Salvatore Ferragamo, in mostra a Firenze gli anni di Hollywood

"L'Italia a Hollywood" è il titolo della nuova mostra al Museo Ferragamo di Firenze, curata da Giuliana Muscio e Stefania Ricci, dal prossimo 24 maggio fino al 10 marzo 2019.

Salvatore Ferragamo - ANSA

In scena gli anni dal 1915 al 1927, trascorsi da Salvatore Ferragamo negli Stati Uniti, in particolar modo a Santa Barbara in California, guardando alla collaborazione con i registi più famosi del tempo, come David Wark Griffith e Cecil B. DeMille, ma anche all'apertura dell'Hollywood Boot Shop, il negozio in Hollywood Boulevard frequentato da star del calibro di Mary Pickford, Charlie Chaplin, Joan Crawford, Lillian Gish e Rodolfo Valentino.

C'è un'ampia sezione dedicata alle produzioni cinematografiche californiane in cui è manifesto il richiamo all'italianità, poi il percorso focalizza l'attenzione sul mondo dell'arte, dell'artigianato e dello spettacolo, sviluppandosi come la trama di un film. L'impressione per il visitatore infatti è quella di trovarsi su un set cinematografico (alimentata dall'allestimento scenografico di Maurizio Balò, che trae ispirazione dagli studios americani degli anni Venti).

Attraverso fotografie, spezzoni di film, oggetti, abiti e raffigurazioni artistiche, la mostra illustra anche le relazioni e il ruolo svolto dagli Italiani e dall'arte italiana nella nascita del cinema muto, e di quello contemporaneo. Ne è infatti parte integrante il progetto “Two Young Italians in Hollywood”, curato da Lo Schermo dell'Arte Film Festival, che prevede il coinvolgimento di due giovani artisti italiani che lavorano a Los Angeles, Manfredi Gioacchini e Yuri Ancarani.

La mostra si avvale di prestiti prestigiosi, forniti da musei e collezioni pubbliche e private italiane e americane, e della collaborazione di alcune importanti istituzioni legate al mondo e alla storia del cinema.

Copyright © 2018 ANSA. All rights reserved.

Lusso - AccessoriLusso - ScarpeLusso - AltroEventi