Pitti Uomo 92 chiude con il lusso ecofriendly

È un gentleman oppure un millennial giramondo, che ci tiene a vestire con eleganza sportiva, rilassata, curata nei dettagli e attenta all'ambiente, l'uomo disegnato dalle 1.220 aziende che hanno partecipato a Pitti Uomo 92, il salone fiorentino della moda maschile che da oggi passa il testimone alla fashion week di Milano.

Pitti Uomo 92 - AKAstudio - collective

L'uomo di Pitti ama i prodotti speciali che fondono una filosofia evoluta ed eco-friendly ad una vena creativa che prende spunto dall'arte, dal viaggio e dalla fotografia. Un consumatore attento alla qualità e curioso interprete di un nuovo lifestyle all'insegna del benessere, dello sportswear vissuto con naturalezza, nel rispetto per l'ambiente e della condivisione di valori sani. Ama il vestito esteticamente impeccabile, ma fatto sulla base di materiali naturali e anche pregiati ma trattati in maniera naturale per renderli modernamente elastici (Lebole).

È un uomo che adora i jeans, ma speciali come quelli colorati con tinture in gel eco-friendly che magari fanno risparmiare il consumo dell'acqua nella lavorazione del 50% (Roy Roger's). È attento agli accessori e alla loro qualità, ma anche le calzature hanno il pregio di essere fatte con eco materiali, dalla provenienza e concia rintracciabile. Alberto Fasciani, nella sua azienda di Fermo, nelle Marche, realizza mocassini, tronchetti, francesine in pelli sostenibili e rintracciabili.

Anche borse e valigie in pelle sono tinte con colori vegetali, come accade per la prima volta da Montblanc. I capospalla poi devono stabilire un nuovo equilibrio tra urban e outdoor (Herno). E c'è chi salva le penne dei piumini come Donald e Daisy Duck, Paperina e Paperino in 12 colori: all'interno di un cartoon Disney in cui i due famosi pennuti si salvano, come vuole il marchio animal friendly che non usa piume d'oca per le imbottiture e ha come logo un papero che fischietta per non essere stato "spennato".

Poi ci sono i capi in cotone organico accostati a una proposta di outerwear, all'apparenza minimali, ma resistenti, lavabili e duraturi. Forme sharp prendono significato alla luce di una nuova bellezza della semplicità. Su sneaker intese come sintesi di comfort e attenzione al tema ecologico, le suole si vestono di gomma naturale: un materiale vegetale, estratto dall'albero di Hevea, riciclabile al 100%. Per correre col sorriso.

Da Siviglia la natura, con i suoi colori e i suoi valori caratterizzanti, è alla base della filosofia del brand che oltre a puntare su una palette dei colori che raccoglie tutte le nuance della terra e le sfumature del blu del mare del nord, si abbina alle colorazioni grezze delle texture naturali, primo fra tutti il lino. Anche il denim da Siviglia viene aggiornato da trattamenti e lavaggi innovativi e con una grande varietà di combinazioni, varianti e sfumature.

Il jeans è interpretato come capo iconico e cool per veri cultori e intenditori della moda denim. Etichette interne ai capi certificano la sostenibilità dei trattamenti: Natural Life che si concentra sul ciclo di vita e le lavorazioni subite dalla tela ed Eco Wash che evidenzia procedure di lavaggio water saving e utilizzo di prodotti non tossici e a basso impatto ambientale. Focus sull'utilizzo della rinomata tecnica di finissaggio Scendra o cenere, una risorsa naturale locale e sostenibile che conferisce alle fibre e ai tessuti un gusto fresco, riprendendo un'antica tradizione artigianale tramandata dai primi del Novecento.

Copyright © 2017 ANSA. All rights reserved.

Moda - AltroLusso - AltroSaloni / fiere