Tiffany & Co. corre nel periodo festivo, +8% di ricavi

La storica griffe americana di gioielli di lusso Tiffany & Co. ha chiuso il periodo festivo (novembre-dicembre 2017) con vendite nette in aumento dell’8% pari ad 1,05 miliardi di dollari (quasi 858 milioni di euro).

Tiffany & Co - tiffany.com/accessories/everyday-objects

La società ha dichiarato in una nota che a trainare la crescita hanno contribuito, “tutti i mercati e tutte le categorie di prodotto, dai gioielli agli orologi fino agli accessori”.
 
Gli ottimi risultati conseguiti nel periodo, chiusosi il 31 dicembre 2017, hanno indotto il management ad alzare le stime di fatturato per l’esercizio fiscale 2017, che terminerà il 31 gennaio 2018, con un aumento rispetto all'anno precedente di circa il 4%. Il gioielliere statunitense aveva ottenuto un incremento delle vendite maggiore rispetto alle previsioni anche nello scorso terzo trimestre, superando di quasi 20 milioni di dollari le attese degli analisti.
 
Dal punto di vista geografico, spicca l’ottima performance della regione Asia-Pacifico, che ha riportato vendite totali in aumento del 16% a 232 milioni di dollari; bene anche le Americhe, dove i ricavi sono incrementati del 7% a 516 milioni di dollari. In Europa le vendite sono aumentate del 14% a 136 milioni di dollari.
 
Al 31 dicembre 2017, la società con base a New York vantava un network distributivo di 316 store, di cui 125 nelle Americhe, 87 in Asia-Pacifico, 54 in Giappone, 46 in Europa e 4 negli Emirati Arabi.

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

GioielleriaBusiness