Save My Bag apre il suo primo monomarca nel Quadrilatero della Moda di Milano

Continua l’espansione retail del brand italiano. Oltre ai numerosi negozi aperti nel resto del mondo, in Italia Save My Bag apre ufficialmente il suo primo flagship store a Milano, che sarà inaugurato il 22 giugno con un evento all’insegna di installazioni e live performance, in Via Manzoni 37.

Save My Bag a Puerto Cancùn

Con l’inaugurazione della boutique di Milano, inizialmente prevista per marzo, salgono così ad 8 i monomarca Save My Bag presenti in Italia, mentre si è appena arrivati a quota 15 all’estero. Per tutti sono state scelte posizioni di massimo prestigio, location top capaci di conciliare immagine e potenzialità commerciali, ricorda la società nella nota ufficiale.
 
Solo in questo mese di maggio, il marchio italiano di borse in poly-lycra fondato nel 2013 dalla società bergamasca Sedicisei ha inaugurato nuovi monomarca in Messico, Spagna e Giappone.
 
Primo del mese è stato Puerto Cancùn, all’interno del “Marina Town Center”, prestigioso centro frequentato dall’upper class, con tanto di approdo diretto di grandi yacht. La terza apertura in pochi mesi in territorio messicano.
 
A seguire ha aperto le porte Palma de Mallorca, in una location di spicco nel pieno centro storico della città. Con questo nuovo negozio diventano quindi 4 gli store monomarca di Save My Bag presenti in Spagna, dopo Madrid, Valencia e Alicante.
 
Ultima apertura in ordine di tempo è stata quella di Tokyo, nell’esclusivo quartiere Harajuku, che va ad aggiungersi ai 2 monomarca aperti a Osaka. Gli altri 4 monomarca esteri di Save My Bag si trovano a Istanbul, Kuala Lumpur, Singapore e Sydney. Entro la fine dell’anno il brand ha previsto altre inaugurazioni di negozi (di proprietà o in franchising) a Kiev, Praga e ancora Singapore.

Save My Bag a Puerto Cancùn

Il design concept di ogni boutique è stato appositamente studiato per garantire ovunque la riconoscibilità del brand. Elementi a specchio e pareti espositive che presentano la variegata gamma cromatica delle borse sono solo alcuni dei tratti rappresentativi dei singoli negozi. Per il flagship di Milano sono stati ovviamente previsti elementi d’arredo e finiture che lo contraddistingueranno rispetto agli altri, donando allo store dei tocchi di lusso contemporaneo.

Save My Bag produce anche borselli e porta iPad, anche per uomo, dalle fantasie stilistiche più geometriche e dotate di colori meno vivaci, ma anche una linea di foulard e una di charms, composte di elementi pensati per essere applicati alle borse per impreziosirle e personalizzarle. Completano il tutto, una label di orologi (Save My Day), la collezione di tappeti “Poly Carpet” e quella di cuscini “Poly Pillow”.
 
Il brand Save My Bag è stato creato quattro anni fa dall’imprenditore Stefano Agazzi, di Valbrembo, poco distante da Bergamo, e da sua moglie, l'italo-thailandese Valentina Azzia, inserendosi in una nicchia di mercato sostanzialmente scoperta: realizzare una borsa in un tessuto innovativo (lycra italiana e una spugna a bassa densità), impermeabile, lavabile, morbido ed elastico, che permettesse di usare le bag come “coperture” per proteggere la propria borsa da urti, pioggia e simili. La borsa ottenuta è pensata per essere abbinata, in un guardaroba femminile, ai modelli tradizionali, ma vuole essere più accessibile, versatile, multifunzionale e spingere all’acquisto emozionale.
 
L’azienda con sede a Comun Nuovo (BG) ostenta orgogliosamente la produzione organizzata sul proprio territorio, in cui dal taglio del tessuto fino al prodotto finito tutto è fatto internamente, con l’acquisto della lycra a Carvico, la realizzazione del tessuto accoppiato poly-lycra in un laboratorio della bergamasca e la lavorazione finale nella sede di Comun Nuovo.
 
Recentemente, la Sedicisei ha anche acquistato un capannone a Zingonia di circa 1.500 metri quadrati per organizzare meglio la logistica. I dipendenti della società sono 110, e lavorano anche per l’altra società della coppia di fondatori, la To Be Packing, che si occupa di packaging.

Save My Bag, "Miss Weekender"

Dopo aver triplicato il fatturato nei primi 3 anni di attività, passato dai 1,35 milioni di euro del 2014 ai 4,5 milioni di euro del 2015, nel 2016 Save My Bag ha raggiunto i 10 milioni di turnover, con una stima per un +40% nel 2017.
 
Uno sviluppo importante quello del marchio bergamasco (che produce ormai 1.500 pezzi al giorno ed è distribuito in oltre 900 punti vendita multimarca mondiali, tra cui Saks e Bloomingdale’s a New York, gli El Corte Inglés spagnoli e Fenwick a Londra, e che ora guarda verso Oriente per espandersi ulteriormente), tanto che sta facendo scuola, visto che è diventato un caso di studio alla Bocconi di Milano, al master in Fashion, Experience & Design Management.

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - AccessoriDistribuzioneBusiness
ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER