Richard Ginori: doBank rigetta la proposta di acquisto del sito industriale

Richard Ginori, storica azienda del Made in Italy specializzata nella produzione di porcellane e dal 2013 di proprietà del gruppo Kering, ha annunciato di essere stata informata dalla società proprietaria del sito industriale di Sesto Fiorentino, dove attualmente si svolge l’attività produttiva della Manifattura, della comunicazione ufficiale di rigetto da parte di doBank - per quanto riguarda la quota di sua competenza - dell’offerta presentata dalla Richard Ginori lo scorso 6 giugno 2017. 

Manifattura Ginori

L’offerta era stata formulata da Richard Ginori sulla base dell’ipotesi di accordo raggiunto a fine maggio nell’ambito del tavolo di trattativa organizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) con i delegati del Comune di Sesto Fiorentino, della Regione Toscana, della società Richard Ginori, delle banche creditrici e i liquidatori. 
 
A fronte di questa “incomprensibile decisione”, Richard Ginori ha comunque riconfermato la propria offerta relativa all’acquisto del sito industriale, che resta valida fino al 30 settembre 2017, con l’auspicio che i vertici di doBank possano rivalutare la propria decisione.
 
La società ha inoltre ribadito che “non è possibile immaginare il futuro dell’azienda e dei suoi lavoratori senza l’acquisizione dello stabilimento, né di essere disponibile a protrarre oltre tale data una situazione di incertezza che si trascina da troppo tempo”.
 
Negli ultimi cinque anni, il gruppo Kering ha provveduto a ricapitalizzare le perdite di esercizio, promuovendo investimenti per il miglioramento sia dell’area commerciale (riposizionamento del marchio, aperture di nuovi flagship stores), che di quella industriale (avvio progetti di lean manufacturing, adeguamento e messa in sicurezza dell’immobile, ammodernamento degli impianti, ampliamento delle competenze e assunzione di apprendisti).
 
Tra gli ultimi investimenti, c’è il piano di acquisizione dell’immobile in cui è sito lo stabilimento e le sue installazioni industriali. 
 
La Manifattura Ginori prenderà parte all’incontro richiesto dal MISE che ha convocato tutte le parti coinvolte il prossimo 6 settembre a Roma, nell’auspicio che possa essere finalizzata l’ipotesi di accordo già raggiunto a fine maggio. 

Copyright © 2017 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Arte della tavolaBusiness