Playtime: aumentati i visitatori esteri

Nella sua 23ma edizione, svoltasi dal 27 al 29 gennaio al Parc Floral di Parigi, il salone di moda bambino Playtime Paris ha accolto 7.654 visitatori, una cifra stabile rispetto alla sessione di gennaio 2017, che aveva ospitato 7.689 persone. “In un periodo in cui i saloni s’interrogano sul loro futuro e sono messi profondamente in discussione, siamo felici di notare che la scommessa fatta da Playtime oltre 10 anni fa soddisfa pienamente le attuali esigenze del mercato”, sottolinea Sébastien de Hutten, il direttore della fiera.

Tra le corsie del salone Playtime Paris

Questa edizione, che riuniva 540 marchi dell’universo del bambino e della maternità, è stata caratterizzata soprattutto da un incremento dei visitatori esteri, che hanno rappresentato il 57,7% del totale, contro il 55,3% di un anno prima, e ben 69 nazionalità, tra le quali le delegazioni più numerose sono state quelle degli italiani e dei cinesi.
 
Picaflor, l’organizzatore dei saloni a marchio Playtime, ha inoltre approfittato della manifestazione per annunciare il lancio del marketplace Playtime Online. Quattro anni fa, Picaflor si era già lanciata nel mondo virtuale con Playologie, una piattaforma online che oggi riunisce 1.500 compratori e 120 marchi, tra i quali anche alcune label di moda maschile e femminile, e vari brand di design. È proprio guardando all’esperienza Playologie che Picaflor ha sviluppato Playtime Online. Per gestire queste due entità, l'azienda ha poi creato Picaflor Editions, struttura pensata per poter editare in seguito delle piattaforme BtoB anche per altre fiere.
 
Playtime New York si svolgerà dall’11 al 13 febbraio, quindi seguirà l’edizione di Tokyo, dal 20 al 22 febbraio seguenti. Ma c’è anche l’ultima nata: Playtime Berlin, fiera appena terminata (si è svolta il 23 e 24 gennaio) a Palazzo Italia, su Unter den Linden.

Versione italiana di Gianluca Bolelli

Copyright © 2018 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porter Moda - AccessoriSaloni / fiere