Ralph Lauren: il fatturato diminuisce del 12% nel 4° trimestre dell'anno fiscale scalato

L’azione di Ralph Lauren è crollata al suo livello più basso in otto anni giovedì a Wall Street, perché il gruppo del lusso ha preannunciato che otterrà un fatturato a perimetro comparabile nettamente più basso del previsto nel quarto trimestre del suo esercizio scalato.

Ralph Lauren - Autunno-Inverno 2017 - Womenswear - New York - © PixelFormula

A negozi comparabili, il gruppo ha visto diminuire il volume d’affari del 12%, mentre gli analisti puntavano in media su una diminuzione del 6,5%, secondo Consensus Metrix.
 
Il titolo perdeva ancora lo 0,5%, a 72,46 dollari verso le 16:05 ora italiana, dopo aver
perso fino al 2,86% nei primi scambi, a 70,67 dollari, suo livello più basso da settembre 2009, mentre guadagnava ciorca il 6% negli scambi pre-sessione.

“Ralph Lauren sta tendando di riprendersi da moltissimo tempo. Sono ormai più di due anni”, sottolinea Neil Saunders, di GlobalData Retail. “C’è una mancanza di fiducia da parte degli investitori nella capacità della società di portare a buon fine in questa fase tutte le iniziative annunciate”.
 
Ralph Lauren sta cercando di ridurre i costi sopprimendo dei posti di lavoro e chiudendo vari punti vendita, tra i quali il suo iconico negozio Polo della 5th Avenue di New York.
 
Il fatturato totale del gruppo e i risultati del quarto trimestre sono invece stati superiori alle attese, anche perché il gruppo ha limitato le sue offerte di sconto e ha ridotto le scorte per tentare di aumentare i margini di profitto.
 
Tuttavia, Ralph Lauren si aspetta di veder calare il fatturato del primo trimestre in corso di poco più del 10%.
 
Come altre catene di negozi di abbigliamento, il gruppo statunitense stenta a veder crescere di nuovo le vendite e deve affrontare un’agguerrita concorrenza, in un contesto congiunturale sfavorevole dovuto al netto calo della domanda.
 
Il margine lordo del gruppo è cresciuto di 90 punti base, al 55,4%, nel quarto trimestre, chiuso il 1° aprile.
 
Nel corso del periodo, la società ha accusato una perdita netta di 204 milioni di dollari (183,46 milioni di euro), pari a 2,48 dollari per azione, relativa a un accantonamento economico per la ristrutturazione e a indennità di licenziamento per oltre 300 milioni di dollari. Nello stesso periodo dell’anno scorso, l’utile netto aveva raggiunto i 41,3 milioni di dollari, vale a dire 49 centesimi per azione.
 
Escludendo gli elementi eccezionali, l’utile netto per azione ha raggiunto gli 89 centesimi, sostenuto dalla diminuzione dei costi, mentre gli analisti si aspettavano in media un utile netto ad azione di 11 centesimi per titolo, secondo Thomson Reuters I/B/E/S.
 
Il giro d’affari di Ralph Lauren è calato del 16,3%, a 1,57 miliardi di dollari, contro la stima media che prevedeva 1,56 miliardi.
 
Versione italiana di Gianluca Bolelli; fonte: Reuters

Copyright © 2017 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Lusso - Prêt à porterBusiness