Pitti Uomo 92: Kiton continua a crescere, USA 1° mercato

Il brand di abbigliamento Made in Italy con sede ad Arzano (NA) si dimostra piuttosto soddisfatto dell’annata 2016, “conclusa con una crescita del 4% a 118 milioni di euro di fatturato”, riferisce a FashionNetwork.com Antonio De Matteis, CEO di Kiton.

Antonio De Matteis, CEO di Kiton - Foto: FashionNetwork.com - Elena Passeri

“L’Italia pesa per il 15% sul turnover, con gli Stati Uniti primo mercato con il 23% del giro d’affari (ed è la regione che sta crescendo meglio di tutte), mentre il secondo mercato sono i Paesi dell’Est Europa, Russia compresa, ma andiamo bene un po’ in tutto il mondo: Europa in generale, Cina, Giappone, ad eccezione del Sud America”, precisa il CEO.
 
Kiton controlla 57 negozi monomarca a metà 2017, 5 in più di fine 2016. A livello di aperture, “dopo l’inaugurazione di un monobrand a Cannes prima di Pasqua, la scorsa settimana abbiamo aperto un secondo negozio a Miami downtown, a Brickell, nel distretto finanziario della città della Florida. Adesso”, continua De Matteis, “tra fine 2017 e inizio 2018, abbiamo in previsione di fermare per un po’ le nuove aperture, passando invece alla ristrutturazione dei primi negozi aperti. Partiremo con il flagship di New York, per il quale l’investimento sarà piuttosto consistente, cui seguirà Parigi, in entrambi i casi arredandoli con il nuovo concept di interni che ha debuttato a Monaco prima di Natale, attraverso il quale cerchiamo di accogliere il cliente in un ambiente ricco di salotti e spazi confortevoli, in cui si possa sentire come a casa sua”.

Copyright © 2017 FashionNetwork.com Tutti i diritti riservati.

Moda - Prêt à porterLusso - Prêt à porterSaloni / fiereDistribuzioneBusiness