizione cartacea in lingua italiana, inglese e francese, che si può anche sfogliare e scaricare online; un pieghevole in versione bilingue che sintetizza le 7 parole chiave e le rende “virali”.

L’Assemblea UNIC 2017 ha confermato per il biennio 2017-2018 la presidenza di Gianni Russo e la vicepresidenza di Graziano Balducci, Alessandro Iliprandi, Rino Mastrotto, Piero Rosati, Giuseppe Walter Peretti.

Copyright © 2017 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

TessileIndustryBusiness