Tod's nomina un nuovo AD e annuncia risultati dei 9 mesi in calo

Il CdA del gruppo marchigiano di calzature Tod's annuncia grandi novità all'interno del suo team dirigenziale. L'attuale CEO, Stefano Sincini, lascerà infatti la sua carica a Umberto Macchi di Cellere, in precedenza Managing Director Worldwide Sales per tutte le categorie di prodotto di Bulgari.

Umberto Macchi di Cellere - daman.co.id Sunaryo & courtesy of Bulgari

Macchi di Cellere ha raggiunto un accordo per il suo ingresso in azienda già dal prossimo 1° dicembre, "quale direttore generale munito di adeguate deleghe operative; il processo di avvicendamento si completerà con l’assunzione della carica di amministratore delegato, in occasione della prossima assemblea dei soci".

"Macchi di Cellere porta in dote al Gruppo una lunga e solida esperienza manageriale e una spiccata sensibilità di marketing e commerciale, maturata con una lunga permanenza in uno dei più importanti marchi del lusso a livello mondiale", ha commentato l'azienda in una nota ufficiale.

Il fatturato consolidato del gruppo Tod's è stato di 722,2 milioni di euro nei primi nove mesi del 2017, -4,7% rispetto al corrispondente periodo del 2016. Numeri, ha commentato il Presidente e AD del Gruppo Diego Della Valle, "in parte influenzati da alcuni imprevisti nelle consegne e dalla distribuzione wholesale, che risulta in alcuni mercati in forte tensione finanziaria, tanto da suggerire grande prudenza".

"Al di là di queste considerazioni”, ha aggiunto Della Valle, “il Gruppo è in piena fase di attivazione del nuovo modello di business, a suo tempo definito, e consideriamo giusta e coerente la strategia che abbiamo scelto per lo sviluppo futuro dei marchi. Per quanto riguarda l'anno in corso, riteniamo che i risultati saranno allineati alle attese del mercato. La consapevolezza di consumatori più attenti alle innovazioni ed alla creatività ed i nuovi canali di comunicazione e di vendita, indispensabili per catturare il loro interesse, sono alcuni dei punti chiave del nostro piano", continua Della Valle.

Uno store di Tod's - REUTERS/Tony Gentile/File Photo

Tra i diversi marchi del gruppo, sempre nei primi nove mesi dell'esercizio, i ricavi del marchio Tod's ammontano a 388,6 milioni di euro (-7,4% a cambi correnti, -7,2% a cambi costanti). “Il rallentamento del terzo trimestre è principalmente legato alla diversa tempistica delle spedizioni delle collezioni invernali", ha spiegato la società. Il marchio Hogan ha registrato ricavi pari a 156,8 milioni di euro (-8,8%); come già commentato per i precedenti trimestri, il calo è principalmente dovuto alla debolezza del mercato italiano, soprattutto a livello di canale wholesale. Il brand Roger Vivier ha invece totalizzato 131,3 milioni di euro vendite, con una crescita del 9,6% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Buoni i risultati su tutti i mercati, ad eccezione di quello americano, che continua ad essere penalizzato dal forte calo di traffico dei clienti. Infine, i ricavi del marchio Fay ammontano a 44,8 milioni di euro, in lieve calo rispetto ai 9 mesi del 2016 (-1,7%). Buoni i risultati del marchio nei Paesi europei, in cui è attualmente focalizzata la sua internazionalizzazione. Tra i diversi settori, -4,9% i ricavi nelle calzature, -3,8% per pelletteria e accessori, -3,2% per l'abbigliamento.

Con Ansa e Adnkronos

Copyright © 2017 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - ScarpeNomineBusiness